Domande e risposte con Hideaki Nishino: sviluppo degli aggiornamenti software di sistema PlayStation

0 0
Domande e risposte con Hideaki Nishino: sviluppo degli aggiornamenti software di sistema PlayStation

Mercoledì scorso, i team di sviluppo del prodotto di PlayStation hanno presentato i nuovi aggiornamenti software di sistema per PS5, PS4 e per l’app PS Remote Play.

Ho incontrato Hideaki Nishino, SVP of Platform Experience, per scoprire in anteprima alcune delle nuove funzioni. Tra cui l’audio 3D per gli altoparlanti TV incorporati e l’espansione della memoria di archiviazione SSD M.2 per PS5. Abbiamo inoltre parlato degli aggiornamenti per le app mobili come la funzione Condividi schermo su PS App, che da ieri è stata distribuita su sistemi iOS e Android.*

Ascolta l’intervista completa in questo podcast PlayStation ufficiale qui per scoprire in dettaglio come sono state sviluppate le funzioni, oppure continua a leggere per scoprire alcuni punti chiave, riformulati per esigenze di brevità e chiarezza.

PlayStation.Blog: Puoi darci un’idea di cosa consiste il tuo lavoro di SVP of Platform Experience?

Nishino: Qui in SIE, mi occupo di prodotti e servizi hardware, software di sistema e piattaforme di rete. Non mi occupo dei giochi e non lavoro con i team degli studi, ma lavoro su tutti gli altri aspetti che non sono strettamente legati ai giochi.

PlayStation.Blog: Congratulazioni per il lancio dell’aggiornamento di sistema per PS5 di settembre. Quali sono secondo te le funzioni più importanti di questo aggiornamento?

Nishino: Abbiamo lanciato molte funzionalità con l’aggiornamento di settembre, ma personalmente quella che preferisco è il tracciamento trofei. Tutti vogliono ottenere sempre più trofei e mostrarli agli altri. La funzione di tracciamento trofei permette di seguire facilmente i trofei che voglio ottenere.

PlayStation.Blog: Molte persone ci hanno chiesto quando sarà disponibile un aggiornamento per il supporto dell’audio 3D dagli altoparlanti della TV (in aggiunta alle cuffie).

Nishino: Sì, capisco. L’audio 3D è stato un elemento chiave della nostra visione per PS5: offrire un’esperienza incredibilmente coinvolgente non solo attraverso la grafica, ma anche attraverso l’audio. Quando si attiva l’audio 3D per gli altoparlanti della TV, il suono è diverso. È difficile descriverlo a parole, ma spero che tutti possano provarlo di persona.

Il suono sembra provenire contemporaneamente da davanti e dall’area vicino alle orecchie. Quindi, offre senz’altro un’esperienza diversa. Sono davvero orgoglioso del team che è riuscito a fornire questa esperienza audio 3D.

PlayStation.Blog: Credo che per molti una delle funzioni più importanti sia la possibilità di ampliare la memoria di archiviazione di PS5 [attraverso SSD M.2]… Cosa significa per il team essere riuscito a offrire una nuova funzione di questa portata?

Nishino: Dal momento che oggi ci sono molti utenti di PS4, abbiamo riscontrato diversi comportamenti di utilizzo della console. Abbiamo lanciato PS5 in due versioni: con unità disco e senza. Il nostro obiettivo era offrire la massima libertà di scelta agli utenti.

Sapevamo che, a prescindere dalla capacità della memoria, prima o poi lo spazio non sarebbe più bastato. Volevamo fornire delle opzioni. Per noi era importante abilitare la funzionalità di upgrade per gli utenti. Abbiamo progettato la funzione SSD M.2 nel 2018. In quel momento, non sapevamo ancora se le unità SSD Gen4 sarebbero arrivate o meno, ma siamo stati ottimisti.

Ci siamo confrontati e ne abbiamo discusso a lungo con [il Lead System Architect Mark Cerny]. Alla fine, abbiamo deciso di procedere. Questa scelta ha spalancato le porte a nuove possibilità per gli utenti, che adesso possono ampliare e potenziare la capacità di PS5. Questa è la conversazione dietro le quinte che abbiamo avuto internamente e sono felice di poter lanciare questa funzione prima del periodo delle festività.

PlayStation.Blog: Quali sono le fasi del processo di progettazione di un aggiornamento del sistema? Come riuscite a elaborarlo?

Nishino: Questo è solo il secondo importante aggiornamento per PS5. Facciamo un salto indietro nel tempo. Per PS4, credo che siano già trascorsi otto anni. Abbiamo imparato molto con PS4 e continuiamo a scoprire come i giocatori utilizzano il sistema e come si comportano i giochi. Sappiamo quali sono le funzioni più apprezzate e più popolari, e quali invece non vengono utilizzate. Quindi, prima del lancio di PS5 avevamo un lunghissimo elenco di cose che volevamo fare. In realtà, volevamo riuscire a farle tutte.

Ci siamo riusciti? Direi di no, non ancora. Ma ci sono idee interessanti, entusiasmanti e fantastiche nell’elenco. Allo stesso tempo, abbiamo lanciato PS5. Quindi, stiamo ricevendo un feedback sostanzioso dalla community attraverso i social network o la telemetria del sistema, oltre che da media, familiari e amici. Abbiamo moltissimi elenchi di feedback.

I nostri aggiornamenti non riguardano solo gli aggiornamenti firmware [più importanti]. Se osserviamo attentamente il sistema PS5, sulla rete stiamo modificando il comportamento dell’esperienza utente con una certa frequenza. A volte, applichiamo alcune personalizzazioni per un dato gruppo di utenti, per vedere come vengono utilizzate queste funzioni. Quindi è un processo dinamico.

PlayStation.Blog: L’accesso alla funzione Condividi schermo tramite PlayStation App è un grande aggiornamento. PS Remote Play adesso è riproducibile anche sulle reti mobili. La scelta di concentrarsi sull’esperienza mobile fa parte di una strategia più grande?

Nishino:PS Remote Play è nata principalmente per ragioni di praticità, ovvero utilizzare al meglio i sistemi PS4 e PS5 quando non si è di fronte alla TV.

Durante la pandemia, ho lavorato da casa. Non ho una PS5 in ufficio, ce l’ho in soggiorno. Tuttavia, devo controllare l’interfaccia utente di PS5 per lavoro e, a volte, per giocare. Quindi, attivo PS Remote Play dal mio PC desktop. E quando voglio giocare a PS5 in giardino in una giornata di sole, porto il mio iPad all’aperto. Con PS Remote Play, l’esperienza di gioco accompagna sempre l’utente, anche quando non si trova di fronte alla TV. Adesso, grazie ai dati mobili, è possibile portare con sé l’esperienza anche fuori casa. Voglio solo fare in modo che gli utenti possano divertirsi con i loro giochi in tanti modi diversi.

Dall’altro lato, c’è la funzione Condividi schermo. Adoro i titoli per giocatore singolo. Con la pandemia, ho provato a giocare a Bloodborne. Per me è tutt’altro che una passeggiata. Stavo parlando con i miei amici di come non riesco a superare questa [particolare] fase. Mi hanno risposto ‘Non è così difficile, puoi farcela’.

Così, un venerdì sera, ho partecipato a una chat di un party con cinque persone. Ho potuto condividere lo schermo della mia PS5. Gli altri ridevano quanto fallivo o morivo per poi rigenerarmi. [Con Share Play], ho provato a cedere il controller a una persona che mi aveva detto di aver superato il livello con facilità. Quando ci ha provato, è morto. Ho detto ‘Cosa ci fai qui! Allora non è vero che sei il migliore’. Le altre tre persone hanno continuato a ridere e chiacchierare. Con Condividi schermo, è stato come stare insieme a loro sul divano a giocare.

PlayStation.Blog: Mi ricorda i tempi in cui, 20 anni fa, il gioco co-op sul divano era spettacolare. È un’esperienza che mi fa rivivere quella sensazione.

Nishino: La cosa entusiasmante è che, prima dell’aggiornamento di settembre, per vedere le immagini del gioco dovevi essere di fronte a PS5. Adesso, dallo smartphone puoi partecipare alle sessioni di gioco ovunque ti trovi. Quindi, adesso abbiamo ricreato l’esperienza dei “vecchi tempi”, quando si giocava con gli amici sul divano di fronte alla TV.

PlayStation.Blog: A cosa stanno lavorando i tuoi colleghi? Puoi darci qualche anticipazione?

Nishino: Come ho detto, riguardando l’elenco delle cose che dobbiamo fare, c’è ancora molto su cui lavorare. Anche la community ci sta chiedendo molto. Per dirlo alla maniera giapponese, sto lavorando assiduamente alle voci dell’elenco e ci saranno altre novità in arrivo in futuro.

Inoltre, desidero ringraziare la community. Non stiamo solo delineando le funzionalità più desiderate. Lavoriamo per soddisfare le esigenze degli utenti. Vogliamo davvero risolvere il problema in modo piacevole. È questa l’essenza della nostra passione. Siamo qui per [i fan] PlayStation. Sono sempre rimasto stupito dal feedback e dall’affetto che la community dimostra per PlayStation. È davvero fantastico ascoltare il feedback dei giocatori e, allo stesso tempo, otteniamo anche un ottimo feedback dai creatori di contenuti.

Questo aggiornamento del firmware non è soltanto il frutto del nostro lavoro, ma di tutta la community. Quindi, sono davvero entusiasta di ricevere riscontri dalla community. E io [e il mio team] faremo il massimo per proporre nuove funzionalità in modo entusiasmante.

* La versione per Android di Condividi schermo su PS App è una release in più fasi e potrebbe essere necessaria una settimana prima che l’aggiornamento sia disponibile sul tuo dispositivo mobile.