Hermen Hulst parla di Bungie e del futuro dei PlayStation Studios

0 0
Hermen Hulst parla di Bungie e del futuro dei PlayStation Studios

Una riflessione sul leggendario studio e sui titoli in arrivo Horizon Forbidden West, MLB The Show 22, e Gran Turismo 7.

In seguito alla notizia di questa settimana su come Bungie verrà a far parte di PlayStation, ho avuto l’opportunità di scambiare quattro chiacchiere con Hermen Hulst, Responsabile dei PlayStation Studios, per saperne di più su come il collettivo di sviluppatori potrà collaborare con il famoso studio. Abbiamo anche parlato di Horizon Forbidden West, Gran Turismo 7, e MLB The Show 22.

Potete trovare qui sotto la trascrizione, redatta per chiarezza e lunghezza, o ascoltare l’intera intervista (in inglese).

Sid: Hermen, è ufficiale: Bungie entra a far parte di PlayStation. Non è esattamente qualcosa che avrei immaginato qualche settimana fa, ma è comunque spettacolare.

Hermen: Notizie emozionanti, vero? È veramente un’ottima sorpresa. Ci piacciono le sorprese. Sono così contento che siamo riusciti a farlo accadere, perché Bungie è veramente uno sviluppatore d’eccellenza.

Sid: Sì, assolutamente. Uno sviluppatore leggendario, veramente. Non penso di esagerare. Sono attivi da tanto tempo, circa 30 anni… Sono curioso, in che modo hai assistito all’influenza di Bungie sul medium videoludico durante queste decadi?

Hermen: È veramente una storia fantastica, se ci pensi. Come hai menzionato, hanno trattato molti generi diversi su piattaforme diverse. E naturalmente il loro lavoro su Halo è stato fenomenale, secondo me uno dei migliori sparatutto mai esistiti. Halo aveva anche una componente molto forte. E poi c’è Destiny, una serie che va ancora per la maggiore dopo otto anni, credo. Molti hanno provato a costruire un servizio live di successo e hanno fallito, perché è molto difficile. Quindi il successo di Destiny è molto speciale. Sono anche colpito dal loro valore di produzione in termini di tecnologia, grafica, performance capture, suono e musica… è tutto di prima classe da Bungie.

Sid: Sono dei pionieri. Halo: Combat Evolved è uscito 20 anni fa e passa, vero? Ma hanno messo le basi per gli sparatutto in prima persona su console e molte di queste idee sono sopravvissute con gli anni, che si tratti di granate, melee, la sticky aim è stata una loro innovazione, avere una barra energia che si ricarica… e tutto ciò che hai menzionato con Destiny e il servizio live, creando un gioco che si evolve nel tempo. È uno studio molto innovativo.

Hermen: Sì, tutti nel mondo videoludico sanno che il gameplay di Bungie è uno standard di riferimento. È sempre fluido, sempre molto ricettivo, facile da prendere in mano e difficile da posare. Hanno creato o migliorato così tante innovazioni nei loro giochi. Seguo le loro scelte di progettazione molto da vicino, visto che, come sai, stavo lavorando a Killzone quando Bungie stava sviluppando Halo.

Sid: Andando avanti, come vedi la partnership tra PlayStation Studios e Bungie? Ti immagini una relazione professionale intima?

Hermen: Assolutamente. E ovviamente è ancora presto, l’accordo deve essere concluso prima di poter iniziare ufficialmente a discutere i dettagli della collaborazione. Ma ho passato tanto tempo con persone come Jason Jones e Pete Parsons e alcuni del team senior di Bungie. E tutti sono molto emozionati ad una condivisione di idee tra Bungie e PlayStation Studio, e anche una condivisione di cicatrici di battaglia. E soprattutto di imparare l’uno dall’altro.

Sid: Sembrano tempi movimenti per essere un game designer da PlayStation. Con tutte queste notizie, gli ultimi 12 mesi per PlayStation Studios sono stati interessanti con Housemarque e Blupoint e altri… è un momento un po’ pazzo.

Hermen: Beh, sono tempi emozionanti. Abbiamo in arrivo dei mesi fantastici per i fan PlayStation. Manca solo qualche settimana a Horizon Forbidden West. Lo sto giocando da un po’ e so che è tutto ciò che Guerrilla voleva che fosse. In realtà, abbiamo iniziato il gioco quando io ero ancora da Guerrilla e sono stupefatto dalla portata, la profondità e l’ottima qualità raggiunta dal team. Penso che siano anche migliorati un po’ da quando me ne sono andato, quindi sono molto orgoglioso di quel team.


E a marzo avremo Gran Turismo 7. C’è stato da poco uno State of Play, dove è stato mostrato molto di più del gioco. So che molti fan di GT sono in attesa di vedere cosa è in grado di fare Polyphony su PS5, e penso che ne rimarranno molto contenti.

È bellissimo, proprio come ci si aspetterebbe, ma sono rimasto molto colpito da come Polyphony ha usato il controller DualSense. Sappiamo tutti che Kazunori [Yamauchi] è un fanatico del voler ricreare l’esperienza di guida per i giocatori. Per questo il DualSense è perfetto.

E poi c’è MLB The Show 22 ad aprile, ovviamente. Abbiamo dato un aggiornamento su MLB The Show questa settimana che rivelava il nostro atleta di copertina, il fantastico Shohei Ohtani. Abbiamo anche annunciato che quest’anno MLB The Show sarà su Nintendo Switch, oltre che su PS4, PS5, e Xbox. San Diego Studio sta facendo un ottimo lavoro su questa serie e continua a migliorare.

Sid: Grazie per esserti unito a noi. È sempre un piacere parlare con te!

Hermen: Grazie a te, Sid.

Inserisci la tua data di nascita.