Come funziona il sistema di morte e invecchiamento di Sifu

0 0
Come funziona il sistema di morte e invecchiamento di Sifu

Basterà una sola vita per padroneggiare il Kung Fu?

Salve a tutti! Dopo la panoramica sul sistema di combattimento, volevamo darvi un’anteprima della meccanica di morte e invecchiamento. Abbiamo ricevuto molte domande sul nostro sistema di avanzamento, ho provato a rispondere ad alcune di esse qui sotto!

Kung Fu, o “gōngfu”, può riferirsi a qualsiasi disciplina o abilità appresa tramite duro lavoro, pratica e pazienza. L’arte marziale del Kung Fu si basa sul concetto di continuo miglioramento di se stessi, di un’abilità tenuta in vita dalla pratica costante. In tal senso, una sola vita non può essere sufficiente a padroneggiare il Kung Fu.

In Sifu, il nostro eroe, nonostante si sia addestrato per tutta la vita, ha solo vent’anni. Egli è spinto dal desiderio di vendetta e dovrà affrontare i membri di un pericoloso gruppo di assassini, divenuti figure prominenti della città e arroccatisi in fortezze ben difese. Il giovane studente non può concedersi il lusso di avere un’intera vita davanti a sé per migliorare il proprio Kung Fu e, quando imbocca la strada della vendetta, al tramonto, ha a disposizione una sola notte per trovare e sconfiggere tutti i suoi nemici.

Come abbiamo già mostrato, il nostro eroe ha a disposizione un potente strumento che lo aiuterà nella sua missione: un antico ciondolo in grado di riportarlo in vita. Ma ogni cosa ha un prezzo. Il ciondolo necessita di energia vitale per funzionare perciò, a ogni ritorno in vita, il protagonista invecchierà.

Ciò significa che inizierete il gioco con una risorsa limitata da gestire con cura, se vorrete raggiungere la fine della missione. Invecchiare non vi renderà più deboli, tuttavia avrà un leggero impatto sulle vostre capacità: invecchiando avrete meno salute massima ma più potere offensivo. Anche il modello del personaggio dimostrerà la vostra età, in modo da permettervi di contemplare le conseguenze delle vostre azioni. Ma invecchiare non influenza in alcun modo le abilità di combattimento e potrete completare il gioco con un personaggio di qualsiasi età.

L’abilità di tornare in vita dà ai giocatori l’opportunità di tornare subito in azione, ancora e ancora. Prima di tornare a combattere, la schermata di morte è in realtà un ottimo luogo in cui i giocatori possono riprendere respiro e riflettere sugli errori commessi. È qui che è possibile sbloccare nuove abilità e creare nuove opportunità per affrontare la situazione che ha portato alla propria sconfitta. È possibile sbloccare le abilità anche nel Wuguan dell’eroe, accessibile tra una missione e l’altra, e nei santuari presenti all’interno dei livelli.

I santuari permettono inoltre di migliorare il personaggio durante il gioco, fornendo al giocatore una scelta tra diversi talenti, ognuno dei quali dal costo e dai requisiti diversi. Insieme alle abilità, questi consentono di acquisire le caratteristiche di cui si ha più bisogno: più salute, più cariche di concentrazione, aumento della struttura massima, maggiore resistenza delle armi, ecc.

Tali potenziamenti non si perdono alla morte e, oltre alla capacità di tornare immediatamente in vita, potrebbero inizialmente darvi una sensazione di invulnerabilità. Ma ciò non durerà e, più volte morirete, più velocemente invecchierete. Questa meccanica prende la forma di un contatore della morte: la prima volta che morirete, invecchierete di un anno. La seconda di due anni, la terza di tre e così via. Gli unici modi di far tornare indietro o di ripristinare il contatore è usare uno dei santuari o sconfiggere specifici nemici come i boss dei capitoli.

Terminare un capitolo ripristina il contatore della morte, ma l’età non viene influenzata. Non esiste un modo per ringiovanire. Invecchierete solo morendo e tornando in vita. Potrete ingannare la morte per un po’, ma alla fine nessuno può sfuggire al tempo. Oltre una certa età, in voi non resterà più vitalità sufficiente a garantire il funzionamento del ciondolo e non vi rialzerete più. La vostra ultima morte sarà un game over definitivo.

Anche se al game over perderete le abilità e i potenziamenti sbloccati, alcuni elementi sono permanenti. Ogni volta che completerete un capitolo del gioco, verrà creato un salvataggio con l’età che avevate nel momento del completamento. Potrete proseguire al capitolo successivo o ripetere quello appena concluso per tentare di migliorarne l’esito. Oltre ai salvataggi, potrete sbloccare permanentemente le abilità spendendo più punti esperienza, rendendole in questo modo disponibili fin dall’inizio di una nuova sessione di gioco.

Infine, il tabellone delle indagini che illustra i progressi del protagonista conserverà le informazioni già acquisite, anche dopo un game over. Oltre a tenere traccia dei vari indizi ed elementi della trama scoperti sui vostri cinque nemici, il tabellone delle indagini mostra scorciatoie e stanze o porte nascoste svelate nel corso delle sessioni precedenti, consentendovi di tornare rapidamente in azione.

Queste funzioni vi aiuteranno nella vostra missione vendicativa, ma non sostituiranno mai l’allenamento e la pratica.

Sarete in grado di padroneggiare il Kung Fu? Scopritelo dall’8 febbraio 2022.

Unisciti alla conversazione

Aggiungi un commento

Non essere inappropriato!

Please be kind, considerate, and constructive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica dei commenti (apri in una nuova scheda)