Giù nella tana del bianconiglio col nuovo trailer della storia di Deathloop

0 0
Giù nella tana del bianconiglio col nuovo trailer della storia di Deathloop

Esplora i misteri di Blackreef nell'ultimo trailer, in arrivo su PS5 il 14 settembre.

Ti svegli su una spiaggia, senza alcuna memoria di come sei arrivato, o di chi sei. Un misterioso messaggio fluttua verso di te, chiedendoti di “spezzare il timeloop”. Sei intrappolato su un’isola piena di gente che sta cercando di ucciderti. Muori, e poi ti svegli di nuovo sulla stessa spiaggia. Il giorno finisce. Spiaggia. Muori. Spiaggia. Finirai per odiare le spiagge. Odiarle a tal punto da cominciare a dare ascolto a quei messaggi fluttuanti e fare qualcosa per questo timeloop. Questo è il viaggio di Colt in Deathloop. Spezza il ciclo uccidendo le persone che ne sono responsabili, e magari trova un modo per andartene dall’isola di Blackreef.

Déjà Vu

L’isola di Blackreef non è stata sempre incastrata in un timeloop. Una volta era una colonia di pescatori isolata, ma un’anomalia nell’area ha finito per attirare l’attenzione dell’esercito, e più avanti, l’attenzione dei membri fondatori del programma AEON. Questi individui e i loro seguaci si sono riuniti per sfruttare l’anomalia e creare il timeloop che avrebbe permesso loro di vivere in eterno.

Ma la mente umana non è fatta per sopportare l’eternità. Col tempo, gli abitanti di Blackreef cominciarono a soffrire di amnesia. All’inizio del gioco, Colt è proprio in questa situazione. Quando Colt apre gli occhi in questa particolare mattina, sulle fredde e sabbiose spiagge della costa di Blackreef, gli restano soltanto fugaci memorie del giorno precedente, come fosse stato un sogno. I suoi compagni costanti durante il suo strano viaggio sono dei messaggi fluttuanti, e delle trasmissioni radio da una donna che si fa chiamare Julianna, che ha le proprie motivazioni e spesso entrerà in conflitto con Colt. Imparerai a conoscere Colt man mano che lui riscopre sé stesso, a causa della sua amnesia. Scoprirai di più sul suo passato mentre porti alla luce la strana storia dell’isola e tutti i misteri che contiene.

I Visionari

Al centro di molti di questi misteri ci sono gli otto Visionari – i fondatori del programma AEON e le persone che devi uccidere per fermare il timeloop che tiene Blackreef bloccata nel suo ciclo infinito. Tutti i visionari hanno la loro storia e le loro motivazioni per trovarsi a Blackreef. Alcuni di loro vogliono vivere per sempre. Alcuni di loro vogliono fare esperimenti o creare cose meravigliose per sempre. Alcuni di loro vogliono fare festa – e mangiare persone – per sempre. (Parliamo proprio di te, Aleksis. Brutto lupo cattivo.)

Nel corso del gioco imparerai le abitudini e i segreti di tutti gli otto Visionari, e li userai a tuo vantaggio. Con le conoscenze in tuo possesso, potrai portare i Visionari fuori dal loro nascondiglio e prepararli per il ciclo perfetto.

Ma uno dei Visionari si distingue dal resto…

È complicato

Julianna Blake. Il gatto che dà la caccia al topo. Lei è l’unica persona del gioco con la quale sarai sempre in contatto. Lei è anche la persona più determinata a impedirti di spezzare il timeloop nell’intera isola. Il Game Director Dinga Bakaba descrive la relazione tra lei e Colt come “il cuore pulsante di Deathloop”, e tutto nel gioco riconduce a loro e alla loro rivalità.

“Questa è la prima persona che incontrerai e cercherà subito di ucciderti”, dice il Narrative Designer Bennett Smith. “Una buona parte delle fasi iniziali del gioco sono incentrate sull’esplorazione e sullo scoprire quali sono le sue motivazioni. Julianna ha qualcosa in comune con Colt. Lo stesso giorno si ripete all’infinito sull’isola, ma tutti sembrano dimenticarsene, ad eccezione di lei e Colt. Quindi, in certo senso, possono solo parlare l’uno con l’altra, perché qualunque altra persona sull’isola semplicemente si scorderebbe di loro. Attraverso quelle esperienze, Julianna sta praticamente cercando di portare Colt al suo livello. Lei ha tutte le carte in mano. Lei ha tutta la conoscenza. Quindi ogni tanto ti chiama alla radio e per provocarti, che è anche un’esperienza didattica dove Colt fa domande su cosa sta succedendo e lei gli dà delle risposte, ma non tutte le risposte. Mentre il giocatore esplora questo mondo e scopre nuove cose, lei riempie gli spazi vuoti tra le informazioni.

Bakaba ha affermato che la storia di Colt e Julianna è la storia di Blackreef. Si battono sul destino di quest’isola, e la maggior parte degli abitanti ha solo ricevuto l’ordine di dare la caccia a Colt senza neanche sapere perché. Ogni giorno vivono la stessa routine, ignari di quello che succede tutto intorno a loro.

Julianna non vuole solo vivere per sempre. Secondo Smith, se lo chiedessi a lei, ti risponderebbe che è “troppo semplice”. Julianna è arrivata a Blackreef con le stesse motivazioni degli altri Visionari, ma è cambiata nel corso degli anni. In realtà, grazie all’amnesia che ha colpito tutti, lei è l’unica ad essere cambiata dopo tutti questi anni. Ha cominciato ad annoiarsi. Ma ora c’è Colt, che improvvisamente è in grado di conservare dei ricordi tra un loop e l’altro, ed è grazie a lui che la sua vita è di nuovo interessante.

“Colt si sveglia su questa isola, e questa donna è chiaramente la ragione per la quale tutti sull’isola vogliono farlo fuori”, dice Bakaba. “Lei dovrebbe essere una sua nemica, ma continua a contattarlo via radio. Julianna sembra affascinata da lui e interessata a quello che fa e come se la passa. L’interesse è reciproco perché sembra che tutti seguano un programma e tutti continuano a dimenticare, ad eccezione di lei. Julianna è con Colt durante l’intero viaggio. Quindi molte conversazioni si basano su questa rivalità, un continuo duello di battute pungenti. Ma ogni tanto ci sono anche dei momenti di sincerità. Hanno molte cose in comune, è solo che hanno obiettivi molto, molto diversi.”

Pronti ad avventurarvi nella tana del bianconiglio? Deathloop esce in esclusiva su console per PlayStation 5 il 14 settembre.

Unisciti alla conversazione

Aggiungi un commento

Non essere inappropriato!

Please be kind, considerate, and constructive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica dei commenti (apri in una nuova scheda)