Pubblicato il

12 particolari che abbiamo notato provando SoulCalibur VI per PS4

Dalle meccaniche di combattimento fino alle strepitose battute, ecco cosa abbiamo scoperto provando la build del nuovo capitolo del picchiaduro di Namco Bandai

Il roster di SoulCalibur VI sta crescendo a vista d’occhio. L’annuncio dell’anno scorso riguardava soltanto i veterani della serie Mitsurugi e Sophitia, ai quali però si sono aggiunti in seguito Kilk, Xianghua, Nightmare e il nuovo lottatore Grøh. Alla fine della scorsa settimana, poi, è stato annunciato che i volti noti di Ivy e Zasalamel torneranno a calcare le scene.

Questi ultimi due personaggi purtroppo non fanno parte della build di anteprima che ho potuto provare pochi giorni fa. Sono comunque riuscito a passare diverse ore in compagnia degli altri personaggi annunciati e a provare le meccaniche del nuovo gioco.

Ecco qua 12 osservazioni che ho annotato in una serata con il nuovo capitolo di questa serie di picchiaduro.

1.Ci sono tante battute memorabili

Soul Calibur non può certo definirsi realistico, ma il sesto capitolo predilige, in modo più o meno consapevole, stupende battute che si rifanno all’era dei film d’azione degli anni ’80.

Il nuovo personaggio Grøh, in questo senso, è uno dei più prolifici. La sua provocazione (calcio+blocco) comincia con un sussurro per poi diventare un ruggito: “Ho io LA RISPOSTA”. Poi c’è la sua speranza prima del combattimento di un incontro decente (“Prova a resistere al tuo ineluttabile destino”) e la rabbia di metà incontro verso un avversario che non è all’altezza della situazione (“Accidenti alla tua debolezza”).

Neanche il commentatore riesce a trattenersi. Per esempio nel livello che presenta un ambiente imbiancato dalla neve se ne esce con: “L’aria è così gelida che un solo fendente potrebbe tagliarla in due”.

2. Reversal Edge è un rischioso duello con un sistema a morra cinese dall’esito incerto

Soul Calibur

Disponibile per qualsiasi lottatore, Reversal Edge è un rischioso attacco in stile QTE. Perché rischioso? Perché serve qualche secondo per caricarlo, dovete colpire l’avversario per attivarlo, e può essere bloccato. E anche se riuscite a sferrarlo, questo attacco non necessariamente si rivelerà un vantaggio.

Appena colpite si attiva una sequenza: entrambi i giocatori hanno un secondo per dare un comando, o di attacco o di schivata. La portata dell’arma e l’angolo d’attacco faranno la differenza e determineranno chi dei lottatori andrà in vantaggio, colpendo l’altro, o se le armi si incroceranno parandosi a vicenda.

3. Potete strappare via varie parti dell’armatura del vostro avversario

Soul Calibur

Ogni personaggio dispone di vari pezzi di armatura (o di indumenti) che possono essere distrutti con una potente combo che si chiama Lethal Hit. L’effetto è puramente estetico, ma permanente. Un segno evidente e mortificante che le cose si stanno mettendo male.

4. Nightmare dovrebbe combattere senza elmo

Soul Calibur

Se un Lethal Hit fa balzare via l’elmo di Nightmare, appare un inossidabile volto familiare dai lunghi capelli, quello di Siegfried. È la conferma non solo che la Soul Edge è di nuovo padrona del suo corpo, ma che la sua personalità corrotta e mutata dovrebbe lasciar perdere una volta per tutte quell’elmo: ha un aspetto davvero affascinante e da duro! Speriamo che diventi il suo costume alternativo.

5. È una buona idea sostituire i costumi predefiniti con quelli alternativi

I costumi alternativi offrono delle tonalità cromatiche che, a mio parere, funzionano molto meglio di quelli predefiniti. Grøh indossa un completo bianco con guanti dorati, mentre Nightmare un’armatura blu ghiaccio che riprende il colore dei suoi occhi.

6. La posizione di SoulCalibur VI nella timeline della serie: la teoria della barba

SoulCalibur VI

Con il progredire della serie di Soul Calibur, il samurai spadaccino Mitsurugi è diventato pian piano un saggio con la barba brizzolata. In SCVI, la barba è scomparsa e il nostro lottatore preferito ha un faccino imberbe. Questo significa forse che SCVI torna indietro nella timeline della serie, o vorrà soltanto mostrare gli effetti benefici di una radicale rasatura?

7. Le storie che legano i vari lottatori aggiungono un po’ di gusto ai combattimenti di SCVI

Soul Calibur

Se affrontate Kilik nei panni di Xianghua la sentirete implorare il perdono mentre lotta avvinghiata a lui. Se invece combattete contro Nightmare nei panni di Kilik, quest’ultimo, nell’introduzione che precede l’incontro, deve lottare contro se stesso, attratto com’è dal richiamo della Soul Edge. Sono questi piccoli particolari che aiutano ad approfondire i legami tra i personaggi.

8. Se state perdendo riceverete un bonus di Soul Charge

Soul Calibur

Avete perso due round di fila? Il gioco vi riempie automaticamente una tacca della vostra barra di Soul Charge (posizionata vicino al timer del round nella parte centrale in alto dello schermo). Questo bonus automatico vi offrirà una nuova opportunità di combattimento. La Soul Charge è importante per lo sviluppo dell’incontro, in quanto vi permette di attivare la modalità Fury (indietro e R2, dando una super-carica agli attacchi standard) o di sferrare la mossa Critical Edge tipica del vostro personaggio.

9. I livelli hanno diversi layout

La schermata di selezione dei livelli vi offre una visione dall’alto verso il basso del livello selezionato. Se verranno confermati i due livelli della build di anteprima, ci sarà da aspettarsi una varietà di layout dei livelli che potrà fornire vantaggi strategici.

10. Si può controllare la visione dei replay

Soul Calibur

Chi vince il round può controllare la visione dei replay, permettendovi di fare una panoramica dell’arena o di concentrarvi su un lottatore specifico.

11. Giocare nei panni di Grøh vi darà grandi soddisfazioni

Fin dall’inizio risulta facile realizzare delle rapide combo con il nuovo lottatore di SCVI. La sua arma è costituita da una spada a due lame unite all’elsa che possono però separarsi e sferrare colpi distinti durante combo particolari. Grøh si dimostra da subito un esibizionista, un po’ come era Kilik nel Soul Calibur originario, e propro come nel caso suo, sarà bene tenere d’occhio il set di mosse di questo nuovo personaggio.

12. Grøh si pronuncia “Gruh”

Ora lo sapete.

1 Commenti
0 Risposte dell'autore

Non male quest’articolo… ha svelato alcune cose interessanti. Molto felice per il ritorno di Ivy… è sempre un personaggio conturbante lei. Zasalamel invece è un Astaroth dei poveri 😀

PS: sono curioso di vedere come si applica il punto 3 ad Ivy… ehm

Dopo 30 giorni dalla pubblicazione di un post, non sarà più possibile lasciare commenti.

Storico modifiche