Il Blog Italiano di PlayStation

Spiccate il volo con Skye, l’ultimo titolo promosso da PlayStation First

1 0
Spiccate il volo con Skye, l’ultimo titolo promosso da PlayStation First

Esplorate un nuovo, incantevole mondo creato da un talentuoso team della Abertay University

Ciao a tutti! Siamo il team di Puny Astronaut, un gruppo di laureandi della Abertay University di Dundee, in Scozia. Al momento, stiamo lavorando a Skye, un rilassante gioco di esplorazione per PlayStation 4.

TITLE

Ma cos’è Skye?

Skye è ambientato in un mondo che è davvero felice di incontrarvi. Esplorate nei panni dell’amichevole drago Skye, correte tra i fiori, suonate note cristalline e tuffatevi alla ricerca di perle nella vasta barriera corallina. Non ci sono modi giusti e sbagliati di giocare: potete aiutare il capitano di una nave a trovare il suo tesoro perduto oppure volare liberamente su luoghi ispirati ai fiordi norvegesi e alla costa scozzese. Il mondo è vostro e potete viverlo a vostro piacimento.

TITLE

Gli inizi di Skye – il programma accademico di PlayStation First

Il nostro team aveva iniziato a lavorare su progetti di gruppo per “giochi seri” perciò, quando abbiamo avuto l’occasione di partecipare alla competizione internazionale di sviluppo videogiochi Dare to Be Digital (ora conosciuta come Dare Academy), eravamo tutti desiderosi di intraprendere un progetto più rilassato.

Durante la presentazione di Dare to Be Digital, abbiamo ricevuto una visita di Luke Savage del programma di sviluppo accademico di PlayStation First Oltre a scoprire molti altri progetti studenteschi, Luke ci ha dato preziosissimi consigli su come migliorare il design del nostro gioco. Questi consigli, insieme alla possibilità di accedere ai kit di sviluppo PS4 della Abertay, hanno contribuito a ridefinire Skye e a portarlo su PlayStation.

TITLE

La creazione del prototipo

Durante le otto settimane di creazione del prototipo originale per la presentazione di Dare to Be Digital, la cosa più importante è stata mandare sempre avanti lo sviluppo. Prima, ci eravamo presi due settimane per sviluppare un design che gettasse le fondamenta del mondo, dei rompicapi e dello stile grafico. Una volta iniziati i lavori, sapevamo che l’iterazione non era un lusso che potevamo concederci! Abbiamo lavorato senza mai fermarci per i due mesi seguenti, trovandoci all’università ogni giorno per occuparci di ogni asset, uno alla volta.

È stata dura, ma vedere come il gioco cresceva rapidamente creava un senso di entusiasmo sempre presente, che ci spingeva a voler vedere quanti progressi potevamo fare ogni giorno. Abbiamo lavorato fino alla notte prima del concorso… e anche un po’ al mattino! Alla fine, eravamo esausti, ma le lacrime e il sudore hanno dato i loro frutti: eravamo davvero orgogliosi del nostro prototipo in azione.

L’ottenimento del premio Channel 4

Quando abbiamo visto le esperienze del pubblico con il gioco, abbiamo avuto la conferma di aver centrato il nostro obiettivo. I giocatori ridevano quando restavano incastrati in una bottiglia, tendevano le orecchie per sentire cosa i personaggi si sussurravano e sono si sono illuminati quando le foglie sono ritornate al grande albero.

TITLETITLE

Anche dei bambini di tre anni potevano giocare insieme ai loro nonni. Secondo noi, questo è ciò che ha fatto sì che Skye vincesse il premio Channel 4: era un’alternativa a esperienze più rumorose e minacciose, in grado di richiamare uno spettro più ampio di giocatori tradizionali e non. Da allora, All 4 Games (la divisione giochi di Channel 4) è stata sempre pronta a offrirci consigli per raggiungere i nostri obiettivi.

TITLE

Skye è stato creato per i bambini, per le famiglie, per i giocatori casual e per chiunque sia stanco di essere circondato da proiettili ed esplosioni. Abbiamo fatto tutto il possibile per rendere questo mondo giocoso e invitante e non vediamo l’ora che lo scopriate su PS4 nei prossimi mesi.

I commenti sono chiusi.

1 Commento

  • Stile visivo incantevole: nella sua semplicità sa essere comunque carino e dà l’idea di serenità.

    Sul gameplay non mi sbilancio, ma ci vedo vagamente dei rimandi ad un certo Hohokum 🙂

    In definitiva, un bel progetto sisi.