Come DRIVECLUB farà dimenticare gli abbandoni per frustrazione

1 0
Come DRIVECLUB farà dimenticare gli abbandoni per frustrazione

Il direttore dello sviluppo, Paul Rustchynsky, spiega la visione di Evolution per i giochi di corsa

Ci siamo passati tutti. Stai affrontando l’ultimo giro, per esempio in Gran Turismo o Need For Speed, difendendo un vantaggio risicato sugli inseguitori, quando ti distrai per un attimo e finisci nella sabbia. Con la vittoria svanita, insieme a tutte le ricompense collegate, è comprensibile lasciarsi prendere dalla rabbia e selezionare in fretta e furia Opzioni > Abbandona la gara: è una reazione istintiva.

L’abbandono per frustrazione nei giochi di corse è un vero incubo per i progettisti: non solo ti fa finire fuori dal gioco, compromettendo così il divertimento, ma va a minare l’integrità dell’esperienza multigiocatore. E, per questo motivo, Evolution Studios si sta occupando del problema in DRIVECLUB per PS4.

DC_Screen_#16

“Mi piace l’idea che non sia necessario arrivare primi”, ha spiegato il direttore dello sviluppo, Paul Rustchynsky, durante la nostra visita della scorsa settimana: “Voglio che tutti si godano l’emozione della gara”.

“Io mi diletto con molti titoli di corsa e sono un pilota abbastanza in gamba, ma non riesco a finire sempre al primo posto. Mi piace divertirmi, prendere dei rischi, non sto a pensare a superare ogni curva in modo perfetto. Il problema per chi guida come me, e credo che si parli della maggioranza delle persone, è che gareggiare diventa una cosa troppo intensa, quando vincere è l’unica cosa che conta.”

“Quando commetti un errore che ti costa la gara è davvero demoralizzante. Con DRIVECLUB, abbiamo deciso di creare un gioco migliore, capace di tenere in considerazione questo aspetto. E così abbiamo creato un titolo che fornisce di continuo nuovi obiettivi da raggiungere, che tu sia davanti a tutti o che tu finisca in testacoda per aver osato un po’ troppo.”

“Mi piace l’idea che non sia necessario arrivare primi”

Come spiegato nel nostro recente video (qui sopra), arrivare primi non è l’unico obiettivo in DRIVECLUB. Mentre gareggi, infatti, avrai la possibilità di cimentarti in sfide secondarie, in determinati tratti del tracciato: mantenere una velocità media elevata, restare sulla traiettoria, oppure eseguire una grande derapata. Con una buona prestazione otterrai punti per il tuo club e creerai nuovi punti di riferimento che i tuoi amici cercheranno di superare.

“In molti giochi di corsa c’è questa mentalità del tutto o niente. Un attimo sei al primo posto, poi fai un incidente ed ecco che hai perso tutto. Tutti i chilometri percorsi guidando alla grande non contano nulla”, dice Rustchynsky.

“Con DRIVECLUB, quando gareggi online e commetti un errore non è game over. Non perdi tutto quello che hai fatto e hai ancora i Confronti a tua disposizione.

DC_Screen_#20

In poche parole, non conviene abbandonare una gara in DRIVECLUB. Non solo perderai tutto quello che hai già ottenuto, ma interromperai il tuo contributo al risultato del club. Vale sempre la pena di arrivare al traguardo: per esempio, potresti far segnare un buon tempo, che diventerà una sfida e ti frutterà delle ricompense aggiuntive.

“Quest’idea, che la sfida non è finita neppure quando posi il controller, è stata concretizzata in modo perfetto in DRIVECLUB.”

Questo nucleo di base del gioco, sempre competitivo, è probabilmente familiare a chi ha giocato l’ultimo titolo di Evolution, MotorStorm RC. In quel gioco, c’erano moltissime piccole sfide, pensate per darti la possibilità di misurarti con i tuoi amici. In DRIVECLUB, Evo è partita da quest’idea, per svilupparla ulteriormente.

“Abbiamo provato una versione preliminare del nostro sistema di sfide in RC”, afferma. “L’abbiamo trovata molto divertente e abbiamo visto nascere autentiche rivalità fra i giocatori. Alla fine, però, uno di loro raggiungeva il proprio limite fisico, cosa che toglieva interesse alla competizione.”

“Nonostante tutto, abbiamo visto giocatori ripetere per centinaia di volte la stessa sfida, in una sola giornata. Questo ci ha ispirato: non pensavamo che la gente si lasciasse prendere in questo modo. Con DRIVECLUB svilupperemo ulteriormente il tutto, rendendo molto più facile gareggiare e divertirsi.”

DC_Screen_#15

“In RC non c’erano ricompense, si poteva solo vantarsi di aver battuto qualcuno. Il che non era poco, ma volevamo fare qualcosa di più, qualcosa che spingesse i giocatori a giocare e rigiocare le sfide.”

“Quando migliori, trovi sempre qualcun altro più bravo da inseguire. Quest’idea, che la sfida non è finita neppure quando posi il controller, è stata concretizzata in modo perfetto in DRIVECLUB.”

Credetemi: non si sbaglia. Anche un giocatore come me, che non sono certo un appassionato del genere, il primo titolo di Evo per PS4 è davvero difficile da mettere da parte. Ovviamente non vi chiedo di fidarvi della mia parola: se avete seguito le recenti anteprime pubblicate sull’ultima build giocabile, sapete già che DRIVECLUB sta venendo decisamente bene. E più avanti nel corso dell’anno avrete modo di verificarlo di persona.

I commenti sono chiusi.

1 Commento