Sotto i riflettori di PlayStation Mobile – Haunt the House: Terrortown

0 0
Sotto i riflettori di PlayStation Mobile – Haunt the House: Terrortown

Un saluto da SFB Games! Siamo due fratelli di Londra, Adam e Tom Vian. Sviluppiamo videogiochi da molti anni (soprattutto per browser, con il nome di “The Super Flash Bros”) e questa è la nostra prima esperienza con un titolo destinato a un dispositivo portatile.

Quando abbiamo sentito parlare di PlayStation Mobile e abbiamo pensato a PS Vita come piattaforma, c’era un solo gioco che avevamo in mente. La grafica colorata e i controlli semplici di Haunt the House avrebbero funzionato alla perfezione in un contesto simile. L’originale Haunt the House era un gioco per browser realizzato in occasione di Halloween 2010. Da allora abbiamo maturato parecchie esperienze come designer.

ship


L’idea alla base di Haunt the House consiste nel volare sotto forma di spettro, prendendo possesso di qualsiasi oggetto vi capiti a tiro per spaventare a morte gli umani nelle vicinanze! Lo scopo del gioco è far fuggire ogni individuo dalla città, ma c’è anche un obiettivo extra…

La prima cosa che ci premeva progettare era la città stessa. Lo scopo era quello di inserire una serie di luoghi che calzassero alla perfezione con l’atmosfera che volevamo ricreare. Alla fine abbiamo optato per un teatro, un ospedale, un museo, una nave da crociera e un campanile.

Poi ci siamo rivolti alla talentuosa grafica Catherine Unger per disegnare i fondali per il gioco. Ha realizzato una serie di immagini digitalizzate dettagliate per ciascun edificio e creato una splendida palette di colori che donano al gioco un’atmosfera davvero unica. Quindi abbiamo prodotto delle versioni vettoriali dei fondali di Catherine per il prodotto finale.

theatre museum

Questo era il primo progetto di Tom con il linguaggio C# ed è rimasto molto sorpreso dalla facilità e dalla velocità con le quali ci siamo adattati a un nuovo ambiente di sviluppo provenendo da Flash. Si è inoltre divertito a creare un’applicazione personalizzata per esportare le animazioni in Flash per PlayStation Mobile, dunque non abbiamo nemmeno dovuto usare alcun nuovo tool per le animazioni.

Nel frattempo Adam aveva cominciato a realizzare i fantasmi, le persone, i menu e centinaia di oggetti da “possedere” per gli edifici. È stato divertente scegliere quali oggetti sistemare in ogni stanza, dai candelabri ai telescopi alle statue, dalle tube ai macchinari a raggi X fino ai tavoli della roulette! Il nostro scopo era ottenere la maggiore varietà possibile.

Abbiamo ingaggiato il talentuosissimo compositore Raphael Benjamin Meyer per comporre una colonna sonora originale per il gioco. Ciò che rende la musica ancora più speciale è la presenza di veri strumenti suonati da musicisti professionisti.

hospital

Quindi abbiamo chiesto a Kimlinh Tran di curare la direzione artistica del doppiaggio, dal momento che ci serviva un’ampia gamma di voci sia per i fantasmi sia per i personaggi umani. Ha fatto un ottimo lavoro, che ci ha permesso di poter contare su un cast di doppiatori eccezionali. Approfitto dell’occasione per ringraziare tutti coloro che ci hanno aiutati!

Il prodotto finale è qualcosa di cui andiamo incredibilmente fieri. È semplice da imparare ma offre possibilità infinite per scoprire nuovi elementi e situazioni. Potremmo andare avanti mesi a giocare senza mai annoiarci.

Haunt the House: Terrortown sarà disponibile per il download da oggi attraverso il servizio PlayStation Mobile, al prezzo di 3,49 €.

Per maggiori informazioni:

SFBGames.com
HauntTheHouse.com