L’Inchiostro di Yakuza 3

2 0

In concomitanza con l’uscita di Yakuza 3 (avvenuta lo scorso venerdì!), desidero darvi un assaggio del mondo di Horitomo (all’anagrafe Kazuaki Kitamura), un vero artista dei tatuaggi, i cui disegni sono stati usati in tutti i giochi di Yakuza.

Horitomo (Yakuza 3 Tattoo)

Horitomo-san inizia a occuparsi di tatuaggi nel 1992. In un primo momento, non si dimostra interessato all’arte tradizionale giapponese dei tatuaggi. Al contrario, focalizza il suo lavoro sullo stile occidentale in uno studio di tatuaggi da strada. A quell’epoca, in Giappone, studi che pubblicizzassero apertamente i loro servizi erano davvero una rarità.

Seguendo i suoi studi iniziali, Horitomo-san inizia a lavorare in diversi studi di tatuaggi fra Tokyo e Osaka. Nel frattempo prende parte anche a diverse convention sui tatuaggi, incluse alcune manifestazioni ad Amsterdam e in Spagna. Finalmente, nel 2001 si decide a imparare l’arte tradizionale giapponese dei tatuaggi da un vero maestro di stile.

Quattro anni dopo, Kikuchi-san (producer delle serie di Yakuza) nota alcuni lavori di Horitomo-san su una rivista che mette in evidenza i migliori tatuatori della tradizione giapponese. Impressionato dalle sue opere, decide di incontrare Horitomo-san nel suo studio di Yokohama e gli chiede di entrare a far parte del team del primo gioco di Yakuza, continuando tutt’oggi questa grande collaborazione.

Yakuza 3 Tattoo

Sono inoltre felice di condividere con voi alcune immagini in alta risoluzione dei lavori di Horitomo-san utilizzati in Yakuza 3. Se avete dei tatuaggi o ne volete uno e siete davvero coraggiosi, potete stamparli e portarli al vostro tatuatore, per poi farveli riprodurre sul vostro corpo.

Yakuza 3 Tattoo Yakuza 3 Tattoo

Yakuza 3 Tattoo Yakuza 3 Tattoo

Se poi vi capitasse di venire negli Stati Uniti e voleste essere tatuati da Horitomo-san in persona, vi basterà recarvi presso lo studio “State of Grace” di Japantown a San José, California. Potete ammirare alcuni dei suoi capolavori sul sito

Horitomo Portfolio (Yakuza 3 Tattoo)

Ma non è tutto! Avrò presto la possibilità di intervistare Horitomo-san, pertanto avrei piacere di condividere questa eccezionale esperienza con tutti voi. Se avete delle domande per Horitomo-san sul suo contributo al gioco o sul mestiere di tatuatore, postatele qui: le più interessanti saranno inoltrate direttamente a lui!

I commenti sono chiusi.

2 Commenti

  • il Giappone e’ un posto strano e assai contraddittorio, pieno di contrasti e contraddizioni. Quello dei tatuaggi e’ forse l’esempio lampante.
    Vivo da 4 anni qui e non mi sono ancora abituato all’idea che qui il tatuaggio e’ “proibito”… proprio nella terra dei tatuaggi!
    E la colpa e’ guarda caso, da attribuire proprio agli yakuza.
    Il tatuaggio viene infatti associato alla delinquenza, grazie all’antica tradizione delle famiglie yakuza di tatuarsi la schiena, come segno di sopportazione del dolore.
    Ora quindi chi ha un tatuaggio e’ segnato coem persona poco raccomandabile.
    Anche io, che sono straniero ho avuto problemi col mio “tatuaggetto”

  • Io sarei curioso di chiedergli quanto tempo è necessario per completare un tatuaggio come quello di Kazuma Kiryu, quanto verrebbe a costare un tatuaggio del genere e se il metodo tradizionale è davvero cosi doloroso come dicono!!