Diggs: Nightcrawler porta lo stile investigativo noir su Wonderbook

0 0

1195303_Diggs_Office_no_logo

Mentre qualche mese fa Book of Spells è stato il pezzo forte della presentazione di  Wonderbook all’E3, ci sono molti altri progetti in preparazione per la nuova piattaforma per la realtà aumentata di PlayStation 3, tra cui Walking With Dinosaurs della BBC, oltre a un’entusiasmante collaborazione con Disney Interactive Studios. Ma Diggs Nightcrawler è un po’ diverso: a differenza di Book of Spells e Dinosaurs, è un progetto totalmente nuovo e promette una stravagante ambientazione investigativa con stile da vendere.

A meno di 24 ore dal debutto del nuovo trailer del gioco, durante la conferenza stampa Sony al Gamescom della scorsa settimana, abbiamo fatto due chiacchiere con Adam Volker di Moonbot, studio di animazione vincitore di un Oscar e trasformatosi successivamente in società di sviluppo, per scoprire qualcosa in più su cosa hanno in serbo per noi.

“Beh, Diggs è un verme detective ed è molto bravo in quello che fa” ci spiega.

“Lavora per il padrino di Library City, Humpty Dumpty. La storia la conoscete: qualcuno l’ha spinto giù da un muro e i poliziotti pensano che sia stato Diggs. Quindi, all’inizio del gioco, lui viene incastrato per l’omicidio del suo vecchio amico. La storia parte da lì, con voi che cercate di scagionare Diggs e di scoprire chi ha davvero commesso il crimine”.

Come si traduce in dinamica di gioco questo eccentrico scenario iniziale?

“Dato che Wonderbook è una novità, stiamo ancora cercando di capire molte specifiche della dinamica di gioco”, afferma Volker, che ha lavorato anche per Electronic Arts e BioWare.

“Stiamo cercando di rendere i personaggi del gioco consapevoli di trovarsi in un libro. Le meccaniche di Wonderbook sono molto fisiche e vogliamo incoraggiare i giocatori a prendere in mano il libro, girarlo, tenerlo sottosopra… quindi il gioco farà affidamento su questo”.

“Abbiamo progettato il prodotto per essere un libro sui libri, in modo che i personaggi possano aiutare il giocatore. Diggs si occupa dell’interfaccia utente. Dice: “Volta pagina!” quando è il momento, così come: “Torna indietro, ti sei perso qualcosa” quando è il caso di riesaminare qualche elemento.”

“Wonderbook esalta l’interfaccia del libro, vecchia ma molto bella”, continua. “Le persone sanno come usare i libri, e questo è un aspetto che vogliamo sfruttare. È decisamente una celebrazione del libro”.

20929Wonderbook_DiggsNightcrawler_Screenshot_001_logo

Pur essendo il gioco destinato a un pubblico giovane, Volker insiste che chiunque dovrebbe trovarci qualcosa con cui divertirsi, specialmente coloro che apprezzano le avventure classiche come Monkey Island. E anche se qualcuno potrebbe manifestare sorpresa al passaggio di Moonbot dalle animazioni (un campo in cui se la cava molto, molto bene) e alla conseguente decisione di progettare videogiochi, Volker sostiene che si tratta di un’evoluzione naturale per questo studio della Louisiana.

“Si tratta della sfida creativa rappresentata da Wonderbook. L’unicità dell’interfaccia è davvero emozionante ed essere tra i primi a percorrere questa strada è una vera sfida creativa”, si entusiasma poi.

“Ho sempre avuto una vera passione per i videogiochi. Moonbot, come compagnia, è basata sui personaggi e sulla narrativa. Ci piace non dipendere dai media e un videogioco non è che un altro modo per raccontare una storia”.

Diggs Nightcrawler uscirà nel 2013. Nei prossimi mesi vi racconteremo molto altro su questo titolo.

20933Wonderbook_DiggsNightcrawler_Screenshot_003 20931Wonderbook_DiggsNightcrawler_Screenshot_002