I minigiochi di Until Then creano profondità da momenti semplici

0 0
I minigiochi di Until Then creano profondità da momenti semplici

Scoprite quali minigiochi sono i preferiti degli sviluppatori e come donano spessore alla storia.

Until Then è una spettacolare avventura narrativa basata in un incantevole mondo pixelato ispirato alle Filippine. Giocando nei panni del protagonista Mark, navigherete insicurezze giornaliere tipiche della scuola superiore fino alla realizzazione che sta accadendo qualcosa di più misterioso. Oltre a dover gestire scadenze dei compiti, navigare relazioni, esercitarvi al piano e investigare gli strani eventi che accadono nel frattempo, gli sviluppatori hanno anche disseminato teneri minigiochi nel corso della storia per donare spessore e delizia a quelli che avrebbero potuto essere solo momenti mondani. 

Ad esempio, una passeggiata allo stand delle polpette di pesce per soddisfare languori diventa una fiera competizione a chi riesce a riempire il proprio bastoncino di polpette il più velocemente. Per un po’ di metafinzione, giocate al videogioco dentro un videogioco con Cathy e Mark per scoprire chi è il pilota più veloce. E, ovviamente, cosa sarebbe una visita alla fiera con gli amici senza tutti i classici giochi come acchiappa la talpa?

Oltre a essere semplicemente divertenti, i minigiochi di Until Then risuonano in modi unici e i membri del team di sviluppo hanno le loro opinioni su quale minigioco spicca tra gli altri.

Minigiochi per creare un mondo interattivo

Mickole Klein Nulud, game director di Polychroma Games, ha sentimenti nostalgici verso la macchina dei biglietti del capitolo 1 del gioco. “Le usavo sempre quando ero all’università, quindi mi fanno sentire nostalgico,” dice Nulud. “Ho replicato l’interfaccia utente del mondo reale nel dettaglio all’interno del gioco, processo che ho trovato molto divertente.”

Momenti come la macchina dei biglietti sono stati inclusi per aiutare a spezzare il ritmo della natura pesantemente dialogica del gioco e per creare momenti di costruzione del mondo interattivi. “Stabilisce il tono dell’esperienza che vivranno i giocatori, dove i minigiochi possono essere il più mondani possibile, ma anche realistici,” aggiunge Nulud.

Minigiochi mostrano la crescita dei personaggi

La casa stregata nella perya, il minigioco preferito di Pia Demanawa, senior environment artist, è un richiamo alla cultura filippina. “Perya” in Tagalog significa “fiera”, come una festa. Questi eventi lunghi settimane hanno luogo nel corso dell’anno e sono una parte speciale delle feste filippine. Dagli stand con i giochi a quelli con il cibo e alle attrazioni, una perya è un posto dove divertirsi e intrattenersi per persone di tutte le età.

Until Then le dà vita nel capitolo 10. Mark si imbatte in uno dei nuovi studenti alla fiera e, dopo qualche discussione, scommette che può spaventare più persone di lei nella casa stregata. Avete due minuti per dare la caccia a PNG nell’inquietante labirinto, ottenendo punti per ogni persona spaventata con successo.

“All’apparenza, [la casa stregata] utilizza elementi della mitologia filippina come il Kiwig [un essere che cambia forma e caccia umani] e il Minokawa [un gigante uccello dall’aspetto di drago che può inghiottire la luna e il sole],” dice Demanawa. “Vanessa Sumo, la designer per la grafica del minigioco, ha veramente catturato l’aspetto interno di una casa stregata economica a tema filippino con la stereotipica bahay kubo  e i polli a caso. Inoltre Dominique Duran, l’art director, ha trovato l’ispirazione per la grafica da Ib, gioco horror del 2012 creato con RPGMaker, e ha ritenuto che fosse un fantastico omaggio al classico gioco narrativo.”

Senza rivelarvi troppo, questo minigioco competitivo e spettrale crea un momento speciale per Mark, il protagonista di Until Them, narrando la storia non attraverso le tipiche interazioni dialogiche, ma piuttosto attraverso le interazioni dei personaggi all’interno del minigioco.

“Per questo, non penso che il personaggio sarebbe completo senza,” aggiunge Demanawa. “È necessario per vedere il suo sviluppo e il carisma che rimandano questi due personaggi. Ti rende felice e ti fa anche fare il tifo per loro.”

Minigiochi per anticipare eventi della storia

Alcuni minigiochi sono così discreti che potrebbe essere facile mancarli. Joshua James San Juan, programmatore, ama interagire con la bacheca della scuola. “È divertente e soddisfacente,” racconta, “come il ‘pop’ che fa quando rimuovi le puntine e vedi tutti i poster cadere ovunque.”

I giocatori che fanno attenzione ai dettagli sulla lavagna potrebbero persino trovare alcuni indizi illuminanti su cosa accadrà in seguito nel gioco. “Penso che sia un modo intelligente di mostrare o ammiccare agli eventi in corso o a cosa accadrà nel futuro senza affermarlo direttamente,” dice San Juan. “Offre anche un po’ di dettagli sull’ambientazione della storia che permetteranno di capire meglio il mondo.”

Minigiochi semplicemente per fare una pausa

Non ci sono sorprese qui. Kyle Patrick Naval è il compositore del gioco ed è particolarmente affezionato al minigioco a ritmo del jeepney. “Adoro giocare ai rhythm game e creare musica per questo specifico minigioco è stato un processo estremamente divertente,” racconta.

Alcuni minigiochi potrebbero non avere necessariamente uno scopo narrativo, ma aggiungere varietà al gameplay e offrire ai giocatori una boccata d’aria tra momenti intensi. “Penso che offra al personaggio una piccola pausa da quello che sta vivendo, come si dice, godendosi le piccole cose,” dice Naval. “Offre al giocatore nuovi minigiochi da esplorare e giocare e esplorare cos’altro c’è da scoprire nel gioco.”

Non c’è mai un momento noioso in Until Then. Dalla competizione amichevole alle coinvolgenti meccaniche dei minigiochi, aspettatevi un turbinio di emozioni e interazioni. Until Then esce quest’estate su PS5.

Unisciti alla conversazione

Aggiungi un commento

Non essere inappropriato!

Sii gentile e costruttivo.

Lascia un commento

Inserisci la tua data di nascita.

Date of birth fields