World of Tanks Modern Armor festeggia il suo 10° anniversario con nuovi carri armati, sfide e altro

0 0
World of Tanks Modern Armor festeggia il suo 10° anniversario con nuovi carri armati, sfide e altro

Wargaming celebra il traguardo di questo titolo free-to-play con uno sguardo al suo passato e condivide i piani per il futuro.

Ci credete? Dieci anni di carri armati! Il gioco oggi conosciuto come World of Tanks Modern Armor ha fatto il suo debutto ufficiale nell’arena delle console il 12 febbraio 2014.

In quanto uno dei primi titoli free-to-play disponibili su console, WoTMA (o anche solo “World of Tanks,” come era conosciuto all’epoca!) ha aiutato a gettare le fondamenta di esperienze che hanno divertito i giocatori PlayStation per il decennio seguente. Ovviamente, il gioco non avrebbe potuto giungere fino a questo punto senza il supporto di una florida community… o senza gli sforzi di uno staff scrupoloso.

Infatti, diversi membri dello staff di Wargaming che erano presenti nei primi giorni del gioco fanno ancora parte del team. Insieme, diamo uno sguardo alla storia del gioco e una sbirciata a cosa ci attende nell’evento di un anno che chiamiamo Celebrations.

Il passato

Sono necessarie molte persone per portare sul mercato un gioco come World of Tanks, ma sono cinque quelle che lo hanno reso ciò che è oggi:

  • Andy Dorizas, direttore artistico
  • Valerie MacCracken, direttrice di LiveOps Operations
  • Ben Crawford, Player Experience Manager Senior
  • JJ Bakken, Produttore Senior
  • L. Daniel Burr, Live Game Director


Uno qualsiasi di loro vi dirà che il duro lavoro e la determinazione sono stati elementi chiave dei loro sforzi. Valerie MacCracken, che ha iniziato presso Wargaming nel 2011 nell’assistenza clienti, ribadisce il concetto affermando, “Il primo ufficio in Nord America era nuovo di zecca quando ho cominciato e c’erano massimo quindici dipendenti; ricordo che uno dei miei primi giorni abbiamo assemblato i mobili per l’atrio!”

Le infrastrutture fisiche dei vari uffici non hanno costituito l’unica sfida; ci sono state anche sfide tecniche nello sviluppo del gioco. Secondo Andy Dorizas, che era l’artista principale presso Day 1 Studios prima che diventasse Wargaming Chicago, “Abbiamo dovuto alleggerire le cose anche solo per riuscire a farlo girare sull’hardware dell’epoca. Si sono dovuti ridimensionare e comprimere gli elementi grafici e semplificare i livelli… è stato un ostacolo veramente difficile da superare. ”

JJ Bakken, che è entrato a far parte dello studio di Chicago come produttore associato nel 2013, riferisce un altro problema in cui si è imbattuto lo studio: la novità che stava apportando Wargaming! “Era la prima volta che lo studio sviluppava un gioco free-to-play ed erano i primi giorni dei F2P su console,” dice, “Capire un nuovo genere e un nuovo modo per stabilire una connessione con i giocatori è sempre una sfida, ma allo stesso tempo è emozionante.”

Come lo hanno fatto? MacCracken dice che il processo è stato graduale, “con l’alfa, la beta, un’uscita soft in alcune regioni e poi con il lancio completo uno dopo l’altro.” Gestiva anche quello che chiama un forum “super-segreto”, disponibile solo agli early tester. “Quando ho visto la passione che il gioco stava creando nei nostri early tester, molti dei quali sono ancora presenti oggi, sapevo che stavamo creando qualcosa di buono.”

Bakken concorda: “…c’è sempre una trepidazione maggiore quando si lancia un gioco live-service (i server funzioneranno, ecc.), quindi speravamo che tutti i nostri sforzi tecnici sarebbero stati ricompensati. Spoiler: è andata abbastanza bene e dieci anni dopo siamo ancora qui!”

Il futuro

Ben Crawford, che ha iniziato presso Wargaming Europe dieci anni fa come customer experience manager, è pieno d’entusiasmo per i cambiamenti che vede nella tecnologia e nei servizi di WoTMA e dice, “L’evoluzione è evidente nel sito aggiornato, nei nuovi strumenti di supporto, nell’espansione al di fuori del gioco e nelle funzionalità potenziate al suo interno.”

Tuttavia Daniel Burr, che ha cominciato presso Wargaming come solution architect gestendo servizi di rete, nota che lo sviluppo porta nuove opportunità e non solo per Wargaming: “Dieci anni fa lo spazio F2P su console era molto nuovo e quindi non esistevano processi consolidati specifici per console sui quali basarsi. Oggi il modello F2P su console è molto più conosciuto e nuovi giochi F2P lo sfruttano appieno.”

Quindi ci attendono progresso e sfide, ma WoTMA è pronto ad affrontarle tutte, a cominciare dall’evento Celebrations!

Al centro di Celebrations vi è un sito internet dedicato che permette ai giocatori di tracciare il loro progresso in ciascuna stagione nel 2024, iniziando con la stagione Year of the Dragon a tema nuovo anno lunare che è cominciata il 30 gennaio. I giocatori potranno anche confrontare e condividere statistiche con i loro amici e cercare di ottenere non uno, ma due carri armati speciali che verranno assegnati come ricompensa alla fine di Celebrations.

Non è tutto. Febbraio offre ai giocatori opportunità di ottenere due nuovi carri armati per il 10° anniversario, il Lago M38 e il MBT-B, completare la prima sfida mensile di Celebrations (come evento dell’anniversario con obiettivi della community condivisi e ricompense), e molto altro.

Alla fine, tutti gli aspetti di Celebrations intendono commemorare ciò che rende speciale WoTMA: non i carri armati (per quanto ci piacciano), ma le persone. “Non molti del settore possono dire di essere rimasti nella stessa azienda per più di un decennio, ma abbiamo questa stabilità che ci permette di costruire ponti non solo tra di noi, ma anche tra noi e la nostra community,” dice MacCracken.

Il grande 10° anniversario del gioco è in corso. Unitevi a noi per Celebrations!

Unisciti alla conversazione

Aggiungi un commento

Non essere inappropriato!

Sii gentile e costruttivo.

Lascia un commento

Inserisci la tua data di nascita.

Date of birth fields