Il creatore di Blazing Chrome ritorna con Vengeful Guardian Moonrider

0 0
Il creatore di Blazing Chrome ritorna con Vengeful Guardian Moonrider

JoyMasher parla del creare l'estetica fantascientifica del suo nuovo platformer d'azione in stile anni '90.

Salve, sono Danilo di JoyMasher e sono veramente entusiasta di parlarvi di Vengeful Guardian Moonrider, il nostro prossimo grande gioco! Credetemi, sarà un viaggio davvero niente male.

Dopo aver esplorato il genere di sparatorie a scorrimento con il nostro gioco precedente, Blazing Chrome (ispirato a classici senza tempo come Contra), con Vengeful Guardian Moonrider ho deciso di mantenere la bellezza retrò dei giochi a piattaforme d’azione degli anni ’90, rendendo l’esperienza più moderna in modi nuovi e divertenti.

Il creatore di Blazing Chrome ritorna con Vengeful Guardian Moonrider

Per riuscirci, ho esplorato a fondo il territorio dei giochi a 16 bit e persino dei primi giochi su CD con lo scopo di creare un’esperienza autentica, proprio come se avessi trovato in cantina un gioco inedito di Mega Drive/Genesis. Ad esempio, ho utilizzato un audio in stile Red Book e persino il parlato registrato per dare a Vengeful Guardian Moonrider un’atmosfera autentica degli anni ’90.

A ispirare Vengeful Guardian Moonrider, però, non sono stati solo i giochi: ho anche cercato di mescolare le diverse influenze culturali che ho assimilato durante l’infanzia, quando giocavo a bellissimi giochi d’azione giapponesi, guardavo anime dai toni cupi e leggevo romanzi di fantascienza congetturali e discutibili. Abbiamo rivisto Genocyber, Cyguard, Kamen Rider Black e Hakaider per avere una base di partenza per la definizione dell’universo in cui è ambientato Vengeful Guardian Moonrider. Ovviamente, riguardare tutti quei fantastici titoli è stato un impegno molto serio e non una scusa per passare del tempo con intrattenimento di qualità, eh, eh… 

Tutti i modelli dei personaggi di Vengeful Guardian Moonrider e la direzione artistica generale del gioco sono stati fortemente ispirati dall’artista giapponese Keita Amemiya, autore di molti videogiochi, anime e tokusatsu dell’epoca. Mi sono anche ispirato molto a H. R. Giger, l’artista dietro le ambientazioni ultraterrene della serie Alien.

La maggior parte dei nemici ha molte componenti biomeccaniche e un aspetto molto inquietante. Anche gli scenari delle stanze dei boss hanno la loro dose di elementi horror e organici e trasmettono quell’ulteriore senso di inquietudine che tanto cercavo, pur mantenendo un aspetto molto accattivante! Sono stato anche molto influenzato dagli yokai (demoni del folklore nipponico) e dalla loro rappresentazione nell’arte tradizionale giapponese.

Come sarà ormai chiaro, avere dei riferimenti è molto importante per me e rappresenta una grande fonte di ispirazione. Credo siano stati fondamentali per trovare la mentalità giusta e creare un’atmosfera fantascientifica e raccapricciante capace di invogliare il pubblico a esplorarla. Tutto in Vengeful Guardian Moonrider è spietato, oscuro e malinconico, e per un valido motivo. La trama narra le cupe vicende di una realtà alternativa in cui uno stato dominante usa le proprie armi (i guardiani) per sottomettere le altre nazioni e il suo stesso popolo. Moonrider è un guardiano che, dopo un incidente, decide di combattere per il suo popolo e annientare il malvagio regime del suo paese.

Sappiamo che circolano molti titoli indipendenti d’azione e avventura, ma il nostro obiettivo è quello di creare qualcosa di speciale, che riproduca la sensazione dei giochi d’azione e avventura degli anni ’90 e al tempo stesso porti una ventata di novità. Per realizzare il nostro progetto, l’atmosfera è senz’altro un strumento ottimo, ma anche il gameplay è fondamentale. 

Vengeful Guardian Moonrider è un videogioco a piattaforme d’azione vecchio stampo in cui abbiamo cercato però di combinare lo stile arcade veloce con un pizzico di caccia agli oggetti e di esplorazione grazie al sistema dei chip, che conferisce nuove abilità e poteri nel corso del gioco. Per esempio, ci sono chip di potenza che permettono di compiere salti doppi, di ampliare il raggio d’azione delle armi, di rigenerare la salute e molte altre abilità utili che ti consentono di scegliere e giocare nel modo che preferisci.

E con questo è tutto per il post di oggi! Spero di avervi trasmesso con successo il nostro entusiasmo per Vengeful Guardian Moonrider e che il gioco possa conquistarvi tanto quanto realizzarlo ha conquistato noi. Continuate a seguirci se siete appassionati di retrò e al contempo per tenere d’occhio Vengeful Guardian Moonrider, presto in arrivo su PlayStation.

Inserisci la tua data di nascita.