In occasione del quinto anniversario di No Man’s Sky, Hello Games riflette sul viaggio fatto fin qui

0 0
In occasione del quinto anniversario di No Man’s Sky, Hello Games riflette sul viaggio fatto fin qui

In più si accenna al nuovo aggiornamento Frontiers.

Cinque anni fa è uscito No Man’s Sky. Per la prima volta abbiamo visto i giocatori di tutto il mondo esplorare l’universo che abbiamo creato. È stato un momento stressante e il culmine di cinque anni di durissimo lavoro per il nostro ridottissimo team (in media il team era composto da 6 membri e da appena 15 all’uscita).

Sapevamo che era l’inizio di un viaggio, ma non ci aspettavamo che fosse così esaltante. Oggi vorremmo soffermarci a riflettere insieme su questo traguardo. Non è stato sempre facile, ma i giocatori e la community sono sempre stati la nostra stella guida. Dietro a ogni aggiornamento, video, funzionalità e frase delle note sulle patch, c’è un team che ha molto a cuore questo gioco.

Il nostro viaggio continua con l’annuncio di Frontiers, il nostro nuovo aggiornamento principale gratuito. L’aggiornamento è solo un’altra tappa del viaggio e arriverà presto.

Guardando il video, il team stesso è rimasto sorpreso da com’è cambiato No Man’s Sky nel tempo, ma anche da quanto siamo rimasti fedeli alla nostra visione di un universo da esplorare.

Pensando a questo periodo, mi tornano in mente i momenti fondamentali dello sviluppo.

L’avventura è iniziata quando siamo saliti nervosamente sul palco di Sony, all’E3 2014, per mostrare le prime sequenze di gioco del nostro ambizioso progetto. Solo pochi mesi prima i nostri uffici si erano allagati. Essere ancora in piedi come team è stato un piccolo trionfo.

Gli anni precedenti e successivi all’uscita sono una lunga sequenza confusa, ma alcuni aggiornamenti rappresentano delle vere pietre miliari.

È difficile immaginare come abbiamo fatto a realizzare così tanti aggiornamenti corposi in prossimità dell’uscita. Foundations è arrivato circa 10 settimane dopo il gioco principale, introducendo le dinamiche di costruzione delle basi. Ora la costruzione di basi è una parte imprescindibile di No Man’s Sky, ma allora si trattava di una funzionalità inattesa. Foundations è diventato veramente la base su cui hanno preso forma gli anni successivi.

No Man’s Sky NEXT è stato un punto di svolta. È sembrato quasi un nuovo gioco e ha portato il multigiocatore su PlayStation nel 2018. La reazione della community continua a motivarci ancora oggi, anni dopo.

Nel 2019, insieme al ricco aggiornamento BEYOND, abbiamo portato l’intero gioco su PS VR. In questa versione realizzata da zero, i viaggiatori hanno potuto sperimentare le meraviglie dell’universo in realtà virtuale grazie a un aggiornamento gratuito. In quel momento ho sentito di poter vedere il gioco da una prospettiva diversa, di poter entrare davvero nell’universo che abbiamo creato.

Ho provato nuovamente quella sensazione solo nel 2020, all’uscita di PlayStation 5, quando abbiamo proposto una versione migliorata del gioco, anche stavolta con un aggiornamento gratuito. Vedere il nuovo aspetto del gioco sull’hardware di nuova generazione è stato un momento incredibile per il team.

Infine, venendo al 2021, posso dire che sono molto emozionato per il prossimo aggiornamento, Frontiers. Sotto certi punti di vista è un altro aggiornamento, ma da altri è un tassello della storia di fantascienza che abbiamo sempre voluto aggiungere. È perfetto per questo quinto anniversario.

C’è ancora moltissimo che vogliamo provare e per cui siamo emozionati. Il prossimo passo del viaggio non è lontano. Condivideremo altri dettagli di Frontiers con i Viaggiatori molto presto.

Vogliamo ringraziare tutti quelli che hanno viaggiato con noi finora e anche chi deve ancora unirsi a questa ambiziosa avventura.

Il nostro viaggio continua.

Sean