Le melodie interdimensionali della colonna sonora di Ratchet & Clank: Rift Apart, disponibile ora

0 0
Le melodie interdimensionali della colonna sonora di Ratchet & Clank: Rift Apart, disponibile ora

Come creare una colonna sonora fuori dal mondo che sia orchestrale, elettronica e del tutto inaspettata.

La colonna sonora di Ratchet & Clank: Rift Apart è molto speciale per me e non sarebbe mai potuta nascere senza il coinvolgimento di Scott Hanau, produttore musicale di SIE, quindi gli abbiamo chiesto di aiutarci a scrivere questo articolo.

Nelle prime battute della ricerca del compositore ideale per Ratchet & Clank: Rift Apart, abbiamo discusso e stabilito dei pilastri a cui volevamo attenerci:

Epicità – essere in grado di creare composizioni ardite che elevassero l’azione di gioco.

Leggerezza – non essere troppo seri, perché questo è un franchise che non si prende troppo sul serio, ma senza cadere in un’eccessiva “stravaganza”, perché l’umorismo in musica può trasformarsi fin troppo facilmente in macchietta.

Imprevedibilità – poiché l’universo di Ratchet & Clank è fondato sulla natura mista/duale del combinare idee in risultati inaspettati, volevamo qualcuno che fosse a suo agio con l’insolito e il sorprendente.

Temi – Ratchet & Clank non ha mai avuto un tema, un motivo che i giocatori potessero canticchiare e per cui dire “Non riesco a togliermi di mente il tema di Ratchet!”

L’unione fa la forza (da sinistra a destra): Jasper LeMaster e Nick Spezia di Ocean Way Nashville, Anthony Caruso ed Ernest Johnson di PlayStation Studios Music, Mark Mothersbaugh, Scott Hanau, Marcus Smith, Keith Leary (produttore delle composizioni di PlayStation Studios Music), Dwight Okahara di Insomniac, Chuck Doud (direttore senior di PlayStation Studios Music), Wataru Hokoyama e Tim Davies (direttore d’orchestra)

Scott ha suggerito il nome di Mark Mothersbaugh (DEVO, The Lego Movie, Le avventure acquatiche di Steve Zissou, Thor: Ragnarok) perché i nostri pilastri erano elementi comuni del suo lavoro. Calzava a pennello. Quindi abbiamo cominciato a cercare qualcuno che gli somigliasse. Dopo aver confrontato decine di potenziali compositori con i nostri pilastri, Scott ha però suggerito “anziché cercare qualcuno come Mark Mothersbaugh, perché non chiediamo direttamente a Mark?”. Non credevo fosse possibile, ma in una settimana o giù di lì stavamo descrivendo il gioco a Mark (insieme a Wataru Hokoyama di Mutato Muzika), scambiandoci sguardi del tipo “sta succedendo davvero?” mentre cercavamo disperatamente di comportarci da professionisti.

All’interno della sacra sala degli Ocean Way Studios mentre le sezioni d’archi completano la sessione di registrazione finale dell’orchestra per Rift Apart.

Scott Hanau: Con Mark e il suo team a bordo ci siamo subito messi al lavoro, sia dal punto di vista creativo che tecnico.  Armato dell’ultima versione della storia di Marcus, Mark ha cominciato a produrre una serie iniziale di temi. Avendo già lavorato su altri giochi, aveva familiarità con la creazione di composizioni suggestive e memorabili, oltre a offrire la profondità e la versatilità necessarie per adattarsi a un’esperienza di gioco aperta.  Diverse settimane dopo, abbiamo ricevuto un primo lotto di musica che includeva non soltanto il tema principale “Rift Apart” ma anche il tema di Dr. Nefarious e le basi per i puzzle di Clank e per le sacche dimensionali.  Un grandissimo successo, per usare un eufemismo.

Mark ha continuato a sfornare tonnellate di brani perfetti basati esclusivamente su concetti e illustrazioni, facendoci preoccupare a un certo punto che avrebbe potuto andare troppo avanti rispetto al resto della produzione.  Dover chiedere a un artista così prolifico di “rallentare” è sicuramente un momento difficile nella carriera di chiunque.

Mentre la colonna sonora di Ratchet & Clank: Rift Apart è principalmente radicata in elementi orchestrali ed elettronici, una inaspettata strumentazione a base di concertina, canti pirata, cori, chitarra, conchiglie, theremin e altro offrono frequentemente tappeti sonori unici a ciascuna ambientazione.  Mark ha persino usato alcuni dei suoi caratteristici sintetizzatori, come un Minimoog e l’Oberheim TVS-1, che è possibile ascoltare nei classici album dei DEVO.

È fatta. L’ultimo giorno della sessione di registrazione finale dell’orchestra di Rift Apart. La sezione degli ottoni conclude con enfasi.

Marcus: Nel febbraio 2020, poco prima che negli USA avesse inizio il lockdown, abbiamo tenuto la prima sessione di registrazione dell’orchestra di archi e ottoni a Nashville, Tennessee, agli Ocean Way Studios. Tuttavia, un mese dopo, ci siamo trovati separati, ognuno al lavoro da casa sua. Abbiamo registrato altre due sessioni agli Ocean Way, ma tutti (a parte i musicisti, che hanno seguito rigorose misure di sicurezza) collegati da remoto. È stato incredibile disporre della tecnologia per partecipare a una sessione di registrazione che avveniva a qualche migliaio di chilometri di distanza e ascoltarla in alta fedeltà in tempo reale.

Scott: Dopo la registrazione, il team PlayStation Studios Music ha lavorato sulle innumerevoli take individuali per ottenere i mix e gli stem finali, che a loro volta sono stati trasformati in migliaia di asset e integrati nell’esperienza musicale desiderata.  Buona parte di questo lavoro si è svolta nell’imprevedibilità del COVID.  Non solo la maggior parte di missaggio, editing, integrazione e test si è svolta durante il lavoro da casa, ma allo stesso tempo abbiamo dovuto reinventare come fare il nostro lavoro.  Dover affrontare queste circostanze è stato impegnativo, ma ne è valsa indubbiamente la pena.

Ecco alcuni dei nostri brani preferiti tratti dalla colonna sonora (ascolta l’album su Spotify o Linkfire): 

La colonna sonora completa del gioco è inclusa anche nell’edizione Digital Deluxe di Ratchet & Clank: Rift Apart. Pre-ordina ora su PlayStation Store. Ratchet & Clank: Rift Apart arriverà in esclusiva per le console PlayStation 5 venerdì 11 giugno.

Unisciti alla conversazione

Aggiungi un commento

Non essere inappropriato!

Please be kind, considerate, and constructive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica dei commenti (apri in una nuova scheda)