Curse of the Dead Gods: 7 consigli di gioco per questo roguelike pieno zeppo di mostri

0 0
Curse of the Dead Gods: 7 consigli di gioco per questo roguelike pieno zeppo di mostri

Come sopravvivere all'oscuro tempio pieno di trappole che vuole corrompere la vostra anima

Salve, esploratori! Tutti noi di Passtech Games siamo felicissimi di annunciare il lancio di Curse of the Dead Gods per PlayStation 4 questo martedì 23 febbraio! Sappiamo che il nostro roguelite pieno zeppo di trappole e mostri può rivelarsi molto impegnativo. Per salvare la vostra anima dalla corruzione, abbiamo perciò pensato di offrirvi sette consigli per cominciare l’esplorazione del nostro oscuro e tortuoso tempio con il piede giusto.

Cercate la luce

Mentre avanzate seguendo la luce della vostra fidata torcia, le pareti del tempio si contorcono nell’ombra. La maggior parte delle aree che attraverserete in Curse of the Dead Gods sono piene di trappole e di nemici nascosti nell’ombra. Prima di impugnare le armi e combattere, cercate sempre fonti di luce o createne di nuove accendendo bracieri, bruciando ragnatele e dando fuoco ai nemici. Ricordate: gli attacchi subiti al buio vi infliggeranno più danni. L’icona in basso al centro dello schermo segnala se state combattendo alla luce o al buio.

  • Esplorate l’ambiente

Nonostante i molti pericoli nascosti nell’ombra, l’esplorazione gioca un ruolo essenziale in Curse of the Dead Gods. Raccogliete quanto più oro e quante più armi e reliquie mistiche possibile cercando dappertutto e non lasciatevi sfuggire le stanze nascoste. La ricompensa vale sempre il rischio.

  • Sfruttate le trappole

Le trappole sono letali anche per i nemici! Esplorate l’ambiente per farvi un’idea delle trappole a disposizione, quindi spingete i nemici verso gli spuntoni o i canali velenosi, attirateli vicino a una fiamma sputa-fuoco o trovate altri modi di sfruttare l’ambiente. Esistono molti modi per affrontare i nemici in modo creativo!

  • Gestite bene la vostra resistenza

Se non siete nuovi dei GdR d’azione, saprete cos’è la resistenza e come funziona di solito. I piccoli puntini bianchi sotto il vostro personaggio rappresentano la sua resistenza. Saperla gestire è essenziale per giungere alla vittoria. La resistenza si consuma ogni volta che si effettuano combo, attacchi a distanza, attacchi a due mani e schivate. Trovate un buon equilibrio tra attacco e difesa per mantenere una riserva di resistenza, o rischierete di non poter evitare danni fatali in un momento cruciale. Le schivate effettuate con tempismo perfetto ripristinano un punto di resistenza e nel tempio sono nascoste anche armi e reliquie particolari in grado di rigenerarla.

  • Allenatevi a parare

Le parate sono un mezzo di combattimento estremamente efficace, se si sa come sfruttarle. Premete il comando di parata non appena il nemico avvia il proprio attacco per respingerlo, sbilanciando il nemico e indebolendo le sue difese. La parata funziona persino contro i proiettili, non consuma resistenza e anzi ne ripristina 2 punti, se effettuata correttamente. Parare col giusto tempismo non è facile, ma potete sempre allenarvi con i nemici di cui conoscete bene lo schema d’attacco o equipaggiare uno scudo per estendere la finestra temporale utile per la parata.

  • Gestite bene la corruzione

Prima di prendersi la vostra vita, il tempio potrebbe prendersi la vostra anima. La barra viola in basso a destra sullo schermo rappresenta il grado di corruzione della vostra anima. L’anima si corrompe un po’ di più ogni volta che subite dei danni da certi nemici, offrite in sacrificio il vostro sangue (anziché l’oro) per ottenere bonus dagli altari o entrate in una nuova stanza. Quando il livello di corruzione raggiunge quota 100, il giocatore subisce una maledizione a caso. Molte maledizioni sono però un’arma a doppio taglio e possono stravolgere alcune meccaniche di gioco. Per esempio, una maledizione fa sì che i nemici esplodano alla morte. Ma se, da un lato, il giocatore deve fare più attenzione durante il combattimento, dall’altro può sfruttare questo effetto per innescare interessanti reazioni a catena. Starà a voi decidere se la vostra avidità di potere vi salverà o vi ucciderà: quanto più la vostra anima sarà corrotta, tanto più potenti saranno le armi e le reliquie maledette che troverete… ma alla quinta maledizione la vostra salute inizierà a consumarsi lentamente. È possibile rimuovere una maledizione sconfiggendo un campione ma, a seconda dei casi, potreste solo ritardare l’inevitabile…

  • Sbloccate benedizioni e armi

In Curse of the Dead Gods, morendo si perdono tutte le armi, le reliquie e l’oro in vostro possesso. Per fortuna, tesori come gli anelli di giada e i teschi di cristallo vengono conservati. I teschi di cristallo possono essere usati per ottenere potenti benedizioni permanenti che forniscono bonus ed effetti utili. Grazie a essi è possibile sviluppare il proprio personaggio creando sinergie vincenti, perciò non esitate a sperimentare per trovate le combinazioni migliori. Con gli anelli di giada è possibile invece sbloccare nuove armi tra quelle che è possibile trovare esplorando il tempio. Ricordate sempre di esplorare ogni angolo buio alla ricerca dei forzieri contenenti le armi.

Ci auguriamo che questi suggerimenti vi tornino utili, esploratori! Siamo certi che saprete affrontare il tempio e l’oscurità che lo avvolge. Afferrate la torcia e un’arma e lanciatevi nell’avventura! Gli dèi della meraviglia vi attendono…