House House ci spiega come ha aggiunto la modalità multigiocatore a Untitled Goose Game

0 0
House House ci spiega come ha aggiunto la modalità multigiocatore a Untitled Goose Game

La modalità cooperativa locale per due giocatori arriva domani in questo magnifico gioco rompicapo 

Ciao, sono Nico Disseldorp. Faccio parte di House House, la società di videogiochi che ha realizzato Untitled Goose Game. Se non ne avete mai sentito parlare, è un gioco in cui si vestono i panni di una terribile oca che scatena il panico in un piccolo villaggio.

Domani, il gioco riceverà un aggiornamento gratuito, che consentirà a due giocatori di unirsi e giocare nei panni di una coppia di oche pestifere.

House House ci spiega come ha aggiunto la modalità multigiocatore a Untitled Goose Game

L’idea di coinvolgere due giocatori insieme ci era sempre piaciuta, fin da quando avevamo iniziato a lavorare al gioco nel 2016. Ma essendo un team molto piccolo, avevamo deciso di lasciarcela alle spalle per concentrarci sulla modalità per giocatore singolo, perché volevamo che fosse perfetta.

Dopo la pubblicazione del gioco, l’anno scorso, c’era l’opportunità di aggiungere altri elementi. Ci siamo resi conto che molti giocavano insieme ai loro amici, guardando o facendo a turno, e questa reazione ci è piaciuta moltissimo. Così abbiamo deciso che la cosa migliore che potevamo fare era aggiungere la seconda oca.

In questo articolo, voglio condividere con voi cos’abbiamo fatto per creare una modalità a due giocatori in un gioco che originariamente non l’aveva. Sia in termini del tipo di lavoro da fare, sia in termini dei risultati.

Per aggiungere un’altra oca al gioco, dovevamo fare un paio di cose grandi e un sacco di piccole cose.

Per cominciare, bisognava realizzare una nuova oca. In termini di aspetto, sapevamo che i giocatori dovevano essere in grado di distinguerle, ma ci piaceva l’idea che gli abitanti del villaggio non vedessero la differenza. Quindi abbiamo cercato di rendere l’aspetto diverso nei dettagli, ma di mantenere la somiglianza complessiva.

Quindi, le parti arancioni della seconda oca tendono un po’ più al rosso e, nell’insieme, è un po’ più grassottella e soffice (soprattutto piedi, coda e ali). Abbiamo anche aggiunto una gobba sul becco, che a quanto pare si chiama “manopola basale”. Nemmeno gli esperti sanno esattamente a cosa serva, se non a livello estetico. Infine, e questo è stato particolarmente importante, il nostro progettista dei suoni, Em Halberstadt, ha dato a quest’oca uno schiamazzo diverso.

Poi bisognava intervenire sulle reazioni degli abitanti del villaggio alle due oche. Il nostro codice di intelligenza artificiale non aveva mai dovuto tenere traccia di due entità, quindi abbiamo dovuto rendere i personaggi un po’ più intelligenti. Si è lavorato molto per stabilire a quale oca un personaggio avrebbe dato la priorità in un dato momento. Inoltre, è stato necessario creare equilibrio per assicurarci che la gente riuscisse a fermare entrambe le oche quando era necessario, ma dovevamo anche far sì che le oche avessero molte occasioni per aiutarsi reciprocamente (per esempio distraendo qualcuno mentre l’altra oca rubava qualcosa).

Sistemato tutto, siamo rimasti sorpresi da quante cose divertenti riuscissero a fare le due oche. Per esempio si poteva interagire diversamente con alcuni oggetti: due oche possono tenere un rastrello in modo da farne un palo da limbo, un’oca può trascinare l’altra in una scatola, oppure ogni oca può avere un walkie-talkie e trasmettere il proprio verso all’altra.

Quando si tratta di interagire con gli abitanti del villaggio, ci siamo divertiti un sacco a creare diverse situazioni: per esempio un’oca schiamazza per attirare l’attenzione, mentre l’altra si intrufola per fare qualche guaio. È molto divertente avere una complice quando si deve collaborare per… far cadere un secchio in testa a qualcuno.

La modalità a due giocatori è locale, quindi è realizzata per due giocatori su un unico sistema. Tuttavia, gli utenti di PlayStation possono anche giocare con un amico online. Se hai un abbonamento a PlayStation Plus, puoi usare la funzione Share Play per unirti a qualcuno in remoto, come se fosse un secondo giocatore sul tuo sistema. Secondo noi è un ottimo sistema di streaming video ed è una funzionalità che gli utenti dovrebbero provare!

Grazie per aver letto il nostro aggiornamento sulla modalità per due giocatori. Non vediamo l’ora di presentarvi la nostra nuova oca domani!