Il Blog Italiano di PlayStation

Editor’s Choice: Streets of Rage 4 è un esempio sublime di un gioco “pick-up-and-play” geniale

0 0
Editor’s Choice: Streets of Rage 4 è un esempio sublime di un gioco “pick-up-and-play” geniale

Così si reinventa un classico per l'era moderna

Streets of Rage 4 ha un sacco di elementi ben riusciti. Prendiamo il suo sublime sistema di combattimento che, ai giocatori occasionali dà la sensazione di essere maestri di arti marziali, mentre ai fan dei combattimenti con tecniche di alto livello dà pane per i loro denti. Oppure prendiamo la colonna sonora, con brani che non ti fanno stare fermo e ritmi orecchiabili che guidano l’azione sullo schermo, ma sono anche piacevoli da ascoltare al di fuori del gioco. Nuovi personaggi che diventano immediatamente leggendari. Grafica disegnata a mano che balza fuori dallo schermo.

Streets of Rage 4 avrebbe potuto sbagliare molte cose. Tentare di ricostruire la magia della trilogia originale di questo picchiaduro a scorrimento laterale, che continua a essere celebrato come uno dei migliori giochi di sempre, sembrava una perdita di tempo. Allora bisogna ringraziare Dotemu, Lizardcube  e Guard Crush Games, i tre studi che hanno deciso di proporre questo inverosimile revival, per non aver lasciato niente al caso.

Hanno ricercato i documenti originali del design. Hanno esaminato la formula. Hanno parlato con gli autori e i fan. Hanno considerato cosa doveva essere modernizzato e cosa lasciare intatto. Il risultato di tre lunghi anni di meticolosa congiunzione di vecchio e nuovo ricattura splendidamente lo spirito di quei classici. Ma, soprattutto, non sembra una reliquia di un’epoca passata.

Streets of Rage 4

Un ottimo esempio è la riconfigurazione degli attacchi speciali dei personaggi. In precedenza, queste potenti mosse potevano sottrarre molte tacche di energia alla barra del nemico, ma ti facevano perdere una fetta di salute. In Streets of Rage 4, la salute perduta è potenzialmente recuperabile… se continui ad attaccare e non vieni colpito. Si tratta di un piccolo ritocco che migliora il ritmo dell’azione di gioco, rendendo quelle mosse rischiosissime ma molto gratificanti.

E anche se vuoi mantenere opzioni di combattimento di base, il gioco è comunque sensazionale. Ogni pugno e calcio offre una bella dose di soddisfazione, grazie all’audio solenne e al corrispondente scossone del controller Dualshock 4. Puoi picchiare i nemici, infilarci un lancio occasionale, qualche calcio con salto, ma ti sentirai sempre una forza della natura.

Tuttavia, il gioco ti invita a provare attacchi più complessi. Perché anche un’idea rudimentale di come funzionano le combo porta a delle sequenze spettacolari. Ogni esibizione ostentata accende la curiosità e ti stuzzica a imparare ancora di più. A sperimentare.

Streets of Rage 4

Di solito, quando gioco sono un tipo silenzioso e concentrato. Eppure ho esultato di gioia per una combo che sono riuscito a realizzare con Adam Hunter che ha fatto volare una manciata di cattivi dall’altro lato dello schermo, facendoli rimbalzare su un muro. Ho tirato fuori un fischio di ammirazione quando ho scoperto che puoi scavalcare una fila di nemici con una raffica di attacchi aerei mentre giocavo con Cherry Hunter. Ho riso alla mia audacia per essere riuscito ad arare una folla di nemici con il tank Floyd Iraia.

La varietà dei personaggi da combattimento offre una piacevole gamma di stili che dovrai imparare a usare.  Un miglioramento non sollecitato rispetto agli originali: nella campagna puoi scambiare i combattenti tra un livello e l’altro. Io avevo già i miei preferiti e li avevo sempre mantenuti. Eppure, con un cast così buono, mi sono trovato a ruotarli continuamente dalla schermata di selezione del personaggio.

I giochi originali offrivano scenari e sfondi accattivanti mentre ti facevi largo per la città. Questo sequel fa altrettanto e ci aggiunge delle variazioni originali. Mentre ti scontri sopra un treno in movimento, appare all’improvviso della segnaletica da scavalcare. Una lotta su un aereo di lusso altamente sorvegliato continua ad essere interrotto dalle perdite di quota. Una battaglia a Chinatown si ispira orgogliosamente ai film d’azione mentre affronti orde sempre più grandi in un dojo.  Ognuno dei 12 livelli offre un momento memorabile che vale la pena riprovare.

Ma forse ciò che mi piace di più di Street of Rage 4 è il variare delle proporzioni. Grazie alla natura di questi livelli, che sembrano piccoli assaggi, e alla moltitudine di modalità, che includono opzioni cooperative e competitive online e offline, le sessioni possono essere tanto brevi o tante lunghe quanto vuole il giocatore. Per esempio, ho superato un unico livello durante una pausa caffè, ma ho anche perso un tentativo serale di avanzare il più possibile con un singolo credito in modalità Arcade.

Streets of Rage 4

Come ho già detto, è un gioco che soddisfa gli appassionati del genere ma anche i curiosi perché ha un design familiare che lo rende accessibile ai più con un’azione di gioco che ti ricompensa continuamente, a prescindere dal livello di abilità. Questo lo rende, secondo me, il gioco perfetto da godersi con gli amici. Anche se le circostanze attuali mi impediscono di godere il caos della co-op locale a quattro giocatori, quando potrò invitare di nuovo gli amici a casa, sarà per questo gioco che ci passeremo i controller e alzeremo il volume a palla.