Il Blog Italiano di PlayStation

The Church in the Darkness uscirà su PlayStation 4 il 2 agosto

1 0
The Church in the Darkness uscirà su PlayStation 4 il 2 agosto

Il gioco di infiltrazione in una setta arriverà venerdì prossimo.

Sono lieto di annunciare che The Church in the Darkness finalmente uscirà su PlayStation 4 il 2 agosto!

Forse ci avete già visto su PlayStation Blog qualche tempo fa, e da allora abbiamo lavorato sodo per dare vita al gioco. Perché in questo gioco non dovrete soltanto infiltrarvi in una setta, ma è fatto per essere rigiocato più volte, sia per il suo gameplay generato proceduralmente, sia per la sua storia piena di colpi di scena e cambiamenti. Vogliamo che ogni volta vi chiediate: quanto è pericolosa questa setta e cosa deciderò di fare in proposito?

The Church in the Darkness è ambientato all’interno di una setta religiosa degli anni ’70, periodo in cui la gente voleva dare vita a nuove società. A volte, questi gruppi finivano malissimo. Il nostro è la Collective Justice Mission, che ha deciso di creare un’utopia socialista nella giungla del Sudamerica. Il bello è che la personalità dei leader della setta cambia ogni volta che giocate.

Vi infiltrerete nel gruppo alla ricerca di vostro nipote Alex, per capire se sta bene. Il gioco offre molti elementi che lo rendono rigiocabile: gli obiettivi, i luoghi in cui essi si trovano e le posizioni delle guardie sono solo alcuni di quelli che cambieranno sempre. Inoltre, utilizziamo tecniche di narrazione procedurale per cambiare le idee e le motivazioni dei leader della setta.

Mentre assorbite il mondo di Freedom Town ascoltando le parole dei capi della setta attraverso i vostri amplificatori, leggendo lettere e documenti e parlando con le poche persone amichevoli al suo interno, dovrete decidere quanto essa sia pericolosa. Ma qualsiasi sia la versione della setta che vi troverete a fronteggiare, dovrete fare attenzione alle guardie, perché il gruppo non tollera chi si infiltra nella sua città.

Nelle mie ricerche riguardanti le vere sette religiose, ciò che più mi ha affascinato è il fatto che queste organizzazioni sono spesso molto difficili da comprendere dall’esterno. Invece, chi fa parte del gruppo spesso non lo vedrà affatto come una setta. Ache se un gruppo ha aspetti che lo fanno sembrare una setta, se la gente al suo interno non si fa del male e non ne fa agli altri, ha il diritto di vivere come preferisce. Quindi, essendo voi esterni, come farete a giudicare? Rendendo questo titolo rigiocabile grazie a una narrazione che cambia di continuo, riusciamo a esplorare la storia da ogni punto di vista.

Nel nostro trailer di lancio, qui sopra, ne vedrete alcuni esempi: potreste scoprire dei messaggi scritti con dei bastoncini di legno sul terreno che dicono una cosa in una partita, ma il messaggio potrebbe cambiare nella successiva. Una scultura di metallo contorto potrebbe essere adorata una volta e distrutta la volta successiva. Potreste saltare a conclusioni affrettate riguardo a un certo gruppo, ma le risposte sono spesso più complesse di quanto sembrino.

Questo gioco presenta anche delle scelte. Cosa succederà quando troverete vostro nipote Alex? Potrebbe stare bene, potrebbe volersene andare, o una via di mezzo. Potreste riuscire a convincere un personaggio a dirvi dove si trovano i capi della setta, Isaac e Rebecca, e potreste decidere di confrontarvi con loro riguardo a ciò che avete visto e scoperto. Oltre al classico gameplay di infiltrazione, che vi permette di giocare in modo letale, non letale o a metà tra le due scelte, dovrete anche fare delle fondamentali scelte narrative riguardo ad Alex, Isaac e Rebecca.

Tutte le scelte che farete durante il gioco finiranno nel sistema e determineranno il corso della storia e i tanti finali possibili. Per aiutare i giocatori a esplorare le numerose possibilità, abbiamo creato una schermata di finali che vi permetterà di vedere quali avrete sbloccato fino a quel momento.

Vogliamo anche che abbiate sempre delle sfide, man mano che rigiocate più volte il titolo. Il sistema di difficoltà del gioco offre un livello di sfida sostanzialmente più elevato a ogni livello. Quando rigiocate, potrete far salire il livello di difficoltà per vivere il gioco in maniera più intensa, ottenendo speciali medaglie nelle schermate dei finali e permettendovi di controllare i vostri progressi. Ovviamente, non mancano preziosi trofei collegati al fatto di riuscire a finire il gioco a livelli di difficoltà avanzati, per non parlare di quanto dovrete faticare per ottenere l’ambito Trofeo di Platino.

The Church in the Darkness è stato un progetto in cui mi sono impegnato anima e corpo per anni. Dopo quello che abbiamo cercato di fare a livello di narrazione sperimentale, non vedo l’ora di scoprire come la vivranno i giocatori, e sono anche curioso di vedere se scoprirete tutti i segreti di questa storia. Nella giungla non ci sono risposte semplici, e non vedo l’ora di sapere cosa significherà per voi la vostra personalissima storia.

I commenti sono chiusi.

1 Commento

  • Tematica molto intrigante e originale. Non mi fa impazzire per contro lo stile visivo scelto (povero e forse volutamente non iper realistico). Credo che lo sviluppatore si sia ispirato parecchio al film “The Sacrament”!