Pubblicato il

Spiegate le vele! FAR: Lone Sails sarà disponibile su PS4 il 2 aprile 2019

Mettiti alla prova in questa avventura a bordo di un veicolo in preda alle condizioni atmosferiche.

Mettersi in viaggio è sempre emozionante: non sai mai cosa potrebbe succedere, o dove potresti finire. Per noi, gli sviluppatori di Okomotive, pubblicare il nostro primo gioco, FAR: Lone Sails è esattamente il viaggio che abbiamo sempre sognato di affrontare. Ora siamo prossimi a una nuova e importante destinazione: l’arrivo del titolo su PlayStation Store il 2 aprile 2019… e puoi effettuare subito il pre-ordine!

FAR: Lone Sails è un gioco di avventura a bordo di un veicolo. Si tratta di un ibrido unico tra una nave e un treno: attraverserai un oceano trasformatosi in deserto seguendo le tracce di un’antica civiltà un tempo fiorente.

Superando una serie di ostacoli e affrontando un clima avverso, dovrai mantenere in movimento il tuo vascello. Dove ti porterà questo viaggio? Sei l’ultima persona rimasta al mondo?

FAR: Lone Sails ti porta in un mondo post apocalittico, ma senza zombi: sarai solo tu e la tua macchina contro il grande nulla.

TITLE TITLETITLE

Le sue meccaniche e la sua atmosfera uniche fanno risaltare immediatamente questo gioco. Lo stile artistico e sonoro sono incredibili: una meraviglia per gli occhi e per le orecchie. Quel che risalta di più, però, specialmente nel genere su piattaforme, è il ritmo del gioco, che lascia tempo a sufficienza per rilassarsi e godersi il panorama mozzafiato.

Rock Paper Shotgun lo ha definito “un viaggio da provare assolutamente. […] Un gioco ricco di meraviglie silenziose con un cuore caldo e tenero”. Eurogamer lo ha ritenuto “un’avventura amara ma luminosa e che scalda il cuore, con una meccanica innovativa per la gestione della nave di terra, panorami meravigliosi e una colonna sonora splendida”. Game Informer, invece, aggiunge che si tratta del “tipo di gioco che ti resta nel cuore dopo aver visto i titoli di coda”.

TITLETITLE

Studio Okomotive ha la propria sede a Zurigo, in Svizzera. Siamo cinque game designer e un musicista. Abbiamo tutti studiato all’Università di belle arti di Zurigo, dove nacque l’idea del nostro titolo di debutto e dove ci siamo conosciuti.

Ebbe tutto inizio nel 2015, con la tesi di laurea di Don Schmocker: è a lui che venne l’idea del tipo di gioco e dello stile grafico, ricevendo ispirazione da diverse fonti, come “Strandbeest” di Theo Jansen e “Una storia vera” di David Lynch, oltre che a film post apocalittici quali la serie di “Mad Max”. Fu così che creò un prototipo di FAR in collaborazione con il compositore Joes Schoch. Poco dopo, anche il publisher Mixtvision salì a bordo, così che potessimo continuare a lavorare all’idea e al concetto che avevamo in mente.

Don chiese aiuto a Goran Saric, un suo compagno di corso, per occuparsi degli aspetti tecnici del gioco. Durante il processo di sviluppo, la squadra crebbe ancora: innanzitutto, Martina Hugentobler si unì per occuparsi delle animazioni, quindi arrivò Phil Stern, per prendersi cura della progettazione dei livelli e della grafica. In ultimo, Fabio Baumgartner divenne parte della squadra in qualità di programmatore e sound designer.

TITLETITLE

Dopo un lancio di successo per PC e Mac, che ottenne diversi premi, era solo una questione di tempo prima che fosse il momento di portare il gioco anche su PlayStation. Eccoci qua, quindi, pronti a giungere alla nostra prossima destinazione.

Per chiunque voglia unirsi a questo viaggio, che inizierà il 2 aprile 2019 su PlayStation Store, ecco qualche piccolo consiglio:

spiegate le vele, lasciatevi guidare dal vento. Tenete gli occhi aperti, così da potervi godere la bellezza delle piccole cose e trovare tanti piccoli fari di speranza. Anche quando i tempi sono duri e il mondo può sembrare senza speranza, è necessario stringere i denti e continuare ad andare avanti.

1 Commenti
0 Risposte dell'autore

Thumbs up già solo perché finalmente anche la Svizzera si fa onore in ambito gaming visto che lo studio in questione è di Zurigo! Devo dire che il look è abbastanza convincente e, cosa ancora più importante, pare che il concept sia piuttosto ricercato e particolare. Bene!

Dopo 30 giorni dalla pubblicazione di un post, non sarà più possibile lasciare commenti.

Storico modifiche