Pubblicato il

Il miglior momento di gaming per PS4 del 2018 secondo gli sviluppatori PlayStation

Gli sviluppatori più in vista condividono i propri momenti videoludici più importanti degli ultimi 12 mesi, come God of War, Red Dead Redemption 2, Detroit: Become Human e altri

Insegna a tuo figlio a cacciare in God of War. Collabora con un partner robot in Astro Bot Rescue Mission. Racconta storie accanto al falò in Red Dead Redemption 2… l’elenco di momenti di gaming straordinari quest’anno potrebbe continuare all’infinito.

Abbiamo contattato un gruppo di sviluppatori PlayStation chiedendo loro di condividere i propri momenti videoludici preferiti per il 2018. Quali sono stati i tuoi? Faccelo sapere nei commenti. Attenzione agli spoiler!

1. Un salto nell’antica Grecia con Assassin’s Creed Odyssey

“È stato incredibile andare a spasso nell’Acropoli come se vivessi nel 431 a.C. Ho sempre amato la mitologia greca e vivere quest’esperienza mi ha fatto capire quante volte avessi cercato di immaginare quel mondo antico. [Ubisoft] gli ha dato vita (in maniera così vivace), dando un’interpretazione incredibile delle storie dell’antica Grecia.”

- Angie Smets, Produttrice esecutiva, Horizon: Zero Dawn, Guerrilla

2. Ritorno a casa per God of War

“Il ritorno a casa di Kratos, alla ricerca di quello che si nasconde sotto il tappeto (spoiler!). L’intera scena era così carica di intensità. Semplicemente splendida!”

- Nic Doucet, Direttore creativo, Astro Bot Rescue Mission Japan Studio

3. Alla ricerca del cavallo perfetto in Red Dead Redemption 2

“La cattura del cavallo arabo bianco nelle terre selvagge in Red Dead Redemption 2. Sono andata al lavoro e ho dovuto raccontarlo a tutti.”

- Emily Newton Dunn, Systems Designer, Dreams, Media Molecule

4. La sconfitta dell’ultima valchiria in God of War

“Il grande viaggio sentimentale di Kratos e Atreus fino alla fine e due nuovi mondi da esplorare e altre sette valchirie (per un totale di nove) da sconfiggere. Il 2018 ha dato a me e ad altri milioni di gamer un regalo incredibile!”

– Shuhei Yoshida, Presidente, Worldwide Studios

5. Ogni scelta conta in Detroit: Become Human

“Questo gioco ha portato la narrazione nei videogiochi a un livello superiore. La straordinaria quantità di informazioni che i giocatori ottengono fa davvero sentire che ogni scelta abbia un peso.”

- Kazunori Kadoi, Direttore, Resident Evil 2, Capcom

6. Il legame tra padre e figlio in God of War

“La mia scelta non si limita tanto a un momento particolare ma riguarda un insieme di momenti che concorrono a creare qualcosa di più grande in tutto il gioco. Ciò che mi è particolarmente piaciuto in questo episodio di God of War è il modo in cui evolve il rapporto tra Kratos e Atreus man mano che si procede nell’avventura. Giocando, ho sentito stringersi il legame tra i personaggi. Kratos, il padre severo, che si apre a suo figlio e Atreus, il ragazzo dapprima timido, che si ribella al padre, fornendo un’occasione per entrambi di imparare. È un viaggio meraviglioso. ”

- Adam Badowski, Direttore, Cyberpunk 2077, CD Projekt RED

7. Gestione di una metropoli sublime in Cities: Skylines

“Ho davvero apprezzato la semplicità d’uso di Cities: Skylines con il controller Dualshock 4 di PlayStation 4!”

– Hideaki Itsuno, Direttore, Capcom(Devil May Cry 5)

8. La narrazione intensa di Detroit: Become Human

“Ero un po’ perplesso di dover lavare i piatti in un gioco dopo aver appena finito le faccende prima di mettermi a giocare, ma la narrazione straordinaria e il mondo sconfinato mi hanno conquistato. A quel punto sapevo che mi sarebbero toccate molte notti in bianco.”

– Yoshinori Takahashi, Direttore, Bandai Namco (Soul Calibur VI)

9. La sparatoria di Strawberry in Red Dead Redemption 2

“La missione chiamata ‘Sono davvero beati i poveri in spirito?’ nel capitolo 2 di Red Dead Redemption 2.” Il gioco fino a quel punto era stato piuttosto soft, ma l’intenso scontro a fuoco che segue il salvataggio di Micah ha scatenato la mia adrenalina.”

– Hiroyuki Sakamoto, Game Director, Sega (Yakuza Kiwami 2)

10. L’incontro con il Serpente del mondo e lo scontro con Baldur in God of War

“God of War è stato pieno di momenti di grande potenza, ma questi due in particolare mi hanno colpito particolarmente: l’incontro con Jörmungandr e il primo scontro con Baldur. Vedere il Serpente del mondo per la prima volta mi ha estasiato per le sue dimensioni colossali e la sua gentilezza.

L’incontro è stato straordinario: guardare il gigante svegliarsi dal Lago dei nove mi ha mozzato il fiato. La differenza di grandezza tra Kratos e Jörmungandr e il loro incontro hanno lasciato il segno nella mia memoria, dato che ci ho pensato immediatamente nel riflettere ai miei momenti videoludici preferiti del 2018.

D’altro lato, c’è l’assoluta brutalità dell’incontro che segue la visita di Baldur alla casa di Kratos. Lo scambio iniziale, il comportamento di Baldur e gli eventi che seguono contribuiscono a creare un momento davvero memorabile.”

– Mateusz Tomaszkiewicz, Game Director, CD Projetk Red (Thronebreaker: Witcher Tales)

“‘Mozzafiato’ è un aggettivo abusato, ma è esattamente così che mi sono sentito nella battaglia contro l’Estraneo in God of War. È un mix perfetto di gioco, spettacolo e narrazione.”

– Bryan Intihar, Creative Director, Marvel’s Spider-Man, Insomniac Games

11. Le avventure con il partner robot in Astro Bot Rescue Mission

“Il mio momento videoludico preferito di quest’anno è stato in Astro Bot Rescue Mission. Il senso di gioia pura che ti dà il controller DualShock 4 dopo aver salvato i membri dell’equipaggio di Astro Bot che saltano di gioia è semplicemente incredibile. Astro Bot ha portato la mia nostalgia dei vecchi giochi di piattaforme a un nuovo livello grazie alla tecnologia PS VR. Non puoi fare a meno di sorridere quando Astro Bot ti guarda e ti saluta.”

-Damoun Shabestari, Produttore Creativo, First Contact Entertainment (Firewall Zero Hour)

12. La creazione del mondo di Red Dead Redemption 2

“Il mondo e l’ambiente erano davvero incredibili, in particolare i cavalli e la fauna selvatica.”

– Yuya Tokuda, Director, Capcom (Monster Hunter World)

13. Il controllo di Kratos nelle battaglie di God of War

“God of War! Tutto, dall’inizio alla fine… È pazzesco! Il momento che ho apprezzato di più è stato forse quando guardavo la mia ragazza giocare e lei mi ha chiesto di aiutarla a superare dei nemici che trovava difficili da affrontare. È lì che ho iniziato, ed è stato fantastico. I controlli erano impeccabili. Semplicemente splendido. Quello, e quando ho capito che la voce di Kratos era Teal’c di Stargate… Nerdgasmo!”

– Steve Filby, Producer, Motion Twin (Dead Cells)

14. La line-up PS VR del 2018

“La line-up di titoli stellari per PSVR è la mia preferita per il 2018. Wipeout, Moss, Beat Saber, Firewall, Astro Bot, Tetris Effect (e naturalmente The Persistence) sono solo alcuni dei titoli meravigliosi con cui ho giocato con piacere o a cui ho partecipato.”

– Stuart Tilley, Game Director, Firesprite (The Persistence)

15. A capo della marcia in Detroit: Become Human

“La scena della marcia di protesta in Detroit: Become Human. È stata un’esperienza innovativa sentirsi l’eroe a capo della marcia, con seguaci androidi che si uniscono uno a uno. A un certo punto mi sono accorto di aver alzato la voce mentre giocavo.”

– Ryousuke Horii, Planner, SEGA (Yakuza Kiwami 2)

16. Il ritorno di una battaglia epica in Shadow of the Colossus

“Dover affrontare nuovamente il terzo boss in Shadow of the Colossus rimasterizzato mi ha riportato alla mente tanti bei ricordi!”

-Tam Armstrong, Co-founder, Polyarc (Moss)

17. La modalità Downtown Jazz di Tetris Effect

“La prima cosa che mi viene in mente è stato giocare a Downtown Jazz per la prima volta in Tetris Effect e dire ‘Che cosa fantastica!'”

-Derek Yu, Creator, Spelunky 2

18. La scelta della ripresa singola in God of War

“Una ripresa di gioco ininterrotta è una caratteristica che miscela il meglio in fatto di visione creativa e tecnologia. Momenti grandiosi spesso nascono da questo tipo di pressione. La telecamera sempre in spalla per un titolo God of War era già una scelta audace, ma se a questo uniamo il fatto che non viene mai rivolta altrove ci porta a un nuovo livello di gioco cinematografico. Deve essere stato un lavoro instancabile ed estenuante per tutti i partecipanti, ma ne è valsa davvero la pena.”

– Dominic Robilliard, Creative Director, Pixelopus (Concrete Genie)

1 Commenti
0 Risposte dell'autore

Direi che da quest’articolo si evince che God Of War è effettivamente il gioco dell’anno, se anche gli addetti ai lavori ne parlano estasiati (oltretutto in riferimento ad aspetti diversi). Clamoroso succ esso firmato Sony!

Dopo 30 giorni dalla pubblicazione di un post, non sarà più possibile lasciare commenti.

Storico modifiche