Esplora una città intrappolata tra due dimensioni nell’agghiacciante Those Who Remain, in arrivo quest’anno su PS4

2 0
Esplora una città intrappolata tra due dimensioni nell’agghiacciante Those Who Remain, in arrivo quest’anno su PS4

Lo sviluppatore Camel 101 ci svela con un trailer le prime immagini di una vicenda dai tragici risvolti

Salve a tutti, amici di PlayStation! È con immenso piacere che ci accingiamo a scrivere il nostro post di debutto su questo blog.

Ma prima una veloce presentazione: siamo un piccolo team che si occupa di sviluppo di videogiochi da oltre dieci anni. Ciononostante, questo è il nostro primo titolo per PS4. Da un anno, infatti, siamo al lavoro su, Those Who Remain, la cui uscita è prevista entro la fine del 2018.

È stato un lungo viaggio, ma siamo finalmente pronti a svelare il risultato dei nostri sforzi. Per cui, mi ripeto, è un immenso piacere potervi mostrare il trailer di annuncio.

Those Who Remain è un thriller psicologico che si svolge a Dormont, cittadina di fantasia negli Stati Uniti. Si direbbe un luogo come altri, a prima vista, ma in realtà sulla città incombe una maledizione.

Giunto a Dormont, il nostro protagonista si renderà conto di dover temere ben altro che i propri demoni personali. Misteriose entità si annidano nelle tenebre, ghermendo chiunque sia tanto incauto da avvicinarsi troppo.
Per sopravvivere, dovrà restare nella luce. La luce è la salvezza. Le tenebre conducono alla morte.

Those Who Remain

Queste presenze oscure non rappresentano l’unico aspetto peculiare di Dormont. Strani portali, infatti, collegano il mondo a una dimensione parallela. Una dimensione simile alla nostra realtà, eppure diversa. Come una sorta di oscuro riflesso. E in quanto tale, ciascuna azione compiuta in una delle due dimensioni avrà conseguenze anche nell’altra.

Those Who Remain

Questi elementi ci hanno consentito di creare un’ambientazione surreale, dalle possibilità infinite. Ma non volevamo fermarci a queste meccaniche interessanti. Ci premeva dare vita a un racconto coinvolgente, arricchito da spunti narrativi in cui chiunque potesse riconoscersi.

Senza svelare la trama (che è meglio scoprire giocando), ci limitiamo ad aggiungere che il fulcro della storia è una bambina vittima di bullismo perché considerata diversa, un’estranea, con tutte le terribili conseguenze del caso. Ed è proprio sulla scia di quegli avvenimenti che il nostro protagonista giunge in quel di Dormont.

Le scelte compiute plasmeranno lo svolgimento della storia, determinandone l’esito e con esso il destino dei protagonisti. Nel discutere la trama del gioco abbiamo previsto un ampio ventaglio di finali possibili, al punto da non riuscire a preferirne uno su tutti. Perché non includere la possibilità di scelta, quindi?

E questo è quanto possiamo rivelare per il momento. Vi ringrazio per l’attenzione. Da noi tutti di Camel 101, arrivederci a Dormont!

I commenti sono chiusi.

2 Commenti

  • FrancescoAltair

    Un titolo che seguirò!

    Se sarà in prima persona, come penso io, lo acquisterò senza pensarci su.

    • Sembra decisamente in prima persona, sì.

      Comunque per gli amanti dei thriller / horror questo sembra un titolo di spessore. La location di questa cittadina è lugubre e oscura al punto giusto, mentre alcuni elementi mi portano inevitabilmente alla mente la saga di Silent Hill (mondi paralleli e situazioni inquietanti e surreali). Promette bene anche la scelta di puntare su una trama che parla di bullismo…

      Insomma, una sorpresa positiva.