Pubblicato il

Il cinematografico platform 2D The Lost Bear arriva su PS VR queste mese

Entra in un mondo meraviglioso, surreale e pericoloso, ispirato agli spettacoli di marionette

Ciao a tutti, sono Daniel Robinson, direttore di gioco di Odd Bug Studio. Sono davvero felice di annunciare che il nostro primo gioco “The Lost Bear”, un platform 2D in esclusiva per PlayStation VR, sarà disponibile su PlayStation Store questo mese!

Il nostro sogno è sempre stato creare un gioco nel quale i giocatori potessero immergersi completamente. È stato un percorso molto lungo, ma ora possiamo finalmente raccontare la storia di “The Lost Bear”. Spero che vi godrete questo viaggio!

Cos’è The Lost Bear?

The Lost Bear è un platform cinematografico per PlayStation VR, ambientato all’interno di una macchina dove il mondo attorno a voi cambierà mentre avanzate nel gioco. Volevamo creare una sorta di spettacolo di marionette, in cui potete controllare il mondo in 2D per salvare l’orsacchiotto di Walnut e ricondurla verso casa.

L’ispirazione per la storia di Walnut viene dalla mia sorellina, che si divertiva a esplorare i boschi in compagnia del suo orsacchiotto. La sua forza e la sua decisione nell’affrontare le sue paure mi sono sempre state di grande ispirazione. Il gioco racconta di una ragazzina chiamata Walnut che supera le sue paure mentre si trova sola in un mondo meraviglioso, surreale e pericoloso.

Il progetto è nato alla Norwich University of the Arts e all’evento “Dare to be Digital 2013”, dove io e due amici volevamo far avverare il nostro sogno e creare un gioco.

Siamo stati ispirati da Limbo e dagli spettacoli di marionette dell’Europa dell’est (Harry, il nostro direttore artistico, viene dalla Repubblica Ceca) e abbiamo collaborato con Fabrik Games per creare The Lost Bear per PlayStation VR.

The Lost Bear

Perché PS VR?

In quanto sviluppatori, siamo inevitabilmente affascinati dai nuovi mezzi espressivi e dai nuovi modi per creare videogiochi. PlayStation VR ci è sembrata una nuova piattaforma perfetta per creare l’esperienza che volevamo e trasportare il giocatore in uno spettacolo di marionette nel mondo di The Lost Bear.

Il connubio di The Lost Bear e PlayStation VR funziona perfettamente e crea un’esperienza coinvolgente e unica. Questo ci ha permesso di inserire il giocatore al centro dello spettacolo e di modificare l’ambiente circostante con il progredire della storia.

Grazie al controller wireless DUALSHOCK 4, possiamo dare al giocatore la possibilità di interagire direttamente con il mondo circostante. Abbiamo voluto creare meccaniche che non risultassero intrusive rispetto alla storia di Walnut, ma che dessero al giocatore il controllo dell’ambiente di gioco in 2D attraverso l’utilizzo dello spazio in 3D

TITLE

L’evoluzione e l’importanza del diorama

Abbiamo creato il Diorama, l’ambiente che circonda il giocatore in The Lost Bear per aumentare il senso di immersione nel mondo di Walnut. È un diorama in parte in 2D e in parte in 3D, che rispecchia il mondo in 2D, offrendo un linguaggio visivo che riflette i progressi di Walnut nel corso del gioco.

Per esempio, l’ambiente sulla sinistra del Diorama cambia per riflettere i luoghi visitati da Walnut, mentre quello sulla destra anticipa elementi di ciò che la attende in futuro.

TITLE

La sfida posta da un mondo in 2D nella realtà virtuale

Uno dei punti chiave è stato creare uno stile grafico che si adattasse sia a un ambiente in 2D, sia a uno in 3D. Ci siamo dovuti assicurare che l’aspetto visivo risultasse coerente.

Le meccaniche specifiche per la realtà virtuale hanno richiesto molto lavoro. Infatti, non volevamo che Walnut fosse cosciente della presenza del giocatore e desideravamo evitare funzioni che non si adattassero all’atmosfera dell’esperienza o interrompessero il flusso del gioco. La fase di prototipo ha visto molte iterazioni di diverse meccaniche di gioco. Se una meccanica rischiava di rovinare l’immedesimazione del giocatore o non funzionava perfettamente sia in 2D, sia in 3D, veniva tagliata.

TITLE

Da Odd Bug Studio

Creare il nostro primo gioco è, per noi, un importante traguardo. La strada è stata difficile e le notti insonni non sono mancate, ma, con tutto quello che abbiamo imparato, guardo con entusiasmo al futuro e al nostro prossimo sogno.

Spero che abbiate trovato la storia dello sviluppo di The Lost Bear interessante. Non vediamo l’ora che possiate giocarc

!

2 Commenti
0 Risposte dell'autore

Molto promettente come primo gioco per questo studio! Il concept ha indubbiamente attinenze con Puppeteer ma il look è completamente diverso… ha il suo fascino. Peccato forse che sia solo per PSVR.

2

Cavolo, lo stile mi piace parecchio, Il fatto che sia 2D per una periferica che va oltre il 3D mi pare strano, ma mi dà l’effetto di un’esperienza cinematografica, come se stessimo guardando un film comandato da noi, in un cinema vero e proprio (che da quello che ho capito cambia con l’avanzare della storia). C’è carenza di questo tipo di giochi, anche se 2D, ma originali. Almeno secondo me. E come dice il buon FoliPSN, l’unica pecca al momento visibile è che sia solo per PSVR 🙁

Dopo 30 giorni dalla pubblicazione di un post, non sarà più possibile lasciare commenti.

Storico modifiche