Pubblicato il

Controllate due personaggi contemporaneamente nell’innovativa avventura Embers of Mirrim

In questo gioco per PS4 in uscita la prossima settimana, bisogna dividersi per sopravvivere

Embers of Mirrim è nato come un’idea semplice. Cosa succede dando al giocatore l’abilità di passare a piacimento dai comandi classici dei platform a quelli a doppia levetta e viceversa? Abbiamo chiamato questa meccanica “divisione”: si inizia a giocare come un personaggio da platform tradizionale, per poi “dividersi” in altri due personaggi, ciascuno controllato da una delle levette.

Abbiamo deciso di sperimentare questa idea e abbiamo sviluppato una semplice stanza come prototipo (con blocchi e sfere grigie), per risolvere alcuni dubbi riguardo alla “divisione”: Come fa il giocatore a decidere quando dividersi? Che tasti usa? Come e dove si riuniscono i personaggi divisi? Come si muovono i personaggi divisi?Tutto questo è effettivamente divertente?!

Dopo aver stabilito una meccanica centrale divertente, abbiamo cominciato a pensare a come trasformarla in un gioco completo. Volevamo che il fulcro del gioco fosse la varietà delle sue dinamiche, perciò abbiamo deciso di sviluppare un avventuroso platform che avrebbe sfruttato le nostre meccaniche di movimento uniche per esplorare un mondo ricco di rompicapi, inseguimenti emozionanti e boss.

Deciso ciò, abbiamo creato un piccolo livello con delle dinamiche platform elementari e tante occasioni per sfruttare la “divisione”. Una volta completato, lo abbiamo fatto provare ad amici e colleghi. È piaciuto molto, soprattutto per quanto riguarda la meccanica della “divisione”. Tuttavia, il loro successo nell’utilizzare la meccanica dipendeva troppo dalla nostra guida. Il nostro nuovo obiettivo diventò quindi insegnare ai giocatori come “dividersi” senza guidarli troppo rigidamente.

La svolta è stata separare il prologo del gioco in due parti, con due personaggi giocabili diversi. Una creatura (Rim) è utilizzata per insegnare i comandi relativi alla levetta destra, mentre l’altra (Mir) serve per imparare quelli della levetta sinistra. Questi due avversari sono poi riuniti dal destino e costretti a fondersi nel nostro protagonista: Mirrim.  Grazie al prologo diviso, i giocatori possono familiarizzare con il linguaggio visivo del nostro gioco e prepararsi alla loro prima, cruciale “divisione”.  Quest’idea ci ha anche aiutato a gettare le basi della storia, che segue i concetti dell’equilibrio e dell’unità.

Agli eventi PAX East e PAX South, abbiamo usato una versione ridotta del tutorial come demo e abbiamo scoperto con gioia che ha funzionato come speravamo. I giocatori hanno capito la “divisione” per conto loro e si sono divertiti a usarla. Per questo, eravamo sicuri di poter espandere quella meccanica di base nel corso del viaggio di Mirrim. La creazione del gioco nella sua interezza, tuttavia, ha presentato altre difficoltà. Alcune azioni sono difficili da eseguire con le due levette e alcuni compiti possono confondere in modi inaspettati. Abbiamo raffinato il gioco testandolo insieme a degli studenti locali, perfezionandone la difficoltà in modo che fornisse una sfida coinvolgente senza risultare troppo arduo.

Tutto il team di Creative Bytes Studios è davvero fiero di Embers of Mirrim. Speriamo che, giocandolo, vi divertirete quanto noi ci siamo divertiti a crearlo. Il gioco sarà disponibile su PlayStation Store dal 23 maggio. Fateci sapere cosa ne pensate. Speriamo che scoprirete che dividersi è credere.

Cosa ne pensi di questo articolo?
Accedi per commentare
1 Commenti
0 Risposte dell'autore

In fase di annuncio avevo già avuto buoni presentimenti, ma da questo post ho capito di più e devo ammettere che il concept di gioco è particolarmente accattivamente. Bella anche la scelta dei nomi dei protagonisti: Mir e Rim che insieme diventano Mirrim (nome palindromo) 🙂

Mi lascia un po’ inquieto la frase “Alcune azioni sono difficili da eseguire con le due levette e alcuni compiti possono confondere in modi inaspettati”… già Entwined mi aveva dato del filo da torcere per le difficoltà legate all’uso contemporaneo e indipendente delle due levette.