Pubblicato il

23 incredibili giochi che potresti esserti perso nella prima metà del 2016

È stato un grande anno per il mondo del gaming. Ti sei lasciato sfuggire qualche imperdibile chicca videoludica?

Uncharted 4, Dark Souls 3, Overwatch, Hitman, Doom, Ratchet & Clank…È normale sentirsi sopraffatti dallo sbalorditivo numero di titoli imperdibili che sono usciti quest’anno. Con così tanti giochi acclamati con cui riempire il tuo tempo libero, è naturale che alcune gemme meno eclatanti siano passate fuori dal tuo radar nella prima metà del 2016.

Per fortuna, l’estate ha portato con sé una breve tregua, con un calendario dei lanci più leggero prima della lunga rassegna di grandi appuntamenti pre-natalizi. Allora, quale momento migliore per rimetterti in pari su alcuni dei titoli che potresti esserti perso?

Se non sei riuscito a tenere il passo delle uscite, niente paura: leggi la nostra rassegna con alcune delle migliori “perle nascoste” del 2016 uscite sinora e scopri se ce ne sono alcune che ti erano sfuggite

1. Firewatch

Pochi sono i titoli con una narrazione di gioco più profonda o coinvolgente di Firewatch. L’elegante grafica e l’intricata trama narrativa hanno dato vita a un titolo che con il tempo si è rivelato un successo all’inizio del 2016, lasciando a bocca aperta il piccolo team di sviluppo.

Cosa ti sei perso? Una valida dimostrazione di come le esperienze di gioco possano essere interessanti e diversificate

2. Alienation

Titoli dal successo mondiale come Super Stardust, Dead Nation e Resogun hanno assicurato agli sviluppatori finlandesi di Housemarque il primato assoluto nel genere degli sparatutto arcade. L’ultima uscita del team, Alienation, aggiunge alla formula vincente saccheggi e sistemi di progressione per offrire un’esperienza tanto appagante quanto godibile da giocare.

Cosa ti sei perso? Alcuni degli scontri a fuoco a due levette più fluidi e appaganti che potresti incontrare

3. Unravel

Quest’anno il piccolo Yarny è venuto fuori dal nulla e ci ha rapito il cuore. Con una direzione artistica straordinaria, intricati rompicapi e temi apparentemente profondi, Unravel accorcia la distanza tra gioco e arte.

Cosa ti sei perso? La meravigliosa costa orientale svedese, che ha ispirato gran parte degli ambienti di gioco mozzafiato di Unravel.

4. Dirt Rally

In una generazione che ha visto ben pochi titoli del genere rally una volta amatissimo, DiRT Rally ha portato una piacevole ventata d’aria fresca a primavera. Con una simulazione del tutto autentica, spinge le abilità di guida ben oltre le solite corse di auto del weekend.

Cosa ti sei perso? Una delle esperienze di guida per PS4 più pericolose, intense e adrenaliniche.

5. Gravity Rush Remastered

Connubio di animazione giapponese e bandes dessinées (fumetti) francesi, Gravity Rush ha regalato una caricatura unica della classica storia di supereroi. Sulla scia di un successo incessante, quest’anno è stato rimasterizzato per PS4, con una grafica e un’azione di gioco imbattibili.

Cosa ti sei perso? Meccaniche di gioco uniche che ti permettono di capovolgere il mondo, letteralmente.

6. Salt and Sanctuary

La leggendaria serie Dark Souls è forse una delle più imitate degli ultimi anni. Tuttavia, solo poche imitazioni sono all’altezza dell’originale come Salt and Sanctuary. Versione 2D dell’amatissimo capolavoro di Hidetaki Miyazaki, mantiene il cocktail vincente di scontri brutali, atmosfera minacciosa ed esplorazioni senza fine.

Cosa ti sei perso? Il tipo di design dei livelli sconfinato che non vediamo in un titolo 2D a scorrimento laterale sin dai tempi di Metroid e Castlevania

7. Trackmania Turbo

I migliori titoli di corse arcade sembrano avere caratteristiche retrò quest’anno e Trackmania Turbo è in pole position. Dal successo incontrastato su PC, è piombato su PS4 a tutta potenza all’inizio di quest’anno, conquistando il plauso della critica.

Cosa ti sei perso? Una community online dedicata pronta a conciarti per le feste a bordo di potentissimi veicoli.

8. Enter the Gungeon

Non esiste un’esperienza di gioco che ti farà restare seduto in punta della sedia come cercare di sopravvivere nel “Gungeon”. Come tutti i rogue-like, quando sei morto sei morto, ma la morte non è mai stata così vicina come nell’incessante pioggia di proiettili di Enter the Gungeon.

Cosa ti sei perso? Alcune delle armi più curiose e bizzarre che tu abbia mai visto in un gioco: pistola a “posta indesiderata” ti dice nulla?

9. Invisible Inc.

Mentre per la maggior parte dei rogue-like nell’azione più cruda si vince o si muore, l’anno scorso gli sviluppatori di Klei Entertainment hanno dato una scossa al genere con Invisible Inc. Optando per azione di gioco furtiva e una grafica elegante e volubile, hanno dato vita a un successo acclamatissimo uscito su PS4 ad aprile.

Cosa ti sei perso? Profonde meccaniche di gioco strategiche e il sistema procedurale rendono Invisible Inc. rigiocabile all’infinito.

10. The Escapists: The Walking Dead

Nei primi mesi dell’anno, gli sviluppatori Team 17 hanno abilmente combinato il titolo di evasione e pixel The Escapists con il fenomeno horror televisivo The Walking Dead. Il risultato? Una rivisitazione ingegnosamente strategica e del tutto fedele della timeline del fumetto originale, animata con l’eleganza affascinante a 8 bit.

Cosa ti sei perso? L’impavido e forte poliziotto Rick Grimes diventa un minuscolo personaggio pixellato: chi non vorrebbe vederlo?

11. This War of Mine: The Little Ones

Gli sviluppatori 11 Bit Studios hanno fatto calare le tenebre a gennaio, aggiungendo i più piccoli al titolo di strategia eclatante e dalle tinte politiche This War of Mine. Sottolineando gli orrori quotidiani della guerra e la disperazione del conflitto umano, This War of Mine – The Little Ones oltrepassa la sottile linea tra videogiochi e ideologia in modo magistrale.

Cosa ti sei perso? Un titolo che mette alla prova non solo le tue abilità di gamer, ma anche il tuo modo di pensare.

12. Shadow of the Beast

Nei primi mesi dell’anno, il titolo di successo di Cult Amiga Shadow of the Beast è stato aggiornato in esclusiva per PS4. Traboccante di cacce al tesoro e riferimenti ai titoli passati, il remake non è soltanto uno straordinario platformer d’azione, ma anche un umile omaggio alla tradizione variopinta dell’industria moderna.

Cosa ti sei perso? Infinite cascate di articoli sbloccabili, come creazioni artistiche originali, colonne sonore e persino un’emulazione per PS4 del gioco originale Amiga

13. The Banner Saga 1 & 2

Gennaio ha visto l’attesissima uscita su PS4 del titolo di successo The Banner Saga di Kickstarter e solo questo mese è stato lanciato il sequel, The Banner Saga 2. Con meravigliose creazioni artistiche disegnate a mano, una rosa di personaggi unici e una narrazione dalla trama complessa, entrambi i titoli hanno riscosso il plauso di fan e critica.

Cosa ti sei perso? La passione autentica di tre sviluppatori che hanno lasciato i propri lavori ordinari per creare i giochi che amano davvero.

14. I Am Setsuna

Ispirandosi alla grafica classica e alla filosofia di narrazione dei GDR più amati del passato, finalmente I Am Setsuna arriverà negli Store europei la prossima settimana. Naturalmente, non hai ancora avuto l’occasione di lasciarti sfuggire questo titolo, ma con una colonna sonora strepitosa e le esplorazioni con prospettiva verticale dei giochi di una volta, non vorrai certamente lasciarti scappare questa chicca.

Cosa ti perderai? Il tipo di combattimenti a fazioni e di narrazione che fanno rivivere con nostalgia i ricordi di Chrono Trigger e dei titoli classici Final Fantasy.

15. The Witness

Questo attesissimo puzzler di Braid sviluppato da Jonathan Blow propone la sua schietta visione con orgoglio, discostandosi dalle moderne tendenze di gioco con una semplicità incredibile che lascia senza parole. Reinventando costantemente il proprio set di regole basilari, questi rompicapo geometrici rivelano gradualmente un lato del gioco molto più profondo e denso di significato.

 Cosa ti sei perso? Una sfida cervellotica che ti farà sentire a tratti un incapace e il momento successivo un genio assoluto.

16. Assassin’s Creed Chronicles Trilogy

Trasportare il combattimento e l’esplorazione open-world della serie Assassin’s Creed in un’esperienza a scorrimento laterale più lineare era una sfida rischiosa, ma ne è valsa la pena. Con tre avventure uniche ambientate in Cina, Russia e India, la trilogia interpreta in modo nuovo l’esperienza di Assassin’s Creed.

Cosa ti sei perso? Una grafica elegante e ricca di stile che evoca i colori e il carattere di ogni ambientazione storica, non solo a livello di scenari, ma anche sul piano dell’azione di gioco

17. Valkyria Chronicles

Uscito nel 2009, Valkyria Chronicles non è certamente un “gioco nuovo”, ma con una splendida qualità HD, una grafica tirata a lucido, prestazioni assolutamente fluide e tutti gli add-on originali, questo classico senza tempo non era mai stato disponibile in un pacchetto così completo e accattivante.

Cosa ti sei perso? Una vera perla della scorsa generazione, con uno stile sensazionale oggi come al momento del lancio.

18. Sheltered

Intenso, profondo e ricco di sfide, Sheltered richiede ai gamer di essere spietati e indiscriminati come in pochi altri giochi. Con un’atmosfera semplice ma da pelle d’oca, il titolo è una successione di alti disperati e bassi devastanti

Cosa ti sei perso? Un gioco di rara intensità che trasmette una sensazione di feroce determinazione anche ai giocatori meno appassionati.

19. Prison Architect Console Edition

Rivestire il ruolo di architetto e direttore di un penitenziario potrebbe non sembrare lo scenario ideale per una trama di gioco avvincente; tuttavia, Prison Architect è semplicemente troppo divertente per non essere provato. Diabolicamente difficile da completare, la PlayStation®4 Edition offre tutta la profondità e la libertà della versione per PC.

Cosa ti sei perso? Un gioco in cui, una volta tanto, l’obiettivo è fare contenti i cattivi.

20. Odin Sphere: Leifthrasir

Lo sviluppatore Vanillaware ha dato nuova vita a questo classico per PS2. Completamente rinnovato in HD e con alcune novità rispetto al gioco originale, Odin Sphere: Leifthrasir ti offre la possibilità di provare un titolo amatissimo, ma passato in secondo piano, su una nuova console ancora più potente.

Cosa ti sei perso? La seconda vita di una perla nascosta che è arrivata tardi nel ciclo di vita di PlayStation 2 e, per questo, non ha ricevuto l’attenzione che meritava

21. Guity Gear Xrd – Revelator

Lanciandosi nella mischia dei giochi di combattimento solo il mese scorso, la nuovissima edizione della serie di vecchia data Guilty Gear porta su PlayStation 4 i suoi inconfondibili personaggi, modalità di gioco e animazione 2D senza eguali.

Cosa ti sei perso? Uno dei titoli di combattimento più acclamati dalla critica di una generazione

22. Downwell

Abbandonando i graziosi pixel per controlli reattivi ed efficienti, Downwell incarna alla perfezione la rivisitazione moderna della filosofia grafica che ha per protagonista assoluto l’azione di gioco. Ricco di sfide, assolutamente coinvolgente e dal ritmo incalzante, questo titolo richiama l’epoca d’oro dei videogiochi.

Cosa ti sei perso? Un esempio dell’azione rogue-like più cruda ed esplosiva mai incontrata su console.

23. Severed

Capolavoro di Drinkbox Studios – il team stravagante che ha dato vita al divertente platformer Guacamelee – Severed fonde l’inconfondibile stile del team con piacevoli elementi di combattimento su schermo touch per offrire un’avventura platformer unica nel suo genere.

Cosa ti sei perso? Un esempio della migliore azione di gioco su schermo touch mai realizzata per PS Vita.

3 Commenti
0 Risposte dell'autore

A quando la pach con i sottotitoli in italiano per Firewatch??

Di giochi intriganti effettivamente ne sono usciti: Firewatch, Dirt Rally, Assassin’s Creed Chronicles, Shadow of the Beast, Unravel… e presto nuovi titoli appassionanti arriveranno (in primis Abzû)!

Lol ma chi è che ha scritto questo articolo? Prison Architect — lo scopo è di far contenti i cattivi? In realtà lo scopo di gioco può essere educativo: per esempio può porre attenzione sul sistema giudiziario degli USA e delle prigioni private e del loro funzionamento.

Dopo 30 giorni dalla pubblicazione di un post, non sarà più possibile lasciare commenti.

Storico modifiche