Come funziona la personalizzazione in The Witcher 3: Hearts of Stone, disponibile da domani

0 0
Come funziona la personalizzazione in The Witcher 3: Hearts of Stone, disponibile da domani

CD Projekt ci parla di alcune delle novità presenti nella nuova espansione

The Witcher 3: Wild Hunt è ambientato in un mondo enorme completamente esplorabile, nel quale le scelte dei giocatori hanno conseguenze dirette sullo sviluppo della storia e, di riflesso, del personaggio. Il gioco mette a disposizione più di 50 abilità e numerose armi, pozioni, bombe, glifi e armature tra cui scegliere per creare il proprio witcher.

In Hearts of Stone abbiamo introdotto due nuovi elementi che forniscono un ulteriore livello di personalizzazione: le parole runiche e i segni dei glifi. Si tratta di potenti incantamenti applicabili alle spade e alle armature pregiatissime.

E3_2015_Mediakit_018

In questo breve articolo, vi darò qualche suggerimento su come iniziare a personalizzare il vostro witcher, corredato da alcuni esempi su come le parole runiche e i segni dei glifi possono aumentare il livello di personalizzazione.

Cominciamo col dare un’occhiata più da vicino ai tre percorsi disponibili per sviluppare il proprio personaggio: combattimento, segni e alchimia.

1. Combattimento

L’albero combattimento è stato concepito come punto di partenza per i nuovi giocatori. Le abilità iniziali sono semplici e rendono gli attacchi più efficaci. Avanzando lungo questo percorso, è possibile sbloccare nuove opzioni, come Turbine (che permette di colpire più avversari) o Lacerare (un attacco potentissimo contro un singolo avversario).

I giocatori più esperti potrebbero prendere in considerazione l’idea di sviluppare le abilità collegate a Furia combattiva e alla sua risorsa, l’adrenalina. Queste abilità possono rivelarsi molto potenti se usate al momento giusto, ma richiedono un equipaggiamento speciale per poterle sfruttare al meglio. A proposito di equipaggiamento, va detto come l’albero combattimento non sia particolarmente esigente da questo punto di vista. Basta procurarsi la spada che infligge più danni e dovreste essere a posto… forse.

Uno degli svantaggi del percorso combattimento è dato dal fatto che, se volete infliggere il massimo dei danni, non vi rimarrà molto con cui proteggervi. Questo problema può essere risolto con le nuove parole runiche e i nuovi segni dei glifi che abbiamo introdotto in Hearts of Stone.

Per esempio, potete prendere la parola runica Compensazione che aumenta la rigenerazione della salute una volta accumulata abbastanza adrenalina. Oppure potete affidarvi al glifo Deviazione, che vi permetterà di evitare tutte le frecce, in modo da non dover più temere gli attacchi a sorpresa degli arcieri.

Nel complesso, l’albero combattimento è il più semplice per iniziare, ma può rivelarsi il più difficile da padroneggiare. Non si basa troppo sull’uso degli oggetti e, nella maggior parte dei casi, sarà sufficiente avere una buona spada. Ovviamente, a difficoltà Death March le cose possono complicarsi un pochino, ma questa è un’altra storia…

E3_2015_Mediakit_018

2. Segni

L’albero segni è leggermente più complesso di quello combattimento e richiede una maggiore attenzione riguardo l’abilità da scegliere. All’inizio del gioco le scelte sono limitate, sia per quanto concerne ciò che potete comprare, sia per il numero di abilità che potete usare. Ogni segno si rivela efficace in una situazione e debole in un’altra.

Il primo segno di cui voglio parlarvi è Igni. Esso permette di attaccare i nemici da distanza relativamente sicura, incendiandoli e rimuovendoli dalla battaglia per un certo periodo.

Se cercate protezione extra, Quen è la scelta giusta. Decidendo di investire pesantemente sull’albero segni, potete trasformare Quen in un potente strumento offensivo. Anche senza i potenziamenti, resta comunque una buona soluzione, soprattutto se avete investito parecchio nell’albero combattimento, in quanto vi permette di sopperire alla mancanza di valide opzioni difensive.

Yrden è un segno obbligato per certi scontri, perché permette di annullare alcune abilità dei mostri (date un’occhiata al bestiario all’interno del gioco per maggiori informazioni). Da solo, Yrden resta un potente segno, ma potrebbe richiedere una certa pratica per essere utilizzato in maniera ottimale.

Axii è un segno interessante, in quanto può aiutarvi a evitare un combattimento facendo le giuste scelte nei dialoghi e influenzando le menti altrui. Ai livelli di difficoltà più elevati, Axii può salvarvi letteralmente la vita! A chi non piacerebbe avere nemici che vi aiutano a vincere uno scontro?

Per ultimo, ma non meno importante, c’è il segno Aard. Nonostante a volte sia sottovalutato di fronte al potere degli altri segni, nelle mani giuste Aard può rivelarsi devastante. Atterrare un nemico vi permetterà di eliminarlo con un colpo solo.

Il principale svantaggio dell’albero segni è che, per lanciarli, è necessario avere la barra della resistenza al massimo. Dato che servono alcuni secondi preziosi per ricaricarla, è fondamentale lanciare il segno giusto al momento giusto. Ci sono parole runiche e segni dei glifi che possono aiutarvi a conservare la resistenza. La parola runica Rinvigorimento ripristina all’istante parte della resistenza perduta, mentre il segno del glifo Protezione attiverà Quen senza consumare la resistenza quando entrate in combattimento.

Ci sono parole runiche e segni dei glifi che vi permettono di potenziare l’albero segni, ma lascio a voi il piacere di scoprirli giocando a Hearts of Stone.

E3_2015_Mediakit_018

3. Alchimia

L’albero alchimia è il più complesso dei tre e richiede un certo sforzo e una certa dedizione per sfruttarlo al meglio, ma ne vale la pena. Se volete diventare praticamente invincibili, prendete Recupero, Rivestimento protettivo e Trasmutazione dei tessuti. Con un’armatura pesante e qualche mutagene di vampiro verde, potreste trasformarvi in una vera e propria forza della natura inarrestabile.

È molto probabile che possiate conservare la salute massima scegliendo la parola runica Rinvigorimento, che consente inoltre di aumentare i danni inflitti. Con questa parola runica attiva, qualsiasi tipo di cura utilizzata quando la vostra vitalità è al massimo incrementerà i danni del prossimo attacco con la spada.

Potreste optare per Bombe a grappolo ed Efficienza per seminare il caos sfruttando le numerose bombe a vostra disposizione. Le abilità Prova delle erbe potrebbero rappresentare una buona scelta per gli amanti del rischio. Esse richiedono che il giocatore sia avvelenato dalle pozioni, ma in cambio assegnano alcune delle abilità più potenti del gioco.

Il principale svantaggio dell’albero alchimia è che necessita di parecchia creazione. Dovrete procurarvi numerose ricette alchemiche e raggiungere il livello 3 il prima possibile. Per farlo, servono parecchio tempo e denaro e, per questo motivo, il percorso alchimia inizia a farsi interessante solo nelle fasi avanzate del gioco. Il rovescio della medaglia è che non richiede alcuna arma o armatura particolare per risultare efficace. Prendete quello che vi piace e divertitevi a far esplodere le cose!

Questi consigli dovrebbero bastare per intraprendere il cammino che vi porterà a diventare una macchina ammazzamostri. Ricordatevi che il gioco è pieno di scelte e decisioni da prendere, dunque non abbiate timore di sperimentare!