Il Blog Italiano di PlayStation

Botta e risposta con Hidetaka Miyazaki, il creatore di Bloodborne

2 0
Botta e risposta con Hidetaka Miyazaki, il creatore di Bloodborne

La mente geniale dietro Demon's Souls parla del suo nuovo gioco d'azione per PS4. Intervista di Fred Dutton!

Mettiamo subito le cose in chiaro: quando si parla della serie di Souls e, in generale, delle opere del suo creatore Hidetaka Miyazaki, mi trasformo nel più irriducibile dei fanboy, pronto a difendere a spada tratta il titolo di turno e a scagliarmi contro i suoi detrattori. È stato così anche per l’ultima fatica di From Software, l’epico gioco d’azione a tinte dark Bloodborne, ormai prossimo all’uscita.

La scorsa settimana, Miyazaki-san ci ha gentilmente concesso parte del suo tempo per rispondere ad alcune domande su questa attesissima esclusiva PS4, quindi continuate a leggere se volete sapere cos’ha detto. Non preoccupatevi, non troverete alcuno spoiler sul gioco! Come molti di voi all’ascolto, sto facendo di tutto per non rovinarmi le sorprese che mi attendono quando avvierò la mia copia del gioco venerdì prossimo.

6C6A9511_1

Souls non può considerarsi una vera e propria serie “horror”, eppure ci sono pochi titoli che sono stati capaci di trasmettermi la stessa sensazione di paura e angoscia mentre giocavo. A quanto pare, con Bloodborne avete deciso di proseguire sulla stessa strada… solo guardare i trailer mi mette un’ansia incredibile…

Hidetaka Miyazaki: Ci sono diversi motivi per i quali è necessario aggiungere un tocco di horror allo scenario di gioco, soprattutto in Bloodborne, che ha una visione del mondo più agghiacciante di quella espressa nei vari Souls. L’horror non era il nostro obiettivo principale, ma era comunque importante trasmettere quella sensazione di paura e angoscia che penetra direttamente nel giocatore, andando oltre e migliorando il suo senso di realizzazione.

“Creare uno scenario che sia sempre tollerante nei confronti dei giocatori non corrisponde alla mia visione del mondo reale”

Allo stesso tempo, la mia opinione personale è che il mondo in cui viviamo sia un posto difficile, duro. Creare uno scenario che sia sempre tollerante nei confronti dei giocatori non corrisponde alla mia visione del mondo reale. Che si tratti di natura o della società, spesso si ha a che fare con un contesto tutt’altro che accogliente, e la cosa si riflette nei miei giochi.

So che qualcuno preferisce il sistema di hub di Demon’s Souls, ma per quanto mi riguarda, uno degli aspetti più memorabili del suo recente lavoro è stata la straordinaria costruzione del mondo di Dark Souls, il modo in cui i vari livelli del gioco appaiono uniti tra loro come un grande e intricato origami. Come avete affrontato il design della mappa in Bloodborne?

Hidetaka Miyazaki: Volevo prendere il meglio da entrambi i tipi di approccio. Per questo motivo, ogni area è collegata in un modo o nell’altro come accade nel primo Dark Souls, ma è presente anche un sistema di hub come in Demon’s Souls.

Il mondo appare colorato in diversi aspetti, come in Dark Souls, ma fondamentalmente le varie aree sono ancora collegate tra loro senza soluzione di continuità. Allo stesso tempo, però, sono presenti anche degli hub centrali che fungono da teletrasporti per raggiungere qualsiasi punto della mappa e, all’occorrenza, anche da rifugio. Volevo unire il meglio di questi elementi in modo che i giocatori potessero visitare facilmente le aree già scoperte.

Sin dal lancio, la fama di Demon’s Souls e Dark Souls è cresciuta a dismisura, al punto da essere considerati tranquillamente tra i migliori titoli di tutti i tempi. Come si pone di fronte a una fanbase così esigente e appassionata?

Hidetaka Miyazaki: Innanzitutto, sono davvero orgoglioso di poter contare sull’appoggio di questi fan. Mentirei se dicessi di non sentire la pressione per soddisfare le loro aspettative. Mi diverte molto leggere e ascoltare ciò che hanno da dire.

Vedere queste persone trascorrere ore e ore con i miei giochi e parlare di ciò che ho creato con così tanta passione mi gratifica. Ovviamente, a volte capita di leggere delle cose meno simpatiche, ma nel complesso sono davvero entusiasta dei loro commenti. Come creatore, ascoltare i pareri spassionati della gente per decidere quale sarà il prossimo gioco a cui lavorare rappresenta una risorsa preziosa.

Durante la PlayStation Experience che si è tenuta negli Stati Uniti alla fine dello scorso anno, ho assistito a una sessione di domande e risposte con i giocatori e lì ho capito quant’è grande la passione della gente.

ATT00005

Le dà fastidio che le persone si fissino sull’elevato livello di difficoltà dei suoi giochi, tralasciando magari altri aspetti più importanti?

Hidetaka Miyazaki: Non la trovo una cosa frustrante, anzi. Capisco come mai la gente mi faccia in continuazione domande sulla difficoltà e devo dire che è un aspetto del quale mi piace discutere.

Come creatore di giochi, o creatore in generale, vedere persone fare domande e interessarsi a ciò che sto facendo è qualcosa che non si può dare per scontato e della quale vado molto orgoglioso.

Trovo che i giochi della serie Souls abbiano un fattore rigiocabilità molto elevato, con buona pace della mia vita sociale, grazie ai numerosi segreti che sono in grado di offrire a ogni nuova partita. Come avete trattato la modalità Nuova partita + in Bloodborne?

Hidetaka Miyazaki: L’impostazione di fondo è essenzialmente la stessa, ma giocando credo che noterete delle differenze con i vari Souls. In Bloodborne c’è lo stesso fattore rigiocabilità visto in Dark Souls, ma si tratta di due titoli diversi, in grado di regalare esperienze differenti nelle modalità Nuova partita + o Nuova partita ++ o tutte le volte che deciderete di riprendere in mano il gioco.

“Mi piacerebbe che i giocatori sfidassero se stessi per vedere cosa riescono a ottenere dalla modalità Nuova partita +.”

Per fare un esempio, in Bloodborne non esiste uno stile di gioco difensivo. La cosa inizia a farsi più evidente giocando svariate volte in modalità Nuova partita +. In definitiva, i giocatori possono provare sensazioni diverse in Nuova partita + rispetto a un titolo della serie Souls. Mi piacerebbe che sfidassero se stessi per vedere cosa riescono a ottenere dalla modalità Nuova partita +.

C’è un po’ di timore tra i fan di Souls su Internet all’idea che Bloodborne non includerà lo stesso numero di armi presenti nella serie Souls. Può spiegare chiaramente come funziona il sistema delle armi in Bloodborne?

Hidetaka Miyazaki: Il numero di armi fisicamente presenti in Bloodborne è inferiore a quelle di un capitolo di Souls, ma questa è stata una decisione dettata da scelte di game design.

Le armi si possono trasformare, così da utilizzarle in svariati modi e adottare diverse strategie. Sarà possibile inoltre personalizzarle con le gemme del sangue. Ne esistono di diversi tipi e se ne possono incastonare fino a un massimo di tre alla volta. Per esempio, una gemma potrebbe permettere di consumare meno energia per colpo.

Si possono ottenere molte combinazioni diverse, dunque in realtà il minor numero di armi presenti in Bloodborne rispetto a Souls viene bilanciato da questo elemento di personalizzazione, a seconda dell’utilizzo che si vuole fare dell’arma stessa. In un certo senso, la varietà è ancora presente, ma non è più legata alla quantità ma alla qualità.

 

I commenti sono chiusi.

2 Commenti

  • Gran fiducia nel maestro Miyazaki, però sono deluso dalla patch enorme al day one.

  • Mi chiedo come la mente umana riesca a partorire oro.. in questo caso quasi un oro “nero” e come le persone non siano più coinvolte solo emotivamente ad un evento che quasi sicuramente vedrà miliardi di copie, vendute solo al day one, ma si arriva ad un coinvolgimento tale ,che, psicologicamente ,emotivamente,e fisicamente in alcuni casi possa prenderti e portarti in quel mondo che solo chi assaggia un souls puo capire …. Cosa mi aspetto da bloodborne?
    Tutto e niente … Tutto perchè non lo considero un souls vero e proprio .. e niente perchè spero che sia molto simile ad un souls cosi da poter rientrare in quel mondo di rabbia e soddisfazione che i souls hanno sempre creato…. Solo.un po piú dark** dei veri e propri dark!!