Festeggia San Valentino con un nuovo, terrificante trailer di Until Dawn!

4 2
Festeggia San Valentino con un nuovo, terrificante trailer di Until Dawn!

È il momento di scoprire qualcosa di nuovo sull'imminente e spaventoso titolo per PS4. Parola a Pete Samuels!

Domani è San Valentino e, probabilmente, per molti si tratterà di una giornata romantica. Forse sognate di accoccolarvi davanti al camino insieme ai vostri amici o alla persona amata, ma… cosa accadrebbe se la vostra serata prendesse una piega inattesa?

Come immagino sappiate, in Until Dawn un gruppo di otto amici si ritrova in montagna per l’annuale vacanza destinata a trasformarsi in una notte di puro terrore. Prima che la situazione precipiti, però, avrete l’occasione di conoscere i personaggi e di scoprire le complesse relazioni che esistono fra di loro.

All’inizio del gioco incontrerete i protagonisti mentre, per scelta o per caso, si sposteranno in giro per la casa, senza sapere che presto si troveranno a lottare per la propria vita. Se avete guardato i trailer e le demo precedenti, conoscete già Ashley e Chris e la loro “amicizia pronta a diventare qualcosa di più profondo”. Uno degli elementi che preferiamo della dinamica del gioco è il loro rapporto non predefinito: saranno le vostre scelte a decidere se fra i due nascerà o meno qualcosa, prima che la notte giunga alla sua conclusione. Sempre che sopravvivano, ovviamente.

La scelta è un elemento centrale in Until Dawn. Le vostre azioni non determineranno soltanto chi vivrà o morirà, ma andranno a influenzare direttamente anche le relazioni fra i protagonisti (romantiche o meno). Potrete persino determinare il modo in cui i ragazzi si comporteranno fra loro: se sarete cattivi con un amico, quest’ultimo potrà decider di non salvarvi, in una fase successiva del gioco. La narrazione complessiva seguirà il suo cammino, adattandosi alle vostre decisioni durante la partita, cosa che vi consentirà di vivere un’esperienza nettamente diversa rispetto a quella degli altri giocatori.

I commenti sono chiusi.

4 Commenti

2 Risposte dell'autore