Pubblicato il

Quanto è difficile il GdR d’azione per PS4 Lord of the Fallen?

Abbiamo provato il titolo d'esordio di CI Games per scoprirlo

Ti piacciono i giochi impegnativi?“  Questa domanda segna l’inizio del mio viaggio nel regno demoniaco del Dio caduto, il principale antagonista dell’imminente GdR fantasy Lords of the Fallen di Tomasz Gop e CI Games’.

Ho risposto di sì ostentando una certa sicurezza, nonostante le cicatrici per le numerose morti patite in Dark Souls fossero ancora fresche. “Ottimo! Allora preparati a morire di nuovo… parecchie volte“, è stata la replica tutt’altro che rassicurante di Tomasz.

LOTF_om_boss

In qualità di produttore esecutivo del piccolo, ma creativo, team polacco di CI Games Tomasz, sa bene di cosa parla. Dietro al suo atteggiamento cordiale si nasconde il cuore oscuro dell’uomo responsabile del GdR più brutale, punitivo, ma al tempo stesso gratificante, apparso finora su PlayStation 4.

Ho avuto modo di trascorrere un po’ di tempo con Tomasz durante la gamescom 2014 per provare la “seconda dimensione” di Lord of the Fallen, un reame alternativo che il protagonista del gioco e peccatore recidivo, Harkin, potrà visitare facendo avanti e indietro durante tutta la sua avventura intrisa di sangue.

LOTF_cit_agile

È un punto importante del gioco”, spiega Tomasz, mentre affronto i primi nemici armati di spada che mi si parano dinanzi, impedendomi di proseguire. “Imparare a conoscere meglio entrambi i reami porterà i giocatori a dover prendere una decisione d’importanza cruciale per il proseguo della storia. Dunque, in un certo senso, avere un punto di vista su entrambi i mondi aiuta ad andare avanti nel gioco e nello sviluppo del personaggio“.

Tomasz sottolinea che i giocatori saranno liberi di passare da un mondo all’altro come meglio credono. Nella mia prova, ho visitato un posto dove Harkin era già stato in precedenza. “La prima volta che si entra in un mondo è necessario esplorarlo con attenzione, per conoscere l’ambiente e il genere di nemici che andrete ad affrontare. In questo caso, ti ho fatto iniziare un po’ più avanti, in modo da provare uno scontro con un boss“.

LOTF_chamber_explore

I giocatori sono guidati lungo un percorso predefinito, ma ci sono tantissime aree nascoste e sentieri segreti da scoprire. “I nemici sconfitti potrebbero rilasciare una chiave o potreste sbloccare un’area segreta”, chiarisce Tomasz, “e questo potrebbe offrire l’opportunità di salire di livello o di scoprire qualcosa che aiuterà i giocatori quando raggiungeranno il boss. Dipende tutto da loro”.

Dopo aver bloccato, parato e ucciso alcuni dei nemici più deboli, per così dire, e aver raggiunto l’arena del boss di questo livello, il Guardian Lord ha dimostrato quanto può essere difficile Lords of the Fallen, dato che l’enorme cavaliere armato di doppie spade ci ha messo un attimo a farmi secco.

guardian-lord

La curva d’apprendimento per i nuovi giocatori è molto ripida“, afferma Tomasz, “ma non vogliamo che qualcuno si senta costantemente punito per i propri errori. Se imparate le sequenze d’attacco dei nemici e prendete le giuste contromisure, alla fine riuscirete ad avere la meglio. Abbiamo inoltre aggiunto dei punti di salvataggio prima di ogni scontro con i boss, per evitare di dover ripetere tutto il livello da capo in caso di morte prematura“.

Non ci vuole molto prima di imparare le sequenze d’attacco. Una buona tattica, oltre alle solite parate, schivate, e strategie offensive, consiste nello sfruttare l’ambiente circostante. Dopo diversi tentativi, Tomasz mi dà un suggerimento: “Prova a colpire i bracieri sui lati. Se li spegni, il boss andrà su tutte le furie e cercherà di riaccenderli“.

LOTF_temple_explore

Imparare a sfruttare l’ambiente che vi circonda è un fattore importante che distingue Lords of the Fallen dagli altri GdR a tinte dark. “È un aspetto che abbiamo cercato di inserire ovunque ci è stato possibile“, ha confidato Tomasz. “Vogliamo qualcosa di più di un semplice scontro. Vogliamo che la gente usi il cervello in ogni battaglia e che non si limiti ad attaccare con la propria arma primaria”.

Anche alcuni incantesimi lanciati al momento giusto possono tornare molto utili, infliggendo notevoli danni al nemico di turno. Tuttavia, come si affretta a chiarire Tomasz, non sarà possibile abusarne, visti i lunghi tempi di ricarica, costringendovi a dosare sapientemente l’uso delle magie.

infestor

La vittoria finale regala una soddisfazione immensa. Il gioco è pronto a punire ogni vostro minimo errore, ma senza che l’elevato livello di difficoltà sfoci mai nella frustrazione. La sensazione generale è quella di trovarsi di fronte a un mondo davvero vasto, capace di tenervi incollati allo schermo per ore anche solo per esplorarne ogni suo anfratto.

Tornando alla domanda iniziale: “Vi piacciono i giochi impegnativi?“. Se la vostra risposta è sì, non prendete impegni il 31 ottobre, data d’uscita ufficiale di Lords of the Fallen su PS4.

3 Commenti
0 Risposte dell'autore
1

“La vittoria finale regala una soddisfazione immensa. Il gioco è pronto a punire ogni vostro minimo errore, ma senza che l’elevato livello di difficoltà sfoci mai nella frustrazione. La sensazione generale è quella di trovarsi di fronte a un mondo davvero vasto, capace di tenervi incollati allo schermo per ore anche solo per esplorarne ogni suo anfratto.”

Speriamo si riveli d’avvero cosi . Sembra un gioco molto promettente .

Mi piacciono i giochi impegnativi e spero che questo gioco esca anche su ps3

Non ho mai amato giochi come Dark Soul, non tanto perchè siano troppo difficili, ma perchè trovo sciocco il concetto di “morire a ripetizione per imparare”. Questo LotF ha però un design grafico incredibilmente accattivante, che mi ricoda un po’ le ambientazioni fantastiche della Games Workshop, quindi mi sa che lo proverò 🙂

Dopo 30 giorni dalla pubblicazione di un post, non sarà più possibile lasciare commenti.

Storico modifiche