Il Blog Italiano di PlayStation

Hideo Baba risponde alle vostre domande su Tales of Xillia 2

4 0
Hideo Baba risponde alle vostre domande su Tales of Xillia 2

E la seconda parte del video!

Ciao ragazzi! Ecco l’intervista che abbiamo fatto a Hideo Baba, produttore della saga di Tales of Xillia! Troverete tutte le risposte alle vostre domande e l’ultima parte della storia di Tales of Xillia. Tales of Xillia 2 arriverà il 22 agosto e noi non stiamo piu’ nella pelle!

Dove hai trovato l’ispirazione per il titolo? Libri? Musica? Arte? Oppure è semplicemente arrivata da fattori esterni?

Hideo Baba: Non prendo molta ispirazione da libri, musica o arte. Nel gioco creiamo un mondo fantastico attraverso la storia e diverse impostazioni che utilizziamo, quindi abbiamo in mente quello che già esiste per portare esperienze nuove nella storia e nell’ambientazione. Se il mondo e l’avventura assomigliasse a qualcosa che esiste già, non credo sarebbe una caratteristica apprezzata. Tutto quello che vedete è frutto di idee originali.

Quali sono i tuoi obiettivi da produttore di giochi? Oppure sogni? Sei famoso! Che cosa si potrebbe chiedere ancora? Dominare il mondo?

Hideo Baba: Il mio obiettivo è quello di continuare a creare nuove storie ed esperienze videoludiche simili alla serie “Tales of”. Mi piacerebbe continuare a mandare messaggi simili attraverso nuovi titoli e spingere cosi’ i giocatori a provare sempre qualcosa di nuovo.

Qual è il tuo libro preferito?

Hideo Baba: Ho molti libri preferiti, diciamo che quelli che ancora mi fanno emozionare sono “Il gabbiano Jonathan Livingstone” e “L’albero”.  Entrambi non sono letture difficili, ma mi danno stimoli unici e sono molto importanti per me.

“Il gabbiano Jonathan Livingstone”” non solo usa le sue ali per volare ma cerca anche di capire il vero significato di volare tramite le ali che ogni uccello ha a disposizione. Il suo modo di vivere è veramente impressionante, ed è molto determinato anche se la sua idea non viene compresa da chi gli sta attorno.

“L’albero” descrive “l’amore” e le sue forma, e il fatto di donare amore attraverso frasi molto corte.  E’ un libro molto toccante.

Quali opportunità vedi per il futuro della serie? Qualcosa di sci-fi o di oscuro?

Hideo Baba:Questa è una domanda molto interessante. Credo che una storia possa avere moltissime destinazioni e possa essere descritta in diversi modi, ma la serie “Tales of” è legata all’avventure delle spade e alla magia, quindi non saprei. Forse se dovessi sviluppare un gioco sci-fi, cambierei titolo.

C’è un gioco nella serie che ha a che fare con dei poster. C’è una storia particolare nascosta dietro? Chi li ha fatti?

Hideo Baba: Questi poster sono stati disegnato direttamente dai direttore di ogni titolo per una ragione particolare: descrivono infatti la differenza tra i personaggi di adesso e alcuni particolari e divertenti ritratti..

Se i personaggi di Tales esistessero realmente, con quale ti piacerebbe avere un appuntamento o quale ti piacerebbe fosse il tuo migliore amico? E con quale invece non avresti nulla a che fare?

Hideo Baba: Questa è una domanda molto interessante. Un personaggio con cui mi piacerebbe uscire per un appuntamento? Posso considerarlo sotto diversi punti di vista. Dal punto di vista romantico, mi piacerebbe Milla. Se invece cercassi spensieratezza preferirei Pascal, che non mi fa mai annoiare. Rowen è il tipo di personaggio che mi sarebbe molto amico anche se è piu’ vecchio di me. E’ affidabile e credo mi darebbe dei buoni consigli. Credo potrei anche diventare un buon amico di Lloyd, è una brava persona.

Con chi invece non vorrei avere nulla a che fare….Teepo. E’ pericoloso. Sarebbe terribile se dicesse “Bazongas!” ad una donna durante un appuntamento. Ma rimane una mascotte adorabile!

Ci sarà mai una possibilità di avere l’audio giapponese incluso nei giochi Tales? 

Hideo Baba: So che molti fans della serie che vivono in USA, Europa e Asia vorrebbero l’audio originale. Vorremmo in qualche modo risolvere questo problema e far si’ che cio’ avvenga.

Sei rimasto sorpreso del numero di persone che hanno partecipato alla campagna per avere quest’opzione nella serie e quindi ti ha sorpreso quanti europei / americani vorrebbero sentire l’audio degi attori giapponesi con i sottotitoli in inglese, anche se non parlano una parola di giapponese?  

Hideo Baba: Sinceramente, credo sia normale. Quando guardo i film, apprezzo molto di piu’ i titoli in lingua originale con i sottotitoli. Quindi, anche se le persone che giocano non capiscono il giapponese, non credo ci sia da stupirsi se preferiscono i dialoghi originali in lingua originale. Non è una promessa, ma mi piacerebbe che cio’ potesse avvenire per tutti.

 

Entra a far parte della community di Tales! Ci trovi su facebook.com/tales, @TalesOfU e su www.talesofgame.com!

I commenti sono chiusi.

4 Commenti

  • Mah so l’inglese ma preferisco di gran lunga che i titoli venissero tradotti e doppiati in italiano. Trovo ci sia più coinvolgimento nel giocare ascoltando la propria lingua madre. Invece di concentrare maggiormente la nostra attenzione sui sottotitoli possiamo invece ammirare appieno ciò che accade sul resto dello schermo, quindi l’eventualità di giocare con l’audio giapponese e con i sottotitoli in inglese è una cosa che trovo assai antipatica

    • Per un jrpg verboso come questo, doppiare in più lingue è quasi sempre proibitivo, a meno che non si sia certi di vendere diverse decine di milioni di copie (e anche in quei casi lì raramente viene fatto, per massimizzare i profitti). È questo il motivo per cui difficilmente vedremo mai un Tales doppiato in italiano, per quanto mi farebbe sicuramente piacere (purché sia un doppiaggio di qualità).

  • I doppiaggi italiani solitamente non portano altro che censura. Saranno anni che non guardo piu’ un anime doppiato in italiano…

    • Si vede che non ne guardi da un (bel) po’… XD
      Che poi tu confondi il “doppiaggio” in sé con l’adattamento, che sono due cose distinte e separate. Comunque, sono anni ormai che gli anime vengono doppiati degnamente e senza censure. Tu forse eri abituato a quelli di Mediaset, ma loro sono un caso particolare. Che poi, ultimamente la presenza degli anime in TV è scemata pesantemente, e molti degli anime che vengono doppiati escono o al cinema o solo in home video (dove non ha senso censurare).