Pubblicato il

11 cose da sapere su Bloodborne per PS4

Il creatore Hidetaka Miyazaki ci parla del suo nuovo action-RPG

Alla conferenza stampa di Sony all’E3 2014, un magnifico trailer ha annunciato lo sviluppo di Bloodborne, il nuovo gioco di FromSoftware. Abbiamo avuto l’onore di parlare con il direttore del progetto, Hidetaka Miyazaki, che ci ha elencato le 11 cose da sapere a tutti i costi su questo nuovo titolo dall’atmosfera fortemente “dark”.

1. Non è un sequel

FromSoftware è lo studio che ha creato giochi del calibro di Demon’s Souls, Dark Souls e Dark Souls II. Lo stesso Miyazaki ha diretto i primi due, ma ha voluto mettere subito le cose in chiaro: “I giocatori che hanno provato gli altri miei titoli noteranno degli aspetti familiari, ma questo non è un sequel. Bloodborne offre un’esperienza di gioco del tutto nuova, più intensa… più potente”.

2. Esplorare l’ignoto

Il gioco è ambientato nella grande città di Yarnam, un luogo immaginario in stile ottocentesco e dai toni cupi e inquietanti. FromSoftware non si sbottona sulla trama, ma Miyazaki ci anticipa qualcosa: “L’esplorazione dell’ignoto è uno dei cardini di Bloodborne. I giocatori potranno esplorare una vasta area di Yarnam e saranno incoraggiati ad avventurarsi in un mondo carico di mistero”.

3. Enormi creature bestiali

Nei tetri vicoli della città sono in agguato strani personaggi deformi e incappucciati, sempre pronti a uscire dalle tenebre per scagliarsi contro il giocatore. Come se non bastasse, “ci sono momenti, per esempio quando i cancelli della città sbattono in modo spaventoso, che presagiscono l’arrivo di una bestia colossale”.

4. Una misteriosa minaccia

L’atmosfera grigia e opprimente della città nasconde un terribile segreto. “Yarnam è stata colpita da un’epidemia che trasforma le vittime in creature mostruose… e gli abitanti neppure si accorgono di essere stati contagiati”.

5. Lotta per la sopravvivenza

I giochi di Miyazaki sono celebri per essere decisamente impegnativi, ma sempre al punto giusto, e Bloodborne non fa eccezione. “Il giocatore sarà sempre sotto pressione, in quanto ogni nemico può rivelarsi mortale e ogni battaglia può essere l’ultima”.

6. Un’arma per mano

In Bloodborne non dovrete affrontare le orde nemiche disarmati, anzi: nella mano sinistra stringerete un potente fucile, e in quella destra un’arma simile a una falce.

7. Atteggiamento passivo-aggressivo

Gettarsi tra i nemici senza criterio è un autentico suicidio, ma non è detto che un approccio più prudente sia necessariamente anche il più efficace. “Bisogna eliminare i nemici il più rapidamente possibile, o si rischia di esserne sopraffatti”.

8. Armi in continua trasformazione

Miyazaki ha mostrato un’arma da mischia in parte falce e in parte sega. Particolarmente interessante è la possibilità di impiegare varie tecniche per trasformare l’arma nel corso della battaglia. Questa e altre meccaniche di gioco sono essenziali per trovare la strategia giusta durante gli scontri contro i boss, nonché per impostare il personaggio in base alle vostre preferenze. “A ogni trasformazione dell’arma corrisponde un diverso stile di gioco”.

9. Nemici imprevedibili

Nella sequenza che ci è stata mostrata, gli abitanti di Yarnam davano la caccia alle bestie che infestano la città. Poi li abbiamo visti raccogliersi intorno a una pira improvvisata per dare alle fiamme il cadavere di un mostro, permettendo al giocatore di oltrepassarli senza farsi scoprire. Poi, all’improvviso, dal cuore della città sono giunti i rintocchi di una campana e la folla ha ripreso la caccia. “L’ambientazione è in continuo mutamento e i nemici agiscono in modo imprevedibile. Questo aumenta ulteriormente il livello di sfida,” spiega Miyazaki.

10. Preziosi alleati

Combattendo nelle vie di Yarnam incontrerete altri cacciatori in difficoltà che potete scegliere di aiutare. “Non siamo costretti a farlo, ma se siamo generosi… i personaggi che aiutiamo potrebbe ricambiare il favore nel momento del bisogno”.

11. La morte vista da vicino

Bloodborne viene incontro a tutti coloro che preferiscono tenere i nemici a debita distanza, per colpirli senza rischiare di subire contrattacchi letali. Miyazaki conferma: “Il combattimento ravvicinato sarà il fulcro del gioco, ma avremo molti altri assi nella manica…”.

Nei prossimi mesi arriverà una marea di nuovi dettagli su Bloodborne, perciò continuate a seguirci qui su PlayStation.Blog.

1 Commenti
0 Risposte dell'autore

m piace sempre d piu questo gioco,ma sarà difficile da fare

Dopo 30 giorni dalla pubblicazione di un post, non sarà più possibile lasciare commenti.

Storico modifiche