Thief – Hands-on PS4

3 0
Thief – Hands-on PS4

Ryan Clements, Social Media Specialist di SCEA, ha avuto la fortuna di provare Thief per PlayStation 4. Ecco il suo resoconto.

Thief

Garrett soffia sulla fiamma di una candela mentre perlustra con attenzione la gioielleria chiusa, a pochi centimetri di distanza da una guardia che sta schiacciando un pisolino. Mentre il gioielliere fatica nel retrobottega e sua moglie si gode il fuoco del caminetto, Garrett sgattaiola silenziosamente di stanza in stanza, rovistando nei cassetti e intascandosi preziosi ciondoli. Thief su PS4 da il meglio di sé quando Garrett ha la libertà di fare ciò che sa fare meglio, dando la possibilità ai giocatori di scavalcare finestre e ficcare il naso nelle abitazioni vestendo i panni del maestro del furto.

Questo reboot della classica serie stealth ha un approccio più open world rispetto ai titoli precedenti, permettendo al giocatore di aggirarsi furtivamente nei vicoli e sui tetti di The City, un ombroso centro abitato perennemente permeato dalla luce del crepuscolo. La città è splendida da vedere, immersa in ombre lunghe e fuochi vividi che rendono ogni angolo e ogni fessura dei luoghi loschi.

E la natura furtiva di Thief si fa palpabile. Monete, gioielli e altri oggetti collezionabili riempiono mobili e forzieri nascosti, dando motivo ai perfezionisti del videogioco di cercare in ogni fessura. Più grande sarà il vostro bottino, maggiori saranno le risorse che potrete comprare.

Thief

Una risorsa su cui vale la pena investire è il fidato arco di Garrett che supporta molti tipi di frecce — alcune per estinguere le fiamme, altre per stordire le pattuglie con vapori tossici, altre ancora per spegnere gli interruttori delle luci dalla distanza. Potete utilizzare le letali frecce anche per mettere fuorigioco le guardie in un attimo, ma è una mossa rischiosa perché potreste attirare attenzione. Questi oggetti sono facilmente accessibili: vi basterà passare il dito sul touchpad del DualShock 4 e cliccare sul tool desiderato.

Come i suoi predecessori, Thief offre modi diversi per affrontare ogni missione. Prendete ad esempio la scena menzionata poco fa, quella della gioielleria. Alcuni giocatori preferiranno utilizzare pazienza e tempi perfetti per muoversi nell’ambiente senza essere visti. Altri vorranno far fuori le guardie con la mazza di Garrett prima di procedere. Altri vorranno spegnere ogni luce ed utilizzare le ombre a loro vantaggio. Ogni stile di gioco è efficacissimo e verrà ricompensato alla fine della missione con dei bonus.

C’è davvero tanto da apprezzare in Thief, al di là delle sue dinamiche stealth e del suo sistema di gioco flessibile. Eidos Montreal ha lavorato duramente per curare i dettagli del mondo di gioco e della storia. I mobili sono ricchi di preziosi. I mendicanti tentano di toccare Garrett con le loro mani flebili. Le guardie borbottano durante la pattuglia e si lamentano della loro vita amorosa.

Thief

Questa attenzione ai dettagli si estende anche al gioco. Le braccia di Garrett inizieranno a vacillare se l’arco viene tenuto in sospeso per troppo tempo, riducendo la precisione. I ritagli di giornale rivelano nuovi elementi narrativi una volta collezionati. La lightbar aumenta le pulsazioni se Garrett viene scoperto. E persino i preziosi raccolti da Garrett (utili per aumentare i suoi valori) hanno una storia da raccontare. Il Cross-Wind Medallion, ad esempio, riduce la possibilità di essere colpiti dai proiettili nemici. Nella sua descrizione, possiamo conoscere la storia del suo vecchio possessore, Silent Joff — “Un vecchio arciere che non parlava mai e di cui nessuno sentirà la mancanza”.

Dettagli come questi depongono a favore dell’autenticità di Thief e rendono le avventure di Garrett sempre più immersive, missione dopo missione. I giocatori che amano nascondersi nell’ombra e prendere ricchi bottini fissino questa data: Thief arriverà il 28 febbraio su PS4.

Thief

I commenti sono chiusi.

3 Commenti