Diablo III – A misura di console

0 0
Diablo III – A misura di console

Ciao ragazzi,
Jason Bender, Lead Designer di Diablo III per console, ci parla dell’adattamento del classico Blizzard per PlayStation 3.

Diablo III on PS3

Sono appena tornato dall’E3, durante il quale abbiamo visto un’ottima dimostrazione della versione di Diablo III per PlayStation 3 e dove sono stati annunciati alcuni oggetti esclusivi per PS3 davvero eccezionali da utilizzare in game.

L’emozione e l’energia dello show mi hanno ricordato i tempi di quando la gente usciva di casa per andare a giocare. Sì, parlo delle sale giochi: luoghi magici, risplendenti di colori vibranti e di lampi di luce, dove il tintinnio dei gettoni che uscivano dalla macchina di cambio monete era incessante. Lì era possibile giocare con le ultime novità nel campo dei videogiochi. Le sale giochi erano un’esperienza sociale unica: ci si divertiva con gli amici o se ne trovavano di nuovi, legandosi a un’amicizia suggellata dal joystick.

Quando abbiamo deciso di sviluppare Diablo III per console, volevamo che la modalità cooperativa per 4 giocatori comunicasse la stessa sensazione di divertimento dei giochi arcade. Il gioco avrebbe dovuto essere richiedere un buon lavoro di squadra, ma al contempo lasciare spazio al divertimento tipico da sala giochi (ingiurie, mani sudate e distruzioni di massa a cuor leggero).

Forse vi ricorderete di Gauntlet, il classico “dungeon crawler” che ha cambiato il volto del gioco cooperativo permettendo a quattro amici di condividere lo stesso schermo, uccidendo mostri nei panni di un guerriero, un elfo, una valchiria e un mago. Grazie a Gauntlet e ad altri famosi arcade, la gente ha iniziato ad apprezzare il valore del gioco cooperativo. Questo è il tipo di divertimento che stiamo cercando di proporre con la versione console di Diablo III. Quattro amici sullo stesso divano, che insieme si danno da fare per massacrare orde infinite di demoni, raccogliendo tesori e divertendosi insieme. Cosa c’è di meglio?

Diablo III on PS3

Eravamo esaltati all’idea di avere Diablo III su console perché potenzialmente avremmo potuto creare qualcosa che avrebbe segnato indelebilmente la memoria di una nuova generazione di giocatori in tutto il mondo, ma avremmo dovuto lavorare duramente per riuscirci. Una delle cose che volevamo fare era proporre l’azione sul grande schermo della televisione senza doverlo dividere in quattro schermate più piccole. Per questo, abbiamo creato una nuova visuale che inquadra principalmente l’azione, rendendo più facile vedere le animazioni del combattimento, il vero punto di forza del gioco.

Volevamo che Diablo III su console regalasse la sensazione di controllo degli altri grandi giochi d’azione. Abbiamo quindi deciso di eliminare il sistema di movimento richiesto dall’azione indiretta di mouse e tastiera, introducendo il controllo diretto del personaggio e un comando di Schivata, lasciando il posizionamento tattico completamente a discrezione del giocatore. Ci abbiamo lavorato molto, finché non abbiamo raggiunto il risultato che volevamo.

Quando il team ha raggiunto lo stand Sony all’E3, volevamo che i giocatori vedessero esattamente perché Diablo III è l’ideale per una nottata di gioco in compagnia. Massacrare ondate di demoni insieme agli amici, raggiungendo un numero ridicolmente alto di uccisioni… Crediamo che non ci sia niente di simile in giro. Spero che, una volta che l’avrete provato, sarete d’accordo con me.

Siamo elettrizzati all’idea di vedere Diablo III approdare su PlayStation quest’estate e non vediamo l’ora che raduniate i vostri amici per giocare insieme.

Ricordatevi solo di ordinare la pizza: “I maghi hanno bisogno di cibo. Tanto cibo!”