Galak-Z reinventa lo sparatutto spaziale a 16 bit per PS4

0 0
Galak-Z reinventa lo sparatutto spaziale a 16 bit per PS4

Jake Kazdal, CEO & Project Lead di 17-BIT, ci presenta Galak-Z!

galak_z_2

La definizione di “sparatutto” è cambiata radicalmente negli ultimi decenni: questo termine che un tempo descriveva i classici shooter a 16 bit da sala giochi adesso contraddistingue i moderni sparatutto in prima persona basati sul combattimento strategico. Noi di 17-BIT vogliamo sublimare e fondere il meglio di questi due mondi per creare un tipo di avventura inedito!

Un tempo le sale giochi traboccavano di strepitosi sparatutto spaziali. Erano uno dei generi più in voga e dalle mille variazioni, da R-Type e Gradius a Pulstar. Con il passare del tempo, il mercato ha continuato a offrire una manciata di sparatutto, ma nella maggior parte di essi l’azione era basata sull’affrontare ondate di nemici disorganizzati e determinati unicamente a farti fuori mentre attraversavi una pioggia di proiettili, chiamata anche “inferno di piombo”.

Lo shooter moderno, invece, ha una componente tattica molto più sviluppata. Grazie alla potenza dell’intelligenza artificiale di ultima generazione, puoi combattere contro nemici controllati da computer tanto astuti e scaltri quanto avversari umani. I nemici abbandonano lo scontro per ricaricare le proprie armature, chiamano rinforzi e forniscono fuoco di copertura ai propri compagni.

Il nostro intento era quello di riproporre le sfide impegnative dei più recenti sparatutto dai budget stellari in un mondo spaziale bidimensionale, creando un’esperienza inedita ispirata a questi due generi classici.

galak_z_4

Punto 1:
Mi piace moltissimo Far Cry 3. In Far Cry 3, i nemici sono dotati di angoli visivi e riescono a sentirti se ti azzuffi nelle loro vicinanze. Per evitare di essere scoperto, puoi ricorrere a vari tipi di copertura, ma una volta avvistato, i nemici comunicheranno la tua posizione agli altri. È qui che entra in gioco la componente tattica. Sei tu a scegliere come partecipare allo scontro, uscendo dal campo visivo del nemico per curarti e ricaricarti rapidamente prima di tornare a lottare in scontri tattici sapientemente perfezionati.

Questo è esattamente il tipo di esperienza che vogliamo offrire con GALAK-Z. Gli avversari preferiscono sopravvivere che fungere da carne da macello e si aiutano a vicenda attraverso fuoco di copertura e richieste di rinforzi.

Punto 2:
I nostri avversari sono spesso di pattuglia, pertanto i combattimenti ti attendono dietro ogni angolo. In questo nuovo titolo figurano sconfinati sistemi di caverne ed elementi tipici della straordinaria azione di gioco di Metroidvania coniugati con combattimento e scazzottate innovativi, brutali e dalla forte componente fisica. Grazie all’assenza di una telecamera 3D, la connessione tra giocatore e gioco è un connubio perfetto per il combattimento.

Volevamo davvero riproporre una grafica profondamente radicata nell’universo degli anime di fantascienza di fine anni ’70 e inizio anni ’80. Anime leggendari come Starblazers/Yamato, Robotech/Macross e Gundam che hanno segnato la mia infanzia e sparatutto arcade classici dalle ambientazioni spaziali del medesimo periodo: GALAK-Z è pensato per riunire quanti più aspetti grafici possibile dei contenuti di quest’epoca. Il gioco propone un mondo divertente con grandi personaggi che non vediamo l’ora di presentare!

galak_z_3

Punto 3:
Abbiamo tutta questa potenza a disposizione, ma come facciamo a sfruttarla al massimo? A prima vista sembra un semplice sparatutto in 2D: ma allora in che modo viene sfruttata tutta la potenza di PS4?

La maggior parte degli oggetti nell’universo di gioco è sottoposta alle leggi della fisica. Ad esempio, gli asteroidi con cui ti scontri vengono deviati dal tuo cammino. I nemici esplodono e urtano gli uni contro gli altri. Il sentinel’s sword swipe (colpo di spada di una sentinella) può farti volare contro i numerosi quanto letali spuntoni delle pareti cavernose. Si tratta di un mondo pieno di nuovi scontri colossali, epici, a tempo e non solo.

Con una tale potenza a nostra disposizione possiamo ottenere quasi tutti gli effetti al pari di un sistema particellare, con creature disegnate a mano che concorrono a creare una splendida grafica ispirata al disegno manuale generata contestualmente a ogni colpo di laser, ogni esplosione di avversario o scontro con un campo di asteroidi!

Per concludere:
È un titolo che si è fatto attendere a lungo, dal momento che era da tempo che volevamo giocare, letteralmente, in uno spazio di questo tipo. Il genere del classico sparatutto spaziale 2D è raramente rivisitato con la tecnologia moderna e le innovazioni videoludiche dell’azione di gioco, una combinazione che si è rivelata vincente, coniugando elementi del gioco classico e moderno per un’esperienza di avventura e combattimento fenomenale.