GT Academy 2012: un’esperienza impossibile da dimenticare

0 0
GT Academy 2012: un’esperienza impossibile da dimenticare

Ciao Fan di Gran Turismo!

Come sicuramente ricorderete, lo scorso 24 e 25 agosto si è svolta al Race Camp di Silverstone la finale 2012 di GT Academy, la competizione speciale che PlayStation e Nissan hanno creato appositamente per trasformarvi in veri piloti. La finale è stata vinta dal belga Wolfgang Riep, che si è aggiudicato l’opportunità di gareggiare nella 24H di Dubai che si terrà a gennaio 2013.

Al Race Camp ha partecipato anche l’autore della lettera che pubblichiamo: Matteo Masiera.
Purtroppo l’avventura di Matteo è finita poco dopo le battute iniziali del torneo di Silverstone, ma il giovane pilota italiano ha voluto manifestare ugualmente la sua gioia per aver preso parte a questa fantastica competizione.

Vi scrivo questa mail per ringraziarvi di cuore per avermi dato l’opportunità di trascorrere una settimana che difficilmente dimenticherò.
E’ stata una esperienza incredibile, vestire i panni di un vero pilota, essere affiancato e consigliato da piloti del calibro di Liuzzi e Buemi… le parole non possono descrivere le emozioni e le sensazioni provate in quei momenti.

Senza considerare poi l’organizzazione, è stato curato tutto nei minimi dettagli, nulla è stato lasciato al caso, e anche se la mia avventura è finita prematuramente, non c’è mai stato un momento di noia. Le auto poi erano incredibili, quest’anno è stata data a tutti la possibilità di provare TUTTE le auto possibili, dalla 370z stradale, passando poi per la 370z elaborata, i kart, le monoposto e infine quel mostro della GT-R su una pista dove un mese fa sfrecciavano le F1… incredibile!

Un altro elemento che mi rende particolarmente orgoglioso, è che a detta di quasi tutti i mentori presenti, noi italiani eravamo il gruppo più competitivo di tutti, come tempi in pista eravamo tutti particolarmente vicini, chissà come sarebbe andata se la fase finale fosse stata strutturata in modo diverso, anziché dividerci in sei gruppi da sei persone e far arrivare in finale un solo concorrente per gruppo….

L’unico mio rimpianto è stato quello di non aver dato il massimo alla guida fin da subito, purtroppo non avendo alcuna esperienza al volante di auto di così grande cilindrata, non è stato semplice adattarsi in così poco tempo, mentre altri si sono trovati subito a loro agio. Le parole dei mentori tuttavia mi hanno rincuorato moltissimo; se fossi passato indenne alla prima eliminazione, sicuramente sarei migliorato ancora!

Resta un po’ di rammarico per il nostro Andrea Cosaro, è stato sicuramente il più veloce di tutti noi italiani, e il vincitore morale di questa edizione della GT Academy, perché da zero è riuscito ad arrivare ad un soffio della vittoria, nelle prove fisiche è stato sempre se non il migliore, uno dei più veloci, mentre il Belga (che poi ha vinto) nelle prove fisiche non ha mai brillato. Solo non si è ben capito quale fosse il metro di giudizio utilizzato in alcune circostanze, ma alla fine faceva parte del gioco. Per gli organizzatori è stato sicuramente più conveniente far vincere un pilota con già parecchie esperienze alla guida, cioè con una base di partenza molto più completa rispetto a Cosaro.

Spero che nei prossimi anni questa competizione verrà di nuovo organizzata per dare la possibilità ad altre persone con la mia stessa passione di vivere il sogno di una vita, e perché no, magari di essere presente come ospite per dare loro consigli e suggerimenti su come prepararsi al meglio (come gli stessi Lorenzini, Cunial e Bordino hanno fatto con noi).

Grazie ancora,
Matteo Masiera