Assassin’s Creed III: il primo trailer

11 0
Assassin’s Creed III: il primo trailer

Ciao!

Gabe Graziani, Community Developer di Ubisoft Montreal, è lieto di presentarci il primo trailer di Assassin’s Creed III:

Ciao Assassini PlayStation!

Dopo diversi anni di lavoro, con centinaia di alcuni dei più talentuosi sviluppatori del pianeta, siamo estremamente lieti di mostrarvi il primo trailer ufficiale di Assassin’s Creed III. Oggi vogliamo offrirvi un assaggio del ricco scenario fornito dalla Rivoluzione Americana e darvi alcuni dettagli sul protagonista della storia: un nativo americano di nome Connor.

Tenete gli occhi ben aperti su una determinata figura storica che è possibile riconoscere (credetemi, sarà difficile da non scoprire) … e meditate sul suo ruolo sia in una storia sulla fondazione di una nazione e sia nel conflitto incessante tra i Templari e Assassini.

Come già annunciato, Assassin’s Creed III sarà disponibile per PS3 dal 30 Ottobre 2012.

I commenti sono chiusi.

11 Commenti

  • alberto-gmail

    Dai primi dettagli e da questo video sembra davvero promettente(per me, ci voleva proprio un “cambiamento”), ma prima devo ancora recuperare alcuni capitoli della saga…

  • Wow, vedere questa nuova ambientazione mi ha fatto un po’ effetto. Sono contenta del fatto che ci sarà un bel cambiamento però 😀 dopo la lunga storia di Ezio ci voleva proprio una nuova partenza. E io che speravo in un assassino donna XD

  • non vedo l’ora!! sarà sicuramente il mio gioco di ottobre/novembre!! 😀

    il periodo storico mi affascina non poco.

  • Tutti gli assassini di rilievo (Altair, Aquilus, Ezio) hanno nomi che derivano dalla parola “Aquila”. Anche il potere di distinguere nemici nella folla è chiamato “occhio dell’aquila”. Ora, nome Connor è collegato al lupo, nel video si vedono dei lupi e chissà se avrà qualche nuova abilità che ha a che fare con i lupi…

  • mastrosperlonga

    Questo è il momento di dire: “vogliamo uno spin-off only on PS3!!” 😀 lol

  • Mi dimenticavo di Nikolai Orelov (Николай Орёлов in russo, il cognome ha come radice орёл che vuol dire aquila)

  • Ne ho già parlato entusiasticamente altrove ma lo ribadisco: m’ispira assai! Dopo Assassin’s Creed 1 e 2 probabilmente tornerò ad acquistare un capitolo della saga… ci voleva proprio questo cambiamento sisi.

  • beh, che schifo. Premettendo che il periodo non mi e’ mai piaciuto particolarmente, ma pure l’ambientazione la vedo poco consona. Dove sono gli edifici da scalare? che fine faranno i grandi tuffi nel nulla? e le armi? una cosina piu’ discreta no???
    Anche il volto nel nuovo assassino non mi sembra lo stesso dei precedenti… la vedo male.
    Un AC in periodo illuministico in Francia con la sua rivoluzione, avrebbe avuto molti piu’ scenari interessanti

  • truceboystorino

    reveletions è davvero brutto se conforntato agli altri 3, secondo me avrbebero potuto chiudere la saga di ezio in brotherhood invece di voler proporre l’ennesimo gioco uguale, questa volta non comprerò più assassin’s creed a scatola chiusa, aspetterò i primi video di gameplay per vedere davvero se hanno rivoluzionato. A me mi ha stufato forse perchè il 2 e il 3 li ho finiti con le sincronizzazioni al 100%ma reveletions non riesco a giocarlo, è un gran pasticcio di idee per come la vedo io.

  • @sonoro-san: concordo in pieno per quanto riguarda il periodo della rivoluzione francese, non a caso era la mia scelta numero 1. Oltretutto Ubisoft è una compagnia francese, per cui un po’ di patriottismo ci stava bene XD
    Non sono invece d’accordo per quanto riguarda la prima parte del tuo intervento. Davvero pensi che l’ambientazione scelta per AC3 non sia consona? Suvvia, non crederai sul serio che tutto si svolgerà in quel bosco innevato e in quelle praterie. Ti informo che esistevano già grandi città all’epoca, da Nuova York a Philadelphia tanto per dirne un paio, per cui non c’è da preoccuparsi. La fase di scalata degli edifici sarà certamente ancora presente, d’altronde è un marchio di fabbrica della serie!

  • @il tizio di torino: fosse per me la saga di Ezio doveva già concludersi con AC2, visto che con la politica commerciale dei sequel insipidi hanno finito per indebolire il personaggio stesso. Il mio motto è: un episodio, un personaggio, punto.