Intervista per Kung-Fu LIVE

4 0

Kung Fu Live, il picchiaduro che sfrutta appieno le funzionalità della telecamera PlayStation Eye, sarà in vendita da domani su PlayStation Store. Grazie a PlayStation Eye sarete i protagonisti di un fumetto sulle arti marziali ricco di giganteschi nemici e spettacolari superpoteri. Ho avuto il piacere di incontrare Teemu Mäki-Patola, CEO di Virtual Air Guitar Company, per provare il gioco in anteprima e scambiare due chiacchiere.

[viddler id=553ba8cc w=545 h=327 playertype=simple]


Come mai Virtual Air Guitar ha deciso, come prima cosa, di cimentarsi con un gioco così ambizioso, piuttosto che lavorare a un titolo più tradizionale?

Il nostro background è la ricerca universitaria, dove si lavora a interfacce di realtà virtuale e argomenti simili. Le nostre conoscenze e i nostri interessi, pertanto, ci hanno spinti ad allargare certi temi e tecnologie al mercato videoludico. Crediamo che la nostra ricerca sia in grado di fornire nuove esperienze di gioco, ed è per questo che abbiamo fondato la società.

Quali sono le sfide più importanti nella produzione di un gioco che si basa sull’utilizzo di una telecamera, come Kung-Fu LIVE?

Certamente non è facile riuscire a perfezionare l’aspetto tecnologico in modo che possa essere fruito da tutti i videogiocatori. A tal proposito, abbiamo lavorato al tracciamento scheletrico dei movimenti, cosa che necessita di algoritmi molto complicati. È molto più difficile di quanto sembri!

FreeMotion_Tech_Step1 FreeMotion_Tech_Step2 FreeMotion_Tech_Step3 FreeMotion_Tech_Step4

Ci sono delle limitazioni, in termini di dimensioni e proporzioni corporee?

Non esattamente. È possibile “controllare” la propria statura regolando la distanza dalla telecamera: per un ragazzino è sufficiente posizionarsi a 1,5 metri dalla telecamera, mentre per un adulto ci vogliono circa 2,5 metri. In occasione di gamescom, abbiamo fatto provare il gioco ai personaggi più disparati, inclusi i cosplayer dotati di alucce e copricapo bizzarri, e tutto ha funzionato a meraviglia.

A prescindere dall’aspetto tecnico, come descriveresti l’ambito artistico e a cosa vi siete ispirati?

L’ispirazione ci è stata fornita dai fumetti di Kung Fu degli anni 70 e 80, che abbiamo stilizzato. C’è una modalità Storia costituita da 11 capitoli e 10 livelli diversi.

Image37

Che varietà offrono i livelli? Ci sono temi e ambientazioni differenti?

All’inizio della storia, il giocatore veste i panni di un commesso di una fumetteria che viene risucchiato in un fumetto, e da lì comincia la sua avventura. Abbiamo caverne piene di lava, livelli a tema cinese e molto altro ancora!

Quali mosse è possibile eseguire?

Il giocatore è libero di combattere come vuole, poiché tutti i movimenti rapidi del corpo sono in grado di infliggere danni ai nemici. È persino possibile eseguire salti mortali e calci volanti, a patto di essere ben allenati. Il gioco tende ad amplificare i movimenti dell’utente: se nella realtà si compie un salto di 30 centimetri, questo corrisponderà a un balzo di 3 metri su schermo.

Cosa succede se il giocatore brandisce un’arma? L’azione viene ripresa dal gioco?

Certo. È possibile utilizzare un pupazzetto o qualsiasi altro oggetto casalingo, basta fare attenzione. Il gioco è progettato per il combattimento a mani nude, ma dopo qualche test abbiamo verificato il corretto funzionamento anche con gli oggetti.

Image66

Come funziona la modalità multigiocatore?

La modalità multigiocatore funziona come una modalità di gruppo e prevede che una persona si posizioni di fronte alla telecamera, mentre fino a quattro persone possono controllare i nemici usando un controller wireless DUALSHOCK 3. Non abbiamo previsto la possibilità che due giocatori si posizionino di fronte alla telecamera per motivi di sicurezza, onde evitare che gli utenti si colpiscano a vicenda.

Qual è il ricordo più vivido che hai del tour mondiale del gioco?

C’era un tipo sulla sedia a rotelle che aveva l’aria mogia. Così, mi sono avvicinato e gli ho chiesto che cosa non andasse. Mi ha risposto che continua a vedere questo genere di giochi, che lui non potrà mai giocare. Allora gli ho suggerito di sperimentare il nostro: non lo avevamo provato, eppure ha funzionato egregiamente. È stato bello vederlo “schizzare” per lo schermo abbattendo nemici su nemici. Insomma, si è divertito un mondo!

Che cosa ti piacerebbe che le persone provassero giocando a Kung-Fu LIVE?

Vorrei vedere il sorriso stampato sui loro volti. Da parte nostra, siamo molto felici di aver portato una nuova esperienza di gioco su PlayStation. Inoltre, trovo molto interessante l’elemento fisico che fa alzare i ragazzini dal divano, aiutandoli a coordinare meglio i propri movimenti in maniera divertente.

I commenti sono chiusi.

4 Commenti