L’Evoluzione del Controller PlayStation

20 0

Ora che PlayStation Move è finalmente nelle mani dei giocatori di tutta Europa ci sembra l’occasione ideale per fare un nostalgico tuffo nel passato e proporre una retrospettiva dei vari controller per i sistemi PlayStation che si sono susseguiti nel corso degli anni.

1995 – Controller PlayStation: la forma del futuro

PSone controller

PlayStation debutta sul mercato: oltre ai tasti direzionali, il Controller è caratterizzato da quattro tasti associati ad altrettante icone (triangolo, cerchio, X e quadrato) che diventeranno presto simbolo di una nuova cultura globale.

1997 – Controller Analogico: più potere ai pollici

DualShock

Due anni più tardi, al controller originale vengono aggiunte due levette da controllare con i pollici: da quel momento, rappresenteranno una costante. Il design del Controller Analogico ha stabilito nuovi standard nel mondo dei videogiochi, che perdurano tutt’oggi.

1998 – DUALSHOCK: uno shock per il sistema
Primo controller PlayStation con funzioni di vibrazione e ultimo a essere messo in commercio per PlayStation, il DUALSHOCK consente di avvertire fisicamente la forza dei colpi di Tekken 3. Alcuni sviluppatori si sono resi conto che la possibilità di avere due motori dedicati alla vibrazione permette un effetto “stereofonico”: le scene dell’elicottero nel primo Metal Gear Solid ne sono un ottimo esempio.

2000 – DUALSHOCK 2: precisione analogica

DualShock 2

Nonostante sia pressoché identico al suo predecessore, il primo controller realizzato per PlayStation 2 è votato alla precisione. Le rigide levette analogiche permettono movimenti precisi e possono essere premute. Di conseguenza, giochi come Gran Turismo 4 sono diventati capolavori di realismo fisico. Inoltre, le levette analogiche sono ruvide, caratteristica che conferisce una presa più solida. Infine, i tasti sono ora sensibili al tocco: PS2 può quindi rilevare la forza della pressione.

2003 – EyeToy: vi vediamo

EyeToy camera

Il controller siete voi. Questa straordinaria periferica cattura i movimenti del corpo e li invia a PlayStation 2: il gioco è finalmente svincolato dalle mani ed è libero di scatenarsi nel salotto di casa!

2004 – Microfoni SingStar: oltre il muro del suono

SingStar WirelessMic 140808

Con l’uscita di SingStar, i giocatori hanno iniziato a usare i polmoni, e non più solo le mani. I microfoni del gioco, dal 2009 in versione wireless, hanno trasformato milioni di appassionati in pop star. Da questo momento, nessuna festa può dirsi tale senza un momento SingStar!

2005 – Buzzer Buzz!: la vita è tutta un quiz

Wireless Buzzers with dongle

Divertente da usare, soprattutto da premere freneticamente: il controller a cui nessuno può resistere. Rispondete alla domanda premendo il tasto corretto per primi: un concetto semplice e divertente per chiunque tra i 5 e gli 85 anni.

2006 – Controller SIXAXIS: guarda mamma… senza fili!

PS3 Conrtoller front

Ruotatelo, inclinatelo o sollevatelo: il nuovo controller realizzato per PlayStation 3 rileva il movimento su sei assi. Ora è possibile cambiare la direzione di un Warhawk, di un Big Rig di Motorstorm o di un feroce Chimera con uno scatto del polso… e senza cavo!

2007 – PlayStation Eye: guarda, ascolta, chatta

PSEye

Una specie di EyeToy con i superpoteri, questa telecamera ha una risoluzione quattro volte maggiore, un frame rate doppio, la possibilità di fare primi piani e microfono a quattro direzioni. Il risultato: una precisione perfetta per una nuova esperienza immersiva e coinvolgente (e popolata dai vivacissimi EyePet).

2007 – DualShock 3: vibrazioni positive

DualShock 3

Tutta la potenza del controller SIXAXIS, con l’aggiunta della funzione di vibrazione. L’evoluzione del controller PlayStation processa contemporaneamente segnali analogici e digitali. Nel 2007 questo controller è stato premiato con l’Emmy Award for Peripheral Development and Technological Impact of Video Game Controllers (Premio Emmy per lo sviluppo di periferiche e dell’innovazione tecnologica dei controller dei videogiochi).

2010 – PlayStation Move: lasciatevi andare

PlayStation Move: Let Yourself Go

È stato un cammino lungo, e abbiamo imparato molte cose. La soddisfazione di disporre di un sistema di comandi preciso. L’emozione di un realismo maggiore. Il divertimento di avere in mano un microfono, una pistola o una racchetta. La pura felicità del movimento. Quando 15 anni di sviluppo di controller PlayStation confluiscono in un solo oggetto, cosa si ottiene? Qualcosa che non vorrete mai e poi mai lasciare. È Move.

I commenti sono chiusi.

20 Commenti


    Loading More Comments

    Inserisci la tua data di nascita.