Final Fantasy XIII: Risposte alle Vostre Domande

18 0

Il team di PlayStation.Blog US ha avuto l’occasione di parlare direttamente con Yoshinori Kitase e Motomu Toriyama, rispettivamente produttore e regista di Final Fantasy XIII. Sono certo che molti di voi saranno ben felici di poter avere altre anticipazioni dai creatori della nuova avventura della Square Enix .

Ecco di seguito l’intervista, per gentile concessione di Chris Morell del Blog statunitense

PSB: Vista la crescente popolarità del sistema occidentale RPG di classificazione dei giochi, quanto peso ha avuto sullo sviluppo di Final Fantasy XIII la volontà di abbracciare tutte le fasce di pubblico?

Kitase/Toriyama: Nessun gioco in particolare ha avuto un’influenza diretta ma sicuramente abbiamo guardato al genere FPS e ad altri giochi occidentali per dare più velocità e accrescere il ritmo del gameplay in Final Fantasy XIII. Per quanto riguarda l’influenza degli FPS, la storia di FFXIII si sviluppa in modo molto simile a quella tipica di quel genere, nel senso che i personaggi si trovano ad affrontare differenti sfide e situazioni in successione una dopo l’altra. Questo è il modo in cui progrediscono nello sviluppo della storia.

Sapete senza dubbio che molti nordamericani hanno importato il gioco. Cosa rispondete a quanti dicono che il gioco appare troppo lineare? Questa critica vi preoccupa?

La prima parte del gioco è stata intenzionalmente creata con l’obiettivo di fornire un’esperienza lineare perché volevamo rendere l’esperienza simile ad un film o a un dramma teatrale nel quale i giocatori hanno la possibilità di conoscere i personaggi e cosa si cela dietro le loro azioni.

E poi, dato che FFXIII adotta un sistema completamente nuovo, volevamo inserire una certa gradualità per assicurarci che i giocatori potessero controllare il sistema a piacimento. Così ci sorprende che tante persone stiano commentando che il gioco sia lineare, perché quando si entra nell’area di Pulse, si ha disposizione un mondo intero in cui muoversi ed è lì che il sistema di battaglia prende realmente vita. Una volta che si impara a controllarlo si può procedere senza freni e questo dovrebbe fornire un’impressione completamente differente.

Pensate che l’idea dei GDR schematici degli anni 80 e 90 sia uno stereotipo datato?

Vi è una specie di modello tradizionale nel sistema dei GDR, nel quale i giocatori vanno in città e scoprono informazioni attraverso dialoghi testuali, lasciano la città per combattere mostri e poi tornano in città a comprare pozioni, oggetti, ecc. Nello sviluppo di FFXIII non abbiamo avuto nessun modello di riferimento: abbiamo cercato di uscire dallo schema, di creare e stabilire una nuova tendenza per i GDR. Perciò non ci siamo affatto preoccupati di rimanere aderenti alla tradizione.

Quanto tempo richiede completare il gioco in maniera approfondita, missioni comprese?

In ore di gioco…se si gioca badando solo alla storia principale sono circa 60 ore di gameplay. Ma se si decide di giocare tutte le missioni, beh, praticamente ci vuole un’eternità. Potrebbe durare per sempre. Va anche considerato che i nemici nell’area di Pulse sono molto più forti, così lì vale sicuramente la pena di rigiocare..

Quali sono la risoluzione video nativa e il formato audio su PS3?

Final Fantasy XIII è in 720p e Dolby Digital 5.1

Final Fantasy tradizionalmente sceglie una canzone per accompagnare il gioco. Perché avete scelto Leona Lewis nella versione occidentale invece di un artitsta giapponese come al solito?

I precedenti titoli di FF hanno sempre conservato le canzoni giapponesi nelle versioni occidentali del gioco, ma abbiamo avuto la sensazione che una canzone cantata in una lingua comprensibile agli utenti nordamericani o europei avrebbe portato il gioco più vicino al giocatore stemperando la sensazione che Final Fantasy sia un gioco che viene da oltreoceano. In generale, dovrebbe rafforzare la relazione tra il giocatore e il gioco e questo è il motivo per cui abbiamo deciso di adottare una canzone inglese come canzone principale.

Ci sono piani per integrare PlayStation Home con FFXIII in America del nord?

Come sapete, c’è qualche attività nel PlayStation Home giapponese ma per quanto riguarda l’America del nord, le cose sono ancora allo stadio progettuale e non c’è niente di confermato al momento.

Come si rapporta Final Fantasy XIII al primo gioco di Final Fantasy sul quale avete lavorato?

(Toriyama):
Il primo gioco di FF sul quale ho lavorato è stato FFVII, e in modo simile al XIII, fu un titolo che segnò un cambiamento drastico nella serie nel suo insieme (compiendo tra l’altro la transizione dalla piattaforma Nintendo a PlayStation): la grafica era estremamente nuova e differente, così in quel caso ci fu un salto enorme.

Per quanto riguarda FFXIII, è la prima volta che la serie arriva sulle console ad alta definizione e la grafica è di qualità talmente elevata da consentire di rappresentare espressioni ed emozioni in modo molto dettagliato.

Quindi nel caso di FFXIII vi siete trovati ad affrontare molte delle sfide che vi aveva già posto a suo tempo il VII?

Le sfide sono state differenti perché nel caso di FFVII, il team lavorò al buio, la grafica 3D era del tutto nuova, e ci si trovò veramente a creare partendo da zero. Così con il VII ha imparato a conoscere la tecnologia 3D, poi l’ha messa a punto per il X e quindi con il XIII, è un po’ come ricalcare lo stesso percorso. Il team ha già conoscenza e capacità per lavorare con la grafica 3D, ma ovviamente nel XIII le cose sono molto più sofisticate e I filmati in CG sono allo stesso livello dei film. In effetti il team ha preso i film come pietra di paragone per FFXIII. Così le sfide poste dai due giochi sono state differenti.

Cosa avete imparato lavorando sul vostro primo gioco FF in alta definizione ?

Una cosa di cui il team, e in particolare il team artistico di FFXIII può fare tesoro in vista dei titoli futuri è la tecnica in CG, specie per quanto riguarda le texture dei personaggi. Per la generazione precedente di console, l’aspetto esteriore era essenzialmente disegnato e si trattava perciò principalmente di un lavoro di illutstrazione. Nel caso di FFXIII, invece, la CG è stata impiegata a piene mani e giungere al giusto aspetto e alle texture corrette per le skin ha costituito una componente chiave dello sviluppo… cosa che sicuramente il team utilizzerà nei prossimi titoli.

Poi, ovviamente, ogni sviluppatore cerca di rendere i propri mondi e personaggi più realistici che sia possibile, ma noi volevamo fare un passo indietro ed evocare emozioni attraverso i personaggi. La lucidità delle labbra o l’aspetto delle calze da donna possono evocare una tensione sessuale. Lo stesso vale per i personaggi maschili…vogliamo che piacciano ai fan, e siano qualcosa di più dei semplici personaggi di un gioco.

Com’è stato lavorare su PS3 per la prima volta?

La PS3 è senza dubbio una macchina spettacolare: il team ha avuto veramente la chance di realizzare la propria visione dei personaggi e della grafica e al tempo stesso, ha potuto mettere in scena grandi battaglie su schermo. L’hardware di PS3 è stato un fattore che ci ha senz’altro agevolato nella concezione del gioco.

Ho sentito dire che dei contenuti sono stati rimossi rispetto al gioco originale? Potrebbero ripresentarsi sotto forma di DLC?

Per quanto riguarda i contenuti DLC, noi siamo convinti che il prodotto finale sia soddisfacente al 100%… è il pacchetto completo. Perciò non abbiamo in programma nessun DLC al momento. Per quanto riguarda i ventilati tagli di contenuti, ci sembrano voci estrapolate dal contesto. Vengono messe molte idee sul tavolo, poi tra queste il team sceglie le migliori ed è così che si confeziona il prodotto finale. Vi sono stati dei contenuti catalogabili come “idee” che non sono poi rientrati tra i contenuti definitivi ma il team non pensa a rilasciarli come contenuti scaricabili.

In FFXIII, sembra che vi sia uno spostamento verso personaggi più realistici. Qual è la direzione che state prendendo nel caso di questi particolari personaggi?

Vi è sicuramente uno spostamento consapevole verso la rappresentazione di emozioni e atteggiamenti realistici da parte dei personaggi. Il team vuole creare personaggi con i quali possa rapportarsi anche un pubblico adulto.

Nessuna notizia su Agito o Versus?

Ancora nessuna data, perciò bisogna attendere nuovi aggiornamenti. Ma anche se non possiamo entrare veramente in dettaglio, possiamo fornire una rapida anticipazione sullo stadio di avanzamento dei lavori; 100-200 membri dello staff di FFXIII hanno finito il lavoro sul gioco, e tutte queste persone, tutte dotate di un’ottima conoscenza della tecnologia di PS3 (e PSP), possono ora trasferirla agli altri team e probabilmente il ritmo dello sviluppo aumenterà.

I commenti sono chiusi.

18 Commenti


    Loading More Comments

    Inserisci la tua data di nascita.