Pubblicato alle 4:00pm

Beyond: Two Souls – David Cage ci aggiorna sul suo epico titolo sovrannaturale

Lead image 20426BEYOND_SCREEN_10

Pochi sono i titoli per PlayStation 3 così tanto attesi come Beyond: Two Souls, l’ultimo progetto di Quantic Dream, il poliedrico studio di sviluppo francese che, nel 2010, ha pubblicato l’avventura Heavy Rain. La storia della giovane Jodie Holmes (interpretata dalla stella di Hollywood Ellen Page) e del suo misterioso compagno soprannaturale Aiden ha illuminato l’E3 di quest’anno con uno sbalorditivo trailer di presentazione.

20430BEYOND_SCREEN_1420424BEYOND_SCREEN_08

Da allora non abbiamo più ricevuto notizie sostanziose, perciò ci siamo incontrati con il fondatore di Quantic, David Cage, alla Paris Games Week per una veloce chiacchierata.

È dall’E3 che non abbiamo più notizie di Beyond, ovvero dal trailer di presentazione di giugno. Come procede lo sviluppo?

David Cage: Lo sviluppo sta procedendo molto bene. Ci piace molto partecipare alle fiere, ma dobbiamo anche lavorare al gioco! Siamo piuttosto avanti, a qualche settimana dalla versione alfa. È sempre una fase molto critica nello sviluppo di un videogioco, poiché è il momento in cui tutti i dati vengono assemblati nella loro completezza. Spesso questa versione preliminare non è molto giocabile, ma rappresenta la prima occasione di vedere il gioco come un’unica entità. Dopodiché, passeremo alla versione beta, fase in cui il gioco è molto vicino alla sua forma definitiva.

Che differenze ci sono a livello di gioco e interfaccia tra Beyond e il titolo precedente, Heavy Rain?

David Cage: Il gioco è molto diverso da Heavy Rain, forse molto più di quanto la gente immagini. La prima e ovvia differenza è che ci saranno due personaggi da controllare: Jodie e questa entità chiamata Aiden. Con Aiden si possono fare molte cose interessanti: volare, camminare attraverso i muri e interagire con oggetti e personaggi in maniera particolare. Quella che avete visto all’E3 era una versione funzionante basata sull’interfaccia di Heavy Rain, ma non è quella finale.

I primi momenti di gioco che abbiamo visto erano incentrati sull’azione. Cos’altro dobbiamo aspettarci?

David Cage: C’è una sorta di equilibrio leggermente diverso da Heavy Rain, dove l’idea era di ricreare l’atmosfera di un thriller psicologico. Beyond, ovviamente, riserverà questi elementi di emozione, profondità psicologica dei personaggi e momenti forti, ma contemplerà anche una dimensione più epica e spettacolare.

Tutto questo in un contesto narrativo con la premessa di fondo che ogni scena deve essere unica. Prendiamo a esempio quella della foresta. È l’unica scena del genere nel gioco. Ci saranno scene molto più epiche e d’azione, ma saranno radicalmente diverse e non avranno niente a che fare le une con le altre in termini di ambientazione e tipo di azione.

Il nostro obiettivo non è pubblicare un gioco che appaghi i fan di Heavy Rain, ovvero non vogliamo sentirci dire: “OK, è come Heavy Rain, solo un pochino meglio”. L’idea è quella di sorprendere i giocatori e mostrare loro che possiamo andare ben oltre il concept di Heavy Rain.

11664Ellen Page, Kadeem Hardison, David Cage11658David Cage, Ellen Page

Il fondatore di David Cage Quantic Dream dirige una sessione di motion-capture per Beyond: Two Souls

Ci sono elementi di Beyond: Two Souls ispirati alla tua vita personale?

David Cage: Sì, certamente. Era successo anche con Heavy Rain, quando sono diventato papà e ho scoperto l’unicità del legame che un padre stringe con il figlio. Quanto a Beyond, l’esperienza ispiratrice è di diverso tipo, molto meno piacevole: ho perso una persona della mia famiglia a cui tenevo molto. Tutto è iniziato così, con il desiderio di immaginare che ci fosse un “dopo”.

Beyond parla, ovviamente, della morte. Ma vi sono anche temi positivi, come la crescita dell’individuo, il cambiamento e l’imparare ad accettarci per come siamo. Con Beyond ho voluto creare un viaggio, qualcosa di epico, emozionante e forte, che il giocatore ricorderà a lungo una volta terminato il gioco.

Hai avuto tempo di dare uno sguardo alla concorrenza? A cosa hai giocato ultimamente?

David Cage: Mi è piaciuto molto un gioco di cui si è parlato poco, Papo & Yo, un titolo PSN che costa circa 15 Euro. Per chi ha amato Heavy Rain e cerca qualcosa di diverso, creato da autori che non vogliono trasmettere il solito tripudio di esplosioni, è un titolo da provare. L’ho trovato fantastico, sorprendente e commovente. Percepisci subito che è stato creato da uno scrittore, ovvero una persona che ha qualcosa da raccontare. Mi ha colpito molto.

Hai mai pensato di dedicarti a qualcosa del genere, ovvero un titolo in scala ridotta come quelli per PSN?

David Cage: Purtroppo ho un problema. Ogni volta che comincio a scrivere, la storia si trasforma in qualcosa di incredibilmente epico. Il team si deprime! Credono di poter finalmente sviluppare un titolo più “easy”. E, invece, non è mai così! Mi piacerebbe tanto creare un gioco PSN, ma anche se volessi non potrei.

20416BEYOND_SCREEN_0720429BEYOND_SCREEN_13

Sei mai stato tentato dall’idea di misurarti nella direzione di un film?
David Cage: Sinceramente, non mi sentirei in grado di farlo ed è una cosa che, al momento, non è parte dei miei interessi, nonostante abbia ricevuto qualche proposta in merito. Sono felice di lavorare con i videogame. Non sono capitato nel business per caso. Infatti, sono passati 15 anni da quando ho iniziato in questo campo. E, anche dopo tutto questo tempo, lo faccio ancora con grande passione e felicità. Alzarsi, andare al lavoro e trascorrere la giornata con il mio straordinario team di talenti è una cosa che non ha ancora smesso di sorprendermi!

Hai un messaggio per i potenziali giocatori di Beyond? Come vorresti che si avvicinassero al gioco?
David Cage: Credo che non serva alcun tipo di preparazione per Beyond. Bisogna solo giocarci e scoprirlo poco a poco!

Alla stregua di altri game designer, vorrei tanto non svelare nulla o perfino proporre una copertina del gioco completamente nera, in modo che il giocatore possa affrontarlo senza pregiudizi, magari senza nemmeno aver avuto la possibilità di guardare i trailer. Naturalmente, e purtroppo, non è una cosa possibile!

A coloro che hanno fiducia in noi e che hanno amato Heavy Rain voglio dire che li sorprenderemo, daremo loro qualcosa che si aspettano senza nemmeno sapere di cosa si tratta! Credo che sarà un’esperienza assolutamente grandiosa. Ci crediamo intensamente e stiamo dando il massimo. Noi stessi restiamo stupiti ogni giorno nel vedere il gioco su schermo, è davvero sorprendente. Spero che i giocatori proveranno la medesima emozione.

BEYOND - key art 3

Ti è piaciuto?

Commenti

5 Commenti 0 risposte dell'autore
Mostra prima i più vecchi  
 

si, mi aspetto tantissimo da questo gioco, dopo Heavy Rain non posso fare altrimenti… spero davvero che arrivi entro l’anno prossimo!! :D
Un’altra perla che ri-convincerà i boxari sulla Qualità delle esclusive PS.

 
fortieTHief 12 novembre, 2012 @ 7:55 pm   2

vi PREGO,mantenete la locandina qui sopra come box cover,è STUPENDA!

 
Investigaelfo 12 novembre, 2012 @ 8:26 pm   3

…concordo. :D

 
dragonslayder-58 12 novembre, 2012 @ 9:31 pm   4

sara per forza nel mio casetto sara un gioco a cui giochero cn passiobe dopo aver provato heavy rain

Nell’articolo fa già riferimenti a versioni alfa e beta, per cui io credo proprio che Beyond riuscirà tranquillamente a mantenere il periodo tra febbraio e marzo come release date.
Mi associo chiaramente all’entusiasmo che traspare dagli altri post, non a caso questo titolo è forse quello che attendo di più. Ho adorato Heavy Rain (per me il miglior gioco PS3) e dunque non posso non attendere con ansia questo game, sperando che specie in quanto a trama ed atmosfera riesca a ripetere quanto di buono fatto nella precedente avventura dei Quantic Dream.
Sono poi assai contento di leggere che Cage è stato felicemente colpito da Papo & Yo, un titolo che mi sembra abbastanza snobbato ma su cui ho già messo gli occhi da tempo e che sicuramente giocherò.
PS: onestamente io David Cage ce lo vedrei benissimo anche a fare il regista cinematografico perché quest’uomo c’ha molto da dire e sarebbe in grado di affrontare una sfida del genere… ne sono convinto!