Pubblicato alle 20 gennaio

SHIFT extended: Capovolgete il Vostro Modo di Pensare!

Ciao a tutti! Ci parla Olivier Vermeille, responsabile marketing e pubbliche relazioni di Zallag (un publisher francese indipendente)

Sono davvero felice di poter parlare nuovamente alla community di PlayStation tramite questo blog!

Thumbnail

Questa volta vi voglio raccontare di un gioco che è stato pubblicato questa settimana nella sezione minis (compatibile sia con PlayStation 3 sia con PSP) di PlayStation Store: SHIFT extended.

SI tratta di un platform/puzzle game in cui potrete letteralmente ribaltare i livelli di gioco per trovare nuove vie d’uscita. L’intero gioco si basa sul concetto di “inversione” degli elementi e graficamente presenta uno stile in bianco e nero.

In pratica sarete il soggetto di un esperimento e dovrete attraversare i 120 complicatissimi livelli utilizzando l’unico potere a vostra disposizione: l’inversione. Grazie a questo potere vi sarà possibile modificare l’ambiente circostante e la struttura dei livelli, invertendo gravità e colori: il nero diventa bianco, gli ostacoli diventano cavità e viceversa. Non è facile descriverlo a parole, ma capirete subito quello che sto dicendo guardando questo trailer.

Screenshot 2

Questa versione estesa di SHIFT è stata sviluppata e migliorata appositamente per PlayStation 3 e PSP. I contenuti del gioco originale sono stati raddoppiati e sono state aggiunte alcune novità nel gameplay, tra cui convertitori, blocchi mobili, spuntoni mobili, blocchi elastici e una modalità a tempo, delle quali potete farvi un’idea guardando questo secondo filmato.

Ero davvero curioso di scoprire qualcosa sulla realizzazione di un titolo così particolare, così ho fatto alcune domande ai ragazzi di Fishing Cactus, gli sviluppatori del gioco.

Perché avete scelto il binomio cromatico del bianco e nero? Aggiungere un po’ di colore al tutto non sarebbe stato difficile, immagino.

Lo stile grafico è totalmente legato al gameplay. È stata l’idea di base, quella di poter invertire lo spazio, di essere in grado di giocare su un livello e, un attimo dopo, su quello opposto, a spingerci a compiere questa scelta. Per non parlare del fatto che un gioco in bianco e nero risulta molto più accattivante e gradevole rispetto, per esempio, a uno completamente blu e rosso.

In più, i livelli non sono colmi di elementi e c’è un motivo per cui sono così ordinati: con una meccanica di gioco simile, è importante lasciare la possibilità al giocatore di concentrarsi sulle sfide e sugli enigmi che sta affrontando, quindi deve essere tutto semplice e intuitivo. Avere troppi dettagli sullo sfondo avrebbe reso tutto più caotico.

E, pensandoci bene, questo look contribuisce anche al successo del gioco: vedendo un’immagine di SHIFT extended non lo si può confondere con nessun altro titolo, facendone così un gioco unico!

Screenshot 1

60 livelli nella versione originale, 120 in SHIFT extended. Come siete riusciti a mantenere vivo l’interesse dei giocatori con un numero così alto di livelli?

È tutto merito dell’abilità dei nostri level designer, no? Abbiamo inserito moltissime novità nella meccanica di gioco, dato che ci è stata data molta libertà in fase di progettazione. In realtà, il problema più grosso da affrontare era non risultare ripetitivi e conferire un look particolare a ogni livello, nonostante il paradigma bianco e nero.

Cosa richiede più tempo, il level design o la realizzazione tecnica?

Credo che le due fasi si equivalgano, dato che si tratta di un gioco in 2D con livelli costituiti da una sola schermata. Lo sviluppo di un livello, quindi, richiede lo stesso tempo richiesto dalla sua progettazione. L’unica restrizione che abbiamo avuto era assicurarci che la curva di difficoltà fosse ben bilanciata e che il giocatore comprendesse perfettamente le meccaniche di gioco presentate di volta in volta prima di inserirne di nuove.

Quali sono i livelli di cui andate più fieri?

Fishing Cactus: Gli ultimi 20 livelli sono i nostri preferiti. Sono anche i più difficili del gioco, quindi probabilmente le due cose sono legate. Ce n’è però uno che ci piace particolarmente e siamo davvero curiosi di vedere quanto tempo ci metteranno i giocatori a superarlo.

SHIFT extended è stato pubblicato in Europa il 19 gennaio su PlayStation Store al prezzo di 3,99 €. Lo potete trovare nella sezione minis (e, dato che si tratta di un minis, una volta acquistato potrete giocarci sia su PlayStation 3 sia su PSP). Speriamo tutti (qui a Zallag e a Fishing Cactus) che vi divertirete!

Potete trovare ulteriori informazioni sul gioco seguendo SHIFT extended e Zallag su Facebook.

Il nostro sito ufficiale (Zallag.com) è un altro canale diretto per ottenere informazioni, novità, leggere blog e mettervi in contatto con noi.

Ti è piaciuto?

Condividi questo post

Commenti

3 Commenti 0 risposte dell'autore
Mostra prima i più vecchi  
 

è come echochrome, ma in 2D bello :)

 

Carino…invece, Echoshift rimarra’ solo per psp o c’e’ in programma un porting su PS3 come fu per echocrome?

NathanNever 20 gennaio, 2011 @ 5:37 pm   3

Un classico di Kongregate vedo… mi sarei aspettato una versione PS3 con trofei e il resto, ma va bene anche così.